strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


4 commenti

Libri: provviste per l’inverno

Un paio di giorni or sono un lettore di questo blog mi ha mandato un buono regalo su Amazon, così, come gesto di apprezzamento. È il genere di gesto inaspettato (e raro) che di solito mi lascia senza parole. Nient’altro da dire se non grazie.
Ora, dicono che non ci sia nulla di meglio per far felice una persona che ama leggere,che regalare dei libri – e un buono su Amazon è come un assegno incassabile alla banca del libro.
E in questo periodo di scarsi introiti e lunghi conti da pagare, per me è come una gazzosa ghiacciata nel bel mezzo del Sahara.

Subito, naturalmente, i dubbi.
Cartaceo o ebook? Un solo volume di lusso o una quantità di ebook da pochi soldi?
O qualcosa di completamente diverso?
Musica? Film?

Beh, io le mie decisioni le ho prese, e a questo punto ve le posso anche raccontare, no? Continua a leggere


21 commenti

Novantanove

99cent_zps931fd058Proviamo a fare un esperimento.
Si avvicinano le vacanze, la gente se ne va al mare, ai monti e ai laghi, e si porta dietro qualcosa da leggere.

Il che è una cosa positiva, per qualcuno che come me avrebbe l’ambizione di pagarsi le bollette scrivendo. E allora facciamolo, questo esperimento

Da oggi, e fino al primo di agosto, ora più, ora meno, TUTTI i miei ebook in italiano sono disponibili su Amazon a 99 centesimi.

TUTTI

Anche i saggi – quelli che fino a ieri si vendevano a 3.50 euro.
Anche Eroi dei Due Mondi, che veniva 2.99.
Anche i due ebook di Asteria, sì, anche quello appena uscito.

Vediamo cosa succede.

Ah, e io per intanto vi dico cosa mi piacerebbe che succedesse. Continua a leggere


7 commenti

Facciamo due conti

OVB volume uno gold smallPassato Halloween, la mia collezione speciale delle prime sei storie della Valle Belbo è stata ritirata dal mercato – era una mossa prevista da quando il volume era entrato in pre-ordine, diciotto giorni or sono.

Ora, il contratto di Amazon mi impedisce di dirvi quante copie io abbia venduto e, conseguentemente, quanti euro io abbia incassato – pena la segregazione in uno dei dodici inferni subappaltati dall’azienda di Mr Bezos1.
Ciò non mi impedisce, d’altra parte, di fare un po’ di conti e qualche considerazione generale.
Proviamo.

Pork chop express, ladies and gentlemen…
Continua a leggere


Lascia un commento

Ad Halloween ci sono orrori che non hanno prezzo

Cover-TrueFantasy-Horror-Stories-2015-A… e quindi potete scaricarli gratis.
I ragazzi di True Fantasy hanno lavorato a ritmi folli per far arrivare sui vostri ereader una collezione tanto massiccia quanto variegata di storie di paura per questo Halloween.
Solo autori italiani – perché noi valiamo.

Essendo uno degli autori, non posso naturalmente esprimere giudizi – ma diciamo che a mio parere potreste trovare TrueFantasy Horror Stories 2015 piuttosto divertente, e molto adatto alla stagione.

Buona lettura!
(e fate sapere ai curatori cosa ve ne pare!)


Lascia un commento

Non si può piacere a tutti

quarta scimmiettaOggi avrei dovuto farvi un post per consigliarvi di acquistare e leggere il mio ultimo ebook, La Quarta Scimmietta.
Sapete com’è, ci sono stati i preordini, è uscito da qualche giorno, ha un paio di recensioni a cinque stelle, è uscita anche la colonna sonora.
Forse è ora di fare un richiamino.

Ed effettivamente, perché no?

Comprate e leggete La Quarta Scimmietta.
Vi piacerà.

O forse no.
Perché non si può piacere a tutti.
È un dato di fatto.

Continua a leggere


6 commenti

Il Gioco della Scimmietta

Questo tipo dall’aria un po’ stravolta qui di fianco si chiama Charles Manson, ma i suoi amici lo chiamavano Satana.
Voleva fare il musicista.
Nei primi anni ’60, il giovane Manson venne arrestato e processato per atti osceni. Venne giudicato da un giudice particolarmente conservatore, che lo condannò a sei mesi di carcere duro in un posto che si chiamava Terminal Island. Un nome che è tutto un programma.
A Terminal Island i problemi psicologici latenti di Manson emersero in tutta la loro drammaticità.

jimQuest’altro tipo dall’aria un po’ stravolta qui di fianco si chiamava Jim Morrison, ma i suoi amici lo chiamavano Re Lucertola.
Voleva fare il regista.
Nei primi anni ’60 il giovane Morrison venne arrestato e processato per atti osceni.
Venne giudicato da un giudice particolarmente progressista, e se la cavò con una ammonizione e una multa simbolica, e tornò alla scuola di cinema di Los Angeles. Poi però lasciò perdere, e mise su un gruppo rock.

Ora, facciamo un gioco – scambiamo i giudici. Continua a leggere


9 commenti

Un file dagli archivi: Ombre Elettriche

ombre eletriche finalC’è un nuovo, vecchio racconto disponibile su Amazon.
Si intitola Ombre Elettriche, viaggia al vertiginoso prezzo di 99 cent, e francamente non saprei come classificarlo.
Ci sono i fantasmi – i fantasmi affamati del folklore cinese.
C’è la politica, c’è una atmosfera più o meno noir.
C’è una misteriosa organizzazione.
L’ambientazione è contemporanea.
È horror? È fantasy? È qualcosa di diverso?
Diciamo che potrebbe esere un urban fantasy, o un fantasy contemporaneo.
O qualcosa del genere.
Narrativa d’immaginazione, insomma.

“Ombre Elettriche” non è una stroria nuova – ha più di dieci anni – e mi venne suggerito da una di quelle strane coincidenze che capitano a volte.
Nel 2003 mi ritrovai a leggere, contemporaneamente, due libri che credevo ben distinti e diversi, e che invece si rivelarono le due facce della stessa medaglia. Continua a leggere


11 commenti

Ritorno alla Valle Belbo

rossacomeilpeccatosmallRossa Come il Peccato, il sesto Orrore della Valle Belbo, dormiva sul mio hard disk da un paio d’anni – e prima di allora aveva occupato alcune pagine di quaderno, ormai perse chissà dove.

Il mio nuovo ebook è una strana bestia, e di orrifico nel vero senso del termine ha poco – a meno che non siate musicisti.
Allora l’orrore vi travolgerà.

Ma più in generale, si tratta di un tassello importante nella serie de Gli Orrori della Valle Belbo.
Fin qui abbiamo avuto un orrore lovecraftiano, un horror psicologico, un B-movie in stile anni ’80, una fantasia dunsaniana e un body horror con annesso omaggio a un classico Universal.
Era il momento giusto per infilarci una tarantinata. Continua a leggere