strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


11 commenti

Ucronia a vapore

Alessandro il Grande si appresta a conquistare l’intero bacino mediterraneo.
Spinto da una ambizione divorante e perseguitato dalla convinzione – instillatagli dalla madre – di essere il figlio di Zeus, il principe macedone, una volta sbaragliati i persiani, rivolge il proprio sguardo verso occidente, conquista l’Egitto, ed ora minaccia il vasto impero che Atene ha creato sulle sponde del Mediterraneo.
Avversato dal padre, circondato da generali fedelissimi e da traditori insospettati, sospinto da misteriose profezie, Alessandro può contare sulle armi create grazie alla super-scienza sviluppata da Aristotele – armi tanto orribili che il filosofo, intuendone le potenzialità, si è dato alla macchia (probabilmente in Sicilia).
E intanto, mentre gli imperi collassano e la posta in gioco si fa elevatissima, quattro profughi improbabili, a bordo di una nave a vapore persiana superstite, stanno per mettere un colossale bastone fra gli ingranaggi della macchina macedone.
Ad Alessandro il grande non piacerà per niente…


Continua a leggere