strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


7 commenti

Birthgrave, quarant’anni dopo

tlee01Ho parlato già più volte, in passato, di Tanith Lee, un colosso della narrativa fantastica anglosassone, putroppo recentemente scomparsa (e se WordPress farà il suo dovere, troverete i post linkati qui sotto).
E credo anche di aver raccontato come il suo The Birthgrave sia stato il secondo romanzo che io abbia letto in originale – facendo una fatica dannata e mettendoci una intera estate, ma emergendo più sicuro delle mie capacità, se non più saggio.

The Birthgrave è un romanzo estremamente ambizioso – specie considerando che si tratta dell’opera di esordio della Lee. La storia mescola fantasy e fantascienza, sword & sorcery e psicologia, e ricordo che all’epoca mi venne descritto da un conoscente come “ultrafemminista”.
Probabilmente perché la protagonista è una donna. Continua a leggere