strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


6 commenti

Tre tacche sul calcio della pistola

Oggi un post che è- – anche – un post del piano bar del fantastico, ma che è soprattutto un post autopromozionale.
È talmente autopromozionale che credo ci metterò persino i link ad Amazon.
Sarà incredibile.
Il punto è che mi è stato fatto notare che

If you don’t respect yourself
Ain’t nobody gonna give a good cahoot, na na na na

Beh, ok, non esattamente con quelle parole – io non frequento Joe Cocker*.

Poco più che cinque anni or sono venni contattato da un gentiluono di nome Benjamin Szumskyj, all’attenzione del quale erano state portate alcune cose che avevo scritto su Fritz Leiber – che come chi frequenta questo blog probabilmente ricorderà, è il mio autore preferito.
Ben mi chiese se sarei stato interessato a contribuire ad una nuova pubblicazione sull’opera di Leiber.
E solo un idiota non avrebbe accettato.

515U643UKSL._Il risultato di quella collaborazione fu Thank God They Are on Our Side (I think): The Cat as Alien in Fritz Leiber’s Fiction, il mio contributo a Fritz Leiber, Critical Essays.
Un saggio, sul mio autore preferito, pubblicato da un prestigioso editore americano (la McFarland), in un volume che include articoli di S.T. Joshi, Robert Waugh e Justin Leiber.
Il mio articolo, in particolare… beh, se devo spiegarvi di cosa parla, allora marca veramente male, non credete?
Fu davvero un’esperienza ottima – lavorare con un eccellente editor è sempre un’ottima esperienza.
E fu anche la mia seconda vendita come autore, la certificazione, se volete, come autore professionista – c’era gente là fuori disposta a pagare denaro reale per il mio lavoro.
Fu grande.

9780786432752Al punto che decidemmo di rifarlo.
Brian ottenne ottene il via libera da McFarland, e pensò di contattare i suoi vecchi complici.
E così pochi mesi dopo, pubblicai This is the Blind Leading the Blind: Noir, Horror and Reality in Thomas Harris’ Red Dragon, nel volume Dissecting Hannibal Lecter: Essays on the Novels of Thomas Harris, un’altra poderosa raccolta di saggi sull’opera di Harris, ancora con Szumskyj editor e McFarland editore, ancora con S.T. Joshi e Robert Waugh fra i contributors.
Anche qui, non è il caso che vi spieghi di cosa parla il mio articolo, credo.

Però, riguardavo Manhunter, un paio di notti or sono, e che diamine – è vero che il mio pezzo riguarda il libro, non l’adattamento cinematografico di Michael Mann, però devo dire che ci ho decisamente preso, nella mia analisi.
O se preferite, ho scoperto che Michael Mann la pensa come me.

american_exorcist_coverE così ne facemmo un terzo.
It Ain’t Over Until the Fat Lady Sings: William Peter Blatty’s Elswhere and the Haunted House Formula fu il mio contributo ad American Exorcist: Critical Essays on William Peter Blatty, una raccolta di saggi sull’opera letteraria di William Peter Blatty – un autore i lavori del quale sono forse stati messi in ombra dal successo cinematografico de L’Esorcista.
Al punto che molti appassionati di orrore che ne idolatrano il lavoro – a distanza, come sempre – si scordano che Blatty esordì come autore comico.
O che rimane, anche su lavori “leggeri” come Elswhere, un autore con una cultura sterminata sul genere.
Fu molto divertente.

Tutti e tre i volumi sono ancora disponibili – quelli su Blatty e su Harris anche in formato ebook.
Mi portano una minima percentuale di royalties ogni anno – che di solito è a tal punto esigua che la giro in beneficenza.

E sì, prima che qualcuno lo faccia rimarcare – sì, i miei articoli hanno dei titoli chilometrici.
Fatevene una ragione.

Mi dispiacque molto, lo ammetto, dover rinunciare per motivi complicati, a partecipare al quarto volume della serie, Man Who Collected Psychos: Critical Essays on Robert Bloch
.
Sarebbe stato bello, perché lavorare con chi ci rispetta è sempre bello.
Ma non si può sempre fare tutto.

Ciò che si è fatto, tuttavia resta – complice il processo del print on demand.

Il fatto che io non ne parli di frequente, che non piazzi settimanalmente un post autopromozionale, che non martelli i miei contatti di mail per vendere due copie in più, non significa che io non sia maledettamente orgoglioso di questi libri, e di tutto quanto io abbia fatto.
O che, con buona pace di Joe Cocker*, io non rispetti me stesso, e il mio lavoro.

Però è vero – di quando in quando un pro memoria può servire.
Anche a me.

Ah, sì, dimenticavo.
I link qui sopra sono link commerciali alle pagine di Amazon.it
Cliccando su di essi, Jeff Bezos vi ruberà l’anima e la rivenderà in formato Kindle.
E poi, volendo, potrete acquistare i libri.

————————————————————————————–

* O Bruce Willis.


1 Commento

Gratificazioni personali 3

Tangenziale, ma comunque gratificante.
Scopro attraverso l’ormai immancabile servizio di Splattergramma l’uscita, per i tipi di Cemetery Dance, di Elsewhere, romanzo nel quale William Peter Blatty si cimenta con uno dei cliché classici della narrativa orrifica – la casa infestata.

Si tratta di un lavoro nel quale Blatty torna almeno in parte alle proprie radici di narratore umoristico (forse non tutti sanno che…), pur restando vicino alle tematiche classiche (ambiguità morale, corruzione e redenzione) affrontate con il taglio classico dell’investigazione sovrannaturale.
Una storia che ha un grosso debito verso i classici, ma tenta (starà al lettore decidere con quale grado di successo) di rinnovare la formula nel rispetto della tradizione.

A titolo assolutamente personale, questo titolo, insieme con Twinkle Twinkle Killer Kane (dal quale venne tratto il film La Nona Configurazione, con Stacy Keach), rimane fra i miei preferiti dell’opera dello scrittore statunitense.

La storia era uscita originariamente – in forma leggermente diversa – sull’antologia di narrativa orrifica sovranaturale 999, pubblicata al volgere del millennio.
Uscì in traduzione anche in Italia, e oggi la si trova probabilmente con una certa facilità su bancarelle o presso servizzi di remainder.

Una analisi approfondita di quella versione del romanzo, e in particolare del posto occupato dal lavoro di Blatty nel panorama già dominato da classici come The Haunting di Shirley Jackson e Hell House di Richard Matheson, è stato pubblicato l’anno passato nel volume American Exorcist, pubblicato da McFarland e curato dall’immarcescibile Benjamin Szumskyj.
Il saggio in questione si intitola It Ain’t Over Till the Fat Lady Sings: William Peter Blatty’s Elsewhere and the Haunted House Formula.
E l’ho scritto io.
Non dovrei dirlo, ma mi è venuto proprio bene.

Powered by ScribeFire.


2 commenti

Gratificazione personale 2

Dopo Leiber, è la volta di Harris.Dissecting Hannibal Lecter
Dissecting Hannibal Lecter, primo volume di critica sull’opus letterario Harrisiano, curato dall’inossidabile Benjamin Szumskyj per McFarland, ha appena ricevuto una eccellente recensione su HorrorScope, rivista elettronica australiana dedicata all’orrore, organo ufficiale della Australian Horror Writers Association.

Dissecting Hannibal Lecter, edited by Benjamin Szumskyj, is an erudite collection of scholarly essays, largely penned by academics and predominantly concerned with the moral status of American author Thomas Harris’ two most enduring characters, Dr Hannibal Lecter and Clarice Starling, and their place in the gothic tradition. The book differs slightly from the usual biographies of famous literary/cinematic characters in that the editor chooses to focus entirely on the written narrative, probably a wise choice as there is already a pantheon of literature focusing on the films.

E se questa volta il recensore – Anthony Ferguson, che elenca fra le sue passioni “bambole e serial killer” – non isola e loda il mio pezzo in particolare, il giudizio generale sull’opera è a tal punto positivo da causare un piccolo brivido di autocompiacimento.

Szumskyj’s collection offers us many insights into the literary journey undertaken by Thomas Harris, and in this review I have merely followed one of several threads. In this regard, the book is successful in encouraging the Harris fan to delve deeper into the psyche of the novelist and his creations to further explore their place in the pantheon of horror literature.

Alla via così, quindi.
E non si potrebbe chiedere di meglio.

Powered by ScribeFire.


7 commenti

American Exorcist

Il terzo volume di saggi curato da Benjamin Szumskyj per i tipi della McFarland, American Exorcist, dedicato all’opera di William Peter Blatty, è finalmente uscito in libreria, ed è già esaurito presso Amazon.com.
Non male, come inizio.

Il volume è stato accolto con commenti lusinghieri dallo stesso W.P. Blatty, che si sta preparando, attraverso la casa editrice Cemetery Dance, a ristampare in versione definitiva la propria opera omnia.

Dal canto mio, in attesa che la mia copia venga recapitata (ah, le poste nazionali!) non posso che ribadire il mio piacere per essere stato parte del progetto.

Per i curiosi, riporto di seguito l’indice

Acknowledgments      vi
Preface      1
Introduction      3

1. “So Much Mystery…”: The Fiction of William Peter Blatty
BY SCOTT D. BRIGGS      9
2. Lebanon, the Fightin’ Irish, and Billy Shakespeare: The Comic Novels of William Peter Blatty
BY JOHN GOODRICH      18
3. Fear of the Assimilation of the Foreign Other in The Exorcist
BY PHILIP L. SIMPSON      25
4. A Devil for the Day: William Peter Blatty, Ira Levin, and the Revision of the Satanic
BY JOHN LANGAN      45
5. The Horror of The Exorcist: Its Presentation and Confrontation
BY J. W. OCKER      71
6. Some Thoughts on The Ninth Configuration
BY HENRIK SANDBECK HARKSEN      78
7. Twinkle, Twinkle, “Killer” Kane! and The Ninth Configuration: A Comparison
BY RYAN STREAT      89
8. “Foot, You Are Wise!” The Apologetic Structure of The Ninth Configuration
BY GEOFFREY REITER      99
9. The Exorcist and Legion: Religious Horrors
BY TIM KROENERT      112
10. The Devilish God: William Peter Blatty’s Legion and the Problem of Evil
BY JAMES DOIG      124
11. Demons Five, Exorcists Nothing—A Fable: The Theo-Illogical, Semi-Autobiographical Epic Film That Never Was
BY MICHAEL GARRETT      132
12. It Ain’t Over Till the Fat Lady Sings: William Peter Blatty’s Elsewhere and the Haunted House Formula
BY DAVIDE MANA      150
13. The Exegesis of William Peter Blatty: Catholicism, Exorcism and Pazuzu
BY BENJAMIN SZUMSKYJ      166

About the Contributors      185
Index      189