strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


16 commenti

Flessibili come querce

Cominciamo con una storia vera.
Solo i nomi sono stati cambiati, per proteggere gli innocenti.

La storia comincia una quindicina di anni or sono, quando un annuncio compare nei soliti posti in cui compaiono gli annunci di lavoro – un’azienda torinese cerca un perito (meccanico o elettronico) che parli il cinese mandarino, per seguire un lavoro in Cina.
Al colloquio si presenta un giovanotto con un bel diploma di perito, proprio quiello che serve, conseguito due anni prima con una ottima votazione.
Il simpatico uomo dell’ufficio personale gli rivolge un sorrisino di superiorità, e gli dice che sì, bello, ma a loro serve un perito che parli cinese.
E il giovanotto gli presenta un libretto universitario, dal quale risulta essere iscritto a lingue orientali, di studiare Cinese e Giapponese, e di aver già dato due esami di cinese e due di giapponese.
Il sorrisino dell’uomo del personale si incrina lievemente, me è un attimo.
“La sua impostazione ormai è troppo umanistica,” gli dice. “A noi serve un tecnico.”
Il giovanotto viene rimandato a casa.
Una settimana dopo l’azienda assume un ingegnere meccanico, al quale paga un corso accelerato di cinese*. Continua a leggere