strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


6 commenti

Tre libri, forse quattro

Un paio di sere or sono mi hanno rivolto una di quelle domande ipotetiche e sostanzialmente inutili che servono a far partire delle discussioni che si protraggono a lungo nel cuore della notte. La domanda in questo caso specifico era

Supponiamo che tu debba andare a parlare a una terza superiore, a dei sedicenni, e che tu gli debba presentare un solo libro, un volume di narrativa che secondo te è fondamentale che leggano. Cosa gli consiglieresti?

Ed è venuto fuori naturalmente che io di libri gliene consiglierei tre, forse quattro, magari anche cinque. Ed è stato interessante sentire opinioni alternative e suggerimenti incrociati.
Non so se mai avrò l’occasione di fare una presentazione del genere – ne dubito profondamente, ma credo sarebbe divertente. Per intanto, infliggo le mie opinioni non richieste a voi.

Continua a leggere


6 commenti

Il miglior manuale di scrittura del mondo

PenguinBookPlagueStackFramedSi chiacchierava, qualche giorno addietro, di manuali di scrittura, con un paio di amici.
È ben noto che io ormai li colleziono, ne ho letti a dozzine, e non ce n’è uno che non sia in qualche modo utile, e non ce n’è uno che da solo risolva tutti i problemi.
Ne ho parlato spesso in passato.
Ma c’è una cosa che ho sentito alcune settimane addietro – e non riesco assolutamente a trovare il link per recuperarla – che faceva più o meno così

Il miglior manuale di scrittura?
Un vecchio paperback della collana Penguin Classics.

Che non è poi una cosa così scema.
I risultati delle attività delle decine di “scrittori” che non leggono sono sotto gli occhi di tutti.

Non ci sono manuali che tengano, il miglior libro dal quale imparare a scrivere è un vecchio classico. Continua a leggere


34 commenti

Elfobabble

forest elfVi è mai capitata una cosa di questo genere?

Sulwen Calhurnar guardò con occhi fiammeggianti l’Oscuro Signore di Mordankh.
Colui che aveva sterminato gli elfi di Gwendolion e raso al suolo Caer Abersynth, che aveva dato in pasto il popolo delle Marche Meridionali alle sue armate di Urkh-marakh, e che ora si preparava a gettare la sua ombra sull’intero continente di Tulipan, con le sue verdeggianti pianure lungo il corso placido del fiume Edorath.
La giovane guaritrice elfica sapeva che…

bla bla bla

Io lo chiamo elvenbabble o – in lingua patria – elfobabble.
E non ne posso più.
Perciò, pork chop express…
Continua a leggere