strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


9 commenti

Storie Peculiari

C’è una sorta di vago senso di disperazione enl continuare ad acquistare e leggere manuali di giochi di ruolo avendo superato la boa dei 55 anni, e nel bel mezzo del 2022.
Giocare, da quando mi sono trasferito fra le colline dell’Astigianistan è molto difficile – ma le pestilenze degli ultimi anni hanno favorito lo sviluppo del gioco online, che già andava abbastanza forte prima.
Perciò sto giocando una campagna con D&D 5 – come giocatore – tramite Roll20 e Discord, e ho una mia squadra occasionale che gioca via chat room quando c’è un quorum disponibile.

Ma continuare a comprare e leggere manuali?
Che senso ha?
Ho gli scaffali – reali e digitali – che si piegano sotto al peso di giochi che non giocherò mai.

Un esempio perfetto: Peculiar Tales, gioco indipendente creato e illustrato da Frank Perrin, che negli ultimi due giorni ho letto con crescente interesse e la consapevolezza che sarà molto molto difficile giocarlo nel futuro prossimo.
Purtroppo.

Peculiar Tales è un gioco che mette assieme un paio di idee molto divertenti, un sistema di gioco che si adatta perfettamente al genere, e un setting appena abbozzato in una cinquantina di pagine che sarebbe molto bello esplorare.

Cominciamo dal setting: il mondo di Peculiar Tales è più o meno il vostro solito mondo fantasy – ci sono gli elfi, gli esseri umani e gli orchi, ci sono due continenti costellati di città-stato separate da giungle e terre selvagge. Nelle terre selvagge si annidano i resti di antiche civiltà perdute, con tutto il solito corollario di mostri, maledizioni, artefatti meravigliosi eccetera. La magia esiste.
MA…
In questo mondo c’è anche una quarta specie, i goblin, che sono, letteralmente, ometti verdi venuti dallo spazio. Le loro navi sono atterrate/naufragate sul pianeta alcune generazioni or sono e i perpetuamente ridanciani passeggeri si sono più o meno perfettamente integrati nella società. Portandosi dietro la loro superscienza e le tecnologie che ne derivano.

Peculiar Tales si svolge in una variante quasi dieselpunk negli anni ruggenti di un mondo fantasy, con automobili, locali notturni, gangster, scienziati pazzi, signori della guerra, e pigmei zombie cannibali.
È un concetto così semplice che è sorprendente che nessuno ci avesse pensato prima.
Beh, OK, c’erano un paio di giochi nei primi anni ’90 che avevano provato ad andare in questa direzione, come Blood Shadows per il sistema Masterbook (che era stato un flop colossale); e in effetti forse addirittura Eberron pareva intenzionato ad andare in quella direzione.

Ma Peculiar Tales lo fa bene, con delle meccaniche diverse dal solito – i giocatori essenzialmente si giocano a poker le azioni e i risultati – e lo fa in poco più di cento pagine, per meno di otto euro in formato digitale (anche se sto facendo seriamente un pensiero sulla versione rilegata rigida, perché si tratta davvero di un bel libriccino).

Le meccaniche, basate sulle carte da gioco, sono ciò che rende il gioco diverso dal solito, ma anche difficilmente giocabile online, ed è un peccato.

Certo, il concept si può esportare molto facilmente – le cinquanta e rotte pagine di setting possono essere innestate su Savage Worlds (che pare fatto apposta per questo genere di cose, magari con i vecchi manuali Pulp per buona misura). E davvero, a quel punto perché non usare Eberron per espandere il setting? Sarebbe divertente.

Che poi è il motivo per cui alla veneranda età di undici lustri si continuano a comprare e leggere manuali – perché è comunque una fonte di divertimento, e di idee.


14 commenti

IDD, baby!

12195894_1047804378566091_7030728815196741204_nDodici di Novembre, International Dieselpunk Day.
E ne abbiamo parlato un paio di mesi or sono, di dieselpunk – definendolo il genere a cui appartengono

storie d’immaginazione ambientate fra la fine della Prima Guerra Mondiale e il lancio dello Sputnik

… e scritte oggi, ci sarebbe stato da sottolineare: la fantascienza degli anni ’40 resta fantascienza anni ’40.

E allora, in attesa che qualcuno decida di chiamarlo Carburopeppa e di recintarselo, perché non facciamo due chiacchiere sul dieselpunk, in questo giorno di festa?
Continua a leggere


10 commenti

Dieselpunk

The-Mammoth-Book-of-DieselpunkLa collana Mammoth Books1 esiste più o meno dagli anni ’30 – massicce raccolte tematiche di narrativa o saggistica a prezzi popolari.
Da Jack lo Squartatore ai polizieschi ambientati in Egitto, dai cruciverba ai western, dai problemi di scacchi al fantasy umoristico, da un’ottantina d’anni i Mammoth Books sono uno dei capisaldi della letteratura popolare a basso costo in Gran Bretagna e – più recentemente – negli USA.

The Mammoth Book of Dieselpunk è uscito da pochi mesi, e una copia è arrivata anche sul mio comodino, come lettura estiva.
Il volume allinea un’ottima selezione di storie, tra racconti brevi e novelle, e tenta dirispondere all’annosa domanda

Cos’è il dieselpunk?

Continua a leggere


5 commenti

Dieselpunk e Pin-up

209f594f50e21507e943c551f01ab08dE così ho bucato una deadline.
Che sarebbe come dire che dovevo scrivere una storia, e spedirla all’editor per l’approvazione, e non sono arrivato in tempo.

Peccato, perché sarebbe stata una buona occasione per piazzare una storia “dieselpunk” in una antologia internazionale.
Sarebbe stata una grossa opportunità, e i soldi della vendita mi avrebbero fatto comodo (molto comodo), ma c’è poco che io possa farci.

La storia è delineata, ho un po’ di appunti e un po’ di riferimenti fotografici su cui lavorare.
ma è scaduto il tempo.
Ho lavorato ad altro, ho fatto altre cose.

Ciò che mi dispiace di più è che avevo cercato di mettere insieme un certo tipo di ragionamento, sul genere dieselpunk.
Per cui ora lo faccio qui, male, a spizzichi e bocconi.
qui non si butta via niente. Continua a leggere


4 commenti

Gli Dei di Manhattan

Una lettura leggera e divertente tra Natale e Santo Stefano.

pax_b_badge_1Pax Britannia è uno degli shared universe che fanno da ambientazione ai romanzi della Abaddon/Rebellion Publishing, giovane realtà editoriale britannica con alle spalle la lunga esperienza della rivista 2000AD.

Nello specifico, Pax Britannia è un universo steampunk nel senso più proprio del termine – non una falsa era vittoriana ma un ventesimo secolo ancora dominato da cultura e valori vittoriani, estensione di un ventesimo secolo ucronico nel quale un sacco di cose diverse si sono jmescolate e sovrapposte.
Prodotto seriale che più seriale non si può, i romanzi del ciclo di Pax Britannia si lasciano comunque leggere con un certo divertimento.

Gods of Manhattan, di Al Ewing, si inserisce tuttavia come qualcosa di anomalo nella serie, al punto da n on essere, a tutti gli effetti, uno steampunk – soprattutto in termini di atmosfere e impostazioni. Continua a leggere


7 commenti

Quattro per Uno

17566837Tutto comincia con una copertina.
Quella che vedete riprodotta qui di fianco.
Mi piace molto.
Si parlava di editoria artigianale, di microeditori, di produzione a basso budget, e delle orride brutture che spesso vediamo spiaccicate su libri in fondo piacevoli.
La copertina è la prima cosa che il lettore incontra.
Una buona copertina può fare o disfare il successo di un libro.
In digitale o in cartaceo.

E così, parlando coi miei compagni del Blocco C durante l’ora d’aria, viene fuori questa immagine.
Una rapida ricerca, e scopro che si tratta del vestito di una storia scritta da un gentiluomo noto come Bard Constantine.
Parte di una serie, che mescola hard-boiled e fantastico.
Dieselpunk*.
Copertina perfetta, che non ha problemi a vendermi il libro.

DieselpunkePulpShowcaseLa curiosità è forte.
E la storia di mister Constantine è disponibile in Kindle, per una cifra irrisoria.
Ma, per la stessa irrisoria cifra, posso recuperare, sempre attraverso Amazon, il sostanzioso Dieselpunk ePulp Showcase, una antologia di quattro racconti – incluso quello che mi interessa.
La scelta è ovvia.
E si rivela vincente.

Il Dieselpunk ePulp Showcase ci offre quattro storie, ambientate in altrettanti mondi, ciascuna parte di una serie: Tales of the Aether Age, Pandora Driver, Troubleshooter e World of Manana.
Diverse per stile, unificate dall’approccio dieselpunk – dirigibili, cappelli fedora, automobili che paiono opere d’arte, flappers, jazz, strade di notte sotto alla pioggia.
Quattro autori: Grant Gardner, John Picha, Bard Constantine e Jack Philpott.
Toni hard-boiled, elementi fantascientifici e fantastici, scrittura asciutta.
Divertenti.
Molto buone.

Ottima veste grafica, ed un’idea semplice e geniale – quattro autori sotto una sola copertina, ciascuno con un assaggio della sua opera.
Vivamente consigliato – e foriero di futuri acquisti e letture.

——————————————————-

* Sì, lo sappiamo, si tratta di una etichetta di comodo, che è probabilmente priva divalore ma che serve perché ci evita unalunga discussione. Io dico dieselpunk, e voi capite più o meno chiaramente di cosa stiamo parlando.


15 commenti

La rivincita del Macaco

ACK-ACK-MACAQUE-COVER-SMALLNel momento in cui ondate successive di ninja nazisti vengono paracadutati sul sud dell’Inghilterra, l’unica speranza per gli Alleati è Ack-Ack Macaque, asso dell’aviazione ed eroe della resistenza all’avanzata delle armate di Hitler.
E scimmia.
L’ultima speranza della civiltà è una scimmia guercia, irascibile, col grilletto facile, e preda di un crescente senso di alienazione.
Ed i suoi problemi stanno per farsi molto più complicati.

La Solaris è una casa editrice inglese che, al suo esordio qualche anno addietro, si piccava di offrire il catalogo più nuovo e divertente nel panorama della fantascienza e del fantasy britannico.
A giudicare dal romanzo appena uscito di Gareth L. Powel, la Solaris sta mantenendo fede alla propria linea editoriale.
Continua a leggere