strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


Lascia un commento

Come si cammina

Mi hanno regalato un libro.
Sai che novità, mi direte voi.
Ma non ti farà male passare tutto ‘sto tempo a leggere?
Poi perdi la vista.
Perché non esci a fare due passi…

Ecco, mi hanno regalato un libro sul camminare.
È How to Walk di Thich Nhat Hanh.
Ne avevo parlato qui, e un’amica me ne ha regalata una copia.
Io ho delle amiche così. Continua a leggere


4 commenti

Everybody in the old Cell Block…

The_Prison_AlbumSi discuteva, l’altra sera, durante l’ora d’aria, qui nel Blocco C della blogsfera… si discuteva, dicevo, del Blocco C della blogsfera.

Terribilmente autoreferenziale, non trovate?
Ma è un po’ più complicato, di così, quindi credo che farò un giro un po’ più largo.
Potrei anche spoilerarvi un libro (o forse un disco)…

Allora, nel 1974, Michael Nesmith scrisse una storia intitolata The Prison
Che in effetti è (anche, e soprattutto) un disco. Continua a leggere


3 commenti

La Forza

Uno studente dello Zen disse al suo maestro, “Maestro, sono preda di una rabbia incontrollabile. Aiutami a liberarmene.”
“È una cosa davvero strana che ti affligge,” disse il maestro. “Mostramela.”
“In questo momento non posso mostrartela.”
“Perché no?”
“Si scatena all’improvviso.”
“Allora non può essere la tua vera natura,” disse il maestro. “Se lo fosse, saresti in grado di mostrarla in qualunque momento. Perché permetti a qualcosa che non ti appartiene di causare problemi alla tua vita?”
Successivamente, ogni volta che lo studente sentiva la sua rabbia crescere, ricordava le parole del suo maestro e la teneva sotto controllo. Col tempo, sviluppò un temperamento calmo e pacifico.

zen-buddhist-painting

Alla faccia di quello gnomo di Yoda.
Continua a leggere


5 commenti

Nella grande pagoda del divertimennto, la festa è finita…

… o forse sarebbe il caso che lo fosse.

OK, questa sarà una faccenda abbastanza convoluta.
Dovremo passare in un paio di posti strani, prima di arrivare a destinazione – ammesso che ci si riesca.

in-las-vegas-live-at-the-desert-inn-official-bootleg-recordingUn paio di notti or sono stavo ascoltando Caterina Valente Live in Las Vegas, il bootleg ufficiale del concerto tenuto dalla Valente al Desert Inn nel 1964.
Un ottimo disco, tra l’altro – selezione eccellente di canzoni, nessuna caduta dovuta a titoli meno che spettacolari, l’interprete in piena forma (come dicono quelli in gamba) e che sfoggia tutta l’estensione e la versatilità della sua voce.
È vero, è un bootleg, nel senso che bisogna trafficare un po’ con l’equalizzazione per ottenere un suono ottimale, ma in compenso si sente chiaramente l’attrice sorridere mentre canta. O a volte proprio ridere di gusto – ed è noto che ho sempre avuto un debole per le donne che ridono. Ma questa, naturalmente, è un’altra storia…

Continua a leggere


5 commenti

Primavere & Autunni

Ve lo ricordate il periodo delle Primavere e degli Autunni?
Se ve lo foste perso, si tratta del periodo cinese feudale, successivo alla caduta della prima dinastia Zhou, dal 770 al 454 avanti Cristo (ma c’è anche chi lo stiracchia fino al 407 a.C.). Un sacco di gente che correva di qua e di là, contrapposizioni fra stati rivali, invasioni barbariche, omicidi politici, spionaggio.
Al periodo delle Primavere e degli Autunni1 seguì il più sanguinoso e caotico periodo degli Stati Combattenti2.

ancient-china-battle-small1

In quegli anni turbolenti, tutte le principali scuole filosofiche cinesi ebbero il loro inizio, concentrandosi su due questioni assolutamente essenziali:

  1.  come gestire il potere
  2.  come riconoscere la competenza

Ecco, è questa seconda parte che mi interessa, oggi.
Come diamine facciamo a riconoscere la vera competenza?

Continua a leggere


7 commenti

Prigionieri

Selezione_003Mi hanno regalato un libro.
Nulla di personale – si tratta di una di quelle cose per cui ti iscrivi alla mailing list di un editore, e quello ti regala uno dei suoi libri in formato digitale.
Niente di che.

Il libro è invero un libricino, di qualcosa come quaranta pagine, si intitola Be Free Where You Are, ed è la trascrizione di una lezione tenuta dal monaco e maestro zen, Thich Nhat Hanh, nell’Istituto Correzionale di Hagerstown, in Maryland.
Sì, sitratta di una lezione sulla libertà tenuta davanti ad una platea di carcerati.

Ora, mi interesso di zen da decenni e ho sempre letto con un certo piacere i testi di Thich Nhat Hanh, ma ad incuriosirmi, inq uesto caso, è stato l’argomento, e il luogo.
Ci vuole un certo coraggio, una certa facciatosta, per andare a parlare di libertà in una prigione.E d’altra parte, in quale altro luogo il discorso troverebbe ascoltatori altrettanto attenti – e altrettanto bisognosi di scoprire come trovare la libertà indipendentemente da dove ci si trova?

Continua a leggere


18 commenti

Quando un uomo con la pistola incontra un uomo col fucile…

111… quello con la pistola è un uomo morto.

È una citazione da Per un Pugno di Dollari.
Ma non voglio parlarvi di spaghetti western.
Per quanto, potrebbe essere un argomento interessante – e pare sia anche piuttosto popolare.

No, parliamo di tecnica.

La frase pronunciata da Ramon nel film di Sergio Leone implica una ineluttabilità di fatto.
Il fucile batte sempre la pistola, non importa chi impugni la pistola e chi impugni il fucile.

Più in generale, esiste una tecnica di un certo tipo che viene sempre e comunque battuta da una diversa tecnica.

Il che ci porta… lo sapete dove ci porta, vero? Continua a leggere


3 commenti

Il Tao Te Ching in edizione semantica

Lao Zi2Oggi apriamo con un post spudoratamente pubblicitario.
E doppiamente, pubblicitario.

Il Tao Te Ching è uno dei testi fondamentali della cultura filosofica di questo pianeta.
Sì, certo, è cinese, ma le sue influenze si sono ormai estese a tal punto che non esiste una cultura sul nostro pianeta che non abbia sentito, prima o poi, in un modo o nell’altro, gli influssi del pensiero taoista.
Che poi si tratti del Buddhismo Zen, del Tao della Fisica, di qualche fisima new age o dell’approccio sistemico alla risoluzione dei problemi, il vecchio Lao Tsu (o Laozi) è seduto da qualche parte, e sghignazza.

Il testo del Tao Te Ching (O Dao Te Ching che dir si voglia) è spesso ingannevole ed ambiguo – e non giova il fatto che il linguaggio ideografico si presti a doppi sensi e giochi di parole.
E i taoisti adoravano i giochi di parole.

Screenshot from 2014-06-26 18:37:27È quindi un’ottima notizia quella dell’uscita di una edizione semantica del Tao Te Ching, pubblicata da un autore/editore e distribuita ad un prezzo ridicolo attraverso Amazon.

Potete acquistarlo cliccando sull’imagine qui di fianco.

Ed io sono particolarmente felice di questa iniziativa, perché l’amico Giuseppe Tararà, che ha messo in cantiere il progetto, è stato uno dei coraggiosi studenti del mio corso sul Taoismo online, un paio di anni or sono.
E sembra quindi che ciò che io ho raccontato via web gli sia piaciuto, e l’abbia interessato abbastanza all’argomento da diventarne un cultore.

E trovo taoisticamente molto appropriato che questa nuova edizione del Tao Te Ching (io a chiamarlo Dao Te Ching non mi ci abituerò mai) in italiano esca proprio ora, mentre io sto lavorando per rimettere in piedi il mio corso, ed offrirlo nuovamente al pubblico a fine settembre.
Mi pare beneaugurante.
Oltretutto, ora i partecipanti avranno a disposizione una edizione del testo di base decisamente buona per la didattica.