strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


12 commenti

E dopo la BURAN, la RALEIGH

space-shuttle-24Il 29 novembre del 2013 feci un post per segnalare come una delle premesse di un mio vecchio racconto si fosse avverata.

In Buran, pubblicato su Alia nel 2006, raccontavo di come una delle due navette russe di classe Buran fose stata sistemata in un hangar fuorimano anziché venire smantellata come da programma, diventando molti anni dopo un elemento chiave nel ritorno dell’umanità allo spazio.
E nel novembre del 2013, sette anni dopo che io avevo scritto la mia storia, una navetta Buran saltò fuori in un hangar fuori mano – proprio come avevo detto io.

Un esempio abbastanza tipico del mio genere di fantascienza, Buran era la storia di una missione finanziata privatamente attraverso la Planetary Society per riprendere contatto con una sonda spaziale – chiamata RALEIGH – ricomparsa dal nulla dopo molti anni, di ritorno da oltre le Nubi di Oort.

La mia storia faceva più o meno così… Continua a leggere


19 commenti

Il Ritorno della Buran

13722Oggi un post decisamente fuori programma, che nasce dal fatto di esser stato sveglio fino alle tre a chiacchierare.

Molti anni or sono scrissi e pubblicai una storia intitolata Buran – era il 2006, e il racconto uscì sul terzo volume dell’antologia Alia, pubblicato dalla CoopStudi di Torino.
Buran era la storia della rinascita, strana e avventurosa, di un programma spaziale sui generis in risposta ad un evento tanto inspiegabile quanto meraviglioso.
Era una storia sulla dignità della ricerca scientifica, sulla passione e sull’avventura della corsa allo spazio, sull’importanza di continuare a guardare le stelle.
Era eroica, enfatica, ottimista, e vagamente satirica.

In quella storia, mi serviva un’astronave, un veicolo spaziale che potesse portare quattro vecchi in orbita attorno alla Terra.
C’erano i vecchi Shuttle degli americani, certo, ma io preferivo le navette Buran sovietiche, anche perché erano strane, ed avevano una storia.
E così scrissi questo, a circa metà del racconto…
Continua a leggere