strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


3 commenti

Il ritorno del digital divide

22792-vzochat-video-chatLa settimana passata, con tutto che eravamo a cavallo fra Pasqua e il 25 aprile, mi hanno offerto un lavoro.
No, davvero.
Un’azienda straniera.
Si trattava oltretutto di un lavoro che ho fatto in passato, con un discreto successo – insegnare italiano agli stranieri.
Sostanzialmente conversazione.
Nulla di straordinario, come pagamenti, ma col vantaggio di avere orari flessibili e di poter lavorare da casa.
Non male, viste le prospettive attuali.

In teleconferenza.

E quindi ho dovuto rifiutare. Continua a leggere


3 commenti

Meno globale del previsto

La settimana passata ho fatto un esperimento.
Per una settimana, ho ribassato i miei ebook della serie di Aculeo & Amunet da un dollaro e cinquanta a un dollaro.
Ovvero da circa un euro e quindici centesimi tasse incluse, a ottantasei centesimi.

Gli effetti sono stati particolarmente interessanti.
Se infatti sul mercato italiano le vendite sono state sufficienti a mandare entrambi i titoli nella Top 20 di Amazon.it nella categoria Fantasy – e Lair ha anche raggiunto il famigerato secondo posto nella categoria Azione e Avventura – su ogni altro mercato, d’altra parte, le vendite si sono completamente azzerate.
Per sette giorni.
E per i giorni che verranno – staremo a vedere.

Curiosamente, l’ebook che era stato definito “conveniente per il suo prezzo” a 1.50 dollari, è diventato “sospetto” nel momento in cui è stato ribassato del 33%. Continua a leggere


3 commenti

Editoria tradizionale o autoproduzione, l’opinione degli autori

dbw-publishedauthorexpectatÈ estremamente improbabile che qualcuno di noi legga a breve What Advantages do Traditional Publishers Offer Authors, A Comparison of Traditional and Indie Publishing from the Authors’ Perspective, di Dana Beth Weinberg and Jeremy Greenfield.
Si tratta di uno studio condotto congiuntamente da Digital Book World e da Writer’s Digest, e circola in formato pdf, per la cifra di 295 dollari.

Poiché non abbiamo quei soldi da spendere, ci conviene approfittare dalle tabelle scelte pubblicate da DBW, e ragionarci un po’ su, volete?
Sarà una buona occasione, fra le altre cose, per sentire l’opinione di chi c’è dentro, e confrontarla con quella di chi dentro vorrebbe esserci, ma non c’è ancora.
Vedrete che sarà interessante. Continua a leggere


19 commenti

Il buco nero da 1.99$

L’universo là fuori è veramente strano.

Del tipo – qual’è il prezzo giusto per un ebook?
No, no, aspettate.
È un’altra cosa interessante…

Prezzo (restaurant)

Il discorso che voglio fare parte da un interessante studio pubblicato di recente, per cui risulta che, nel resto dell’universo, il peggior prezzo possibile per un ebook di media lunghezza è 1.99$
La cosa è interessante – quello del “prezzo giusto” è uno dei temi più dibattuti da che esistono gli ebook.

Dati alla mano, il direttore del ramo self-publishing e rapporti con gli autori di Kobo (che in Italia è agganciata a Mondadori), ha osservato che il prezzo di 1.99 è “morto”.
I libri che vendono di più – e in maniera più consistente, sono nella fascia 2.99$-3.99$

I dati di Kobo coincidono con quelli pubblicati da Smashwords, che rilevano come – nelle parole del CEO dell’azienda – il prezzo di 1.99$ rappresenti ormai “un autentico buco nero da evitare”.

Mica robetta.

Ciò che è successo, a quanto pare, è questo.
Quando parliamo di un romanzo, per il pubblico degli ebook nel mondo anglosassone, il prezzo di 99 centesimi viene visto come prezzo promozionale, come parte di una strategia aggressiva. Spesso, si tratta di un prezzo ribassato per un breve periodo – ed alcuni lo chiamano già “il nuovo gratis”.
Il prezzo di 2.99 o più segnala una certa qualità – l’autore paga i suoi editor e può permettersi una copertina professionale, segno che crede nel proprio lavoro e quindi vale la pena rischiare.
A metà strada, il prezzo di 1.99, risulta “sospetto” – troppo alto per essere un affare o un rischio accettabile, troppo basso per segnalare qualità o, addirittura, fiducia dell’autore nel proprio lavoro.
E quindi, dovendo scegliere come spendere i miei soldi, spendo un po’ di più per un prodotto che percepisco come migliore – o spendo la stessa cifra in 2 ebook in offerta a 99.

Tutto questo mi interessa perché, come dicevo, la definizione di prezzo e la pianificazione delle promozioni sono parte del lavoro che come autore/editore mi tocca inventarmi.
Anche se le informazioni fin qui raccolte sembrano indicare chiaramente che sul mercato italiano, l’unico prezzo ritenuto accettabile è “gratis”.


5 commenti

Due libri per la settimana

Due libri sul piatto, e neanche un minuto per leggerli.
A meno di rubare tempo al sonno, o leggere mangiando.
Eppure…

In quest’ultima settimana di “vacanze” ho deciso di sacrificare una quindicina di euro per due ebook “costosi” – due saggi che avevo da tempo sulla mia lista, e che viaggiano a circa 8 euro l’uno.
Due manuali.

Cover of "Cracking the Code: How to Win H...

Cover via Amazon

Il primo è Cracking the Code, di Thom Hartmann, autore scoperto l’anno passato, ed ormai uno dei capisaldi del mio scaffale.
Il sottotitolo, How to Win Hearts, Change Minds, and Restore America’s Original Vision, lo fa sembrare un po’ uno di quei manuali di self-help farlocchi che si vendono nelle stazioni.
Invece è un saggio dettagliato ed argomentato sulla comunicazione politica, sul linguaggio della persuasione; unmanuale su come comunicare meglio, sì, ma in chiave politica ed ideologica.
Come comunicare meglio la verità.

51+ISsTRGxLIl secondo è APE, di Guy Kawasaki e Shawn Welch, un manuale che ha l’ambizione di diventare il Chicago manual of Style per il self-publishing. Anche qui abbiamo un sottotitolo – Author – Publisher – Entrepreneur: l’idea è di analizzare l’autoproduzione di ebook come attività imprenditoriale – e Guy Kawasaki, ex evangelista Apple ed esperto di imprenditoria d’assalto, è una garanzia.
Un libro di 410 pagine con 378 link a contenuti extra, questo è un libro del ventunesimo secolo, per il ventunesimo secolo.
E promette molto bene.

E mi rendo conto che i due volumi sono, alla fine, strettamente correlati.
Sarà bello, passare qualche ora ogni notte in compagnia di Hartmann e Kawasaki.
Aspettatevi delle recensioni molto dettagliate.