strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


3 commenti

Niente di nuovo

Ieri ho letto di uno studio secondo il quale dopo i 33 anni non si ascolta più nuova musica.
Pare che per me non funzioni così.
O non esattamente.
E mi fa un po’ ridere, considerando che già ai tempi del liceo (che è poi quando uno di solito comincia ad ascoltare più musica) io ero quello che ascoltava musica vecchia.
Perciò, forse, tutto dipende da cosa si intende per nuova.

Per me questa è musica nuova – scoperta da poco.
Lei è Cassie Taylor.
Il pezzo sono due – Ol’ Mama Dean parti 1 e 2.

E buona domenica.


3 commenti

Beth Rowley

Domenica.
Post breve.

Ieri ho ritrovato un disco che credevo di aver perduto da anni, fra i vari traslochi, spostamenti, incidenti di questi anni.
E invece era in una scatola.
E così l’ho riascoltato, approfittandone per testare il vecchio stereo Philips che ora serve la mia stanza.

L’album si intitola Little Dreamer, e l’ha inciso nel 2008 una giovane donna di Bristol che si chiama Beth Rowley.
Classe 1981.
Che ha una voce fantastica.

beth-rowley

La Rowley usa questa voce per cantare un mix di soul e blues estremamente piacevole, piuttosto jazzato, con qua e là qualche suggestione country.
Ora pare che stia per uscire, dopo quattro anni, il suo secondo album.
Nel frattempo ha fatto musica dal vivo, perché dice che è più divertente.
Ed ha fatto cinema – contributi alle colonne sonore, un bel cameo…

Aspetto con una certa curiosità questa seconda uscita.
Intanto…