strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


9 commenti

Cerca di sembrare felice

Ok, questo pork chop express era lì che covava da un po’ di tempo, e ora si aggancia abbastanza bene – io credo – alla discussione sui finti giovani.

Un po’ di background.
In vista di una mia partecipazione ad un evento pubblico, mi è stata richiesta una breve biografia ed una fotografia.
È nota e documentata la mia riluttanza a spargere per l’universo riproduzioni del mio faccione storto.
È una forma distorta di vanità, naturalmente – sono troppo vanitoso per mostrare in pubblico la mia faccia se non è strettamente necessario.
Ciò fa sì che io non abbia una foto pronta da spedire a far/istituzioni/organizzazioni.
Aggiungiamo alla miscela una webcam riottosa e dieci giorni di fuoco per attività diverse, e la faccenda fotografia slitta in secondo piano.
Ricevo un sollecito dalla coordinatrice del progetto, e per giustificarmi dico qualcosa del tipo

(i miei photoshoppatori stanno sudando sette camice per farmi assomigliare a George Clooney…)

Alla quale ricevo la seguente risposta

ma no, non devi parere bello, devi parere FELICE!
questo, in realtà, piace alle donne 😀

Per la serie – ma perché non ci avevo mai pensato prima?

Ora, un attimo di pausa – continuo a sostenere (e ci ho fatto anche delle conferenze pubbliche) che la componente istintiva-biologica spingerà sempre e comunque le donne a prediligere il maschio coi denti bianchi (sano, no carenze di calcio), la pelle abbronzata ed un buon tono muscolare (vita all’aperto, buon cacciatore), e la barba di due giorni (che dimostra maturità sessuale ma non indica vecchiaia) – tutti fattori che, insieme con un culo sodo (buon corridore) segnalano il partner ideale dai tempi del neolitico.

E concordo con Batman (e ne ho parlato nelle mie conferenze) quando sostiene che, comunque, le donne giudicano sulla base dell’automobile.

E c’è poi la solita questione dei bastardi – ma com’è che quelli che le usano, le trattano male, le fanno soffrire, non sono stati eliminati dal pool genetico?
Voglio dire, se sono anche solo bastardi la metà di quello che mi è stato raccontato più e più volte, durante infinite cene a due in cui avremmo dovuto parlare di noi e invece siamo finiti aparlare del loro ex, com’è che ‘sti tizi trovano donne fertili con le quali riprodursi?
E la risposta è che – poiché il tipo maledetto piacicchia – almeno un’opportunità riproduttiva, prima che vengano le lacrime e le recriminazione, viene loro concessa con una certa facilità.

Ma pur considerando tutto questo – chi ce l’aveva mai detto di sembrare felici?

Non era che tirava il tipo bello e dannato?
Non era che le più carine si mettevano sempre coi trogloditi?

E poi, come si fa, a sembrare felici?
Meditazione trascendentale, superalcoolici, sostanze illegali, sesso tantrico stile Sting…?
O semplicemente essere abbastanza a proprio agio con se stessi che, come diceva il Tao di Steve, si trascende ogni forma di impacciataggine, e le cose semplicemente funzionano?

Un bel problema.
Ma visto che la mia valutazione di mercato, sulle savane del neolitico, sarebbe bassina, che la mia auto è un vecchio catorcio senza personalità e che appaio bello e dannato quasi quanto un uistitì, forse forse buttarla sulla felicità potrebbe essere una utile strategia riproduttiva.
O per lo meno un buon modo per trovare qualcuno con cui fare quattro chiacchiere intelligenti.
Potrebbe convenire cominciare a fare un po’ d’esercizio.

Tanto poi si finisce aparlare di quei bastardi dei loro ex…

=-=-=-=-=
Powered by Blogilo