strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


6 commenti

(Non) Dieci Libri #14 – Dorothy L. Sayers

Guardando la lista di dieci copertine a bla bla bla che molti miei contatti hanno postato su facebook, risulta tragicamente evidente che la mia formazione culturale è basata prevalentemente sulla narrativa popolare. Che povertà intellettuale, signora mia, che delusione.

Ma d’altra parte questa è la mia lista, e questa è la mia vita. Harlan Ellison sosteneva che il libro ideale per crescere come persone è il canone di Sherlock Holmes, perché da quelle storie si impara che facendo attenzione ed usando lalogica, si possono risolvere i misteri che si incontrano strada facendo. Ma non c’è solo Conan Doyle, e io ho imparato un sacco di cose da Dorothy L. Sayers.

Continua a leggere


10 commenti

Bisogna pur avere un hobby – Lord Peter Wimsey

Ma davvero non vi ho mai parlato di Lord Peter Wimsey?
Ho rigirato il blog in lungo e in largo e no, non ve ne ho mai parlato.
Eppure l’ho rivisto poche sere fa, in tre belle miniserie prodotte nel secolo scorso dalla BBC, ed è stato come ritrovare un vecchio amico.
Scoprii i romanzi di Dorothy L. Sayers su Lord Peter Wimsey da qualche parte nel 1990, e quei libri (che sono qui da qualche parte, in una cassa nel sottoscala) sono una parte importante di ciò che sono.
Mi hanno salvato la vita – letteralmente – e sono affezionato tanto a Dorothy Sayers che a Lord Peter.
Perciò, è davvero strano che non ve ne abbia mai parlato.

0114

Ma ci si pone rapidamente rimedio.
O forse non così rapidamente: questo sarà un post lungo. Continua a leggere


9 commenti

La (vera) Signora in Giallo

coverViaggiavo a cavallo da Albany a Poughkeepsie. Pioveva a dirotto e il mio cavallo, già stanco per il lungo viaggio, mi diede dei segnali inequivocabili di scoraggiamento. Provai perciò un gran sollievo quando, lungo il più desolato tratto della strada, scorsi dinnanzi a me i vaghi contorni di una abitazione, e provai un corrispondente disappunto quando, proseguendo, mi resi conto che non era che una rovina abbandonata quella alla quale mi stavo avvicinando, i camini abbattuti e le finestre sfondate della quale testimoniavano un tale stato di dilapidazione che disperai di poter trovare un qualche temporaneo riparo al suo interno.

È il 1890, e quello che avete appena letto1 è l’incipit di Forsaken Inn, opera di Anna Katharine Green, che nel 1890 era un’autrice di bestseller che vendeva a carrettate negli Stati Uniti, e oggi pochi ricordano. Forsaken Inn è, indiscutibilmente, il primo mystery storico della storia – e si svolge quasi un secolo prima della data di pubblicazione. Continua a leggere