strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


Lascia un commento

Storie & Crowdfunding – pronti a partire

E così è fatta.
La pagina per il crowdfunding di Santi & Fattucchiere è pronta, e varrà pubblicata entro 24 ore.
E naturalmente ne darò notizia anche qui, domani, e poi divulgherò il link urbi et orbi.

A quel punto, vedremo cosa si riesce a fare in 90 giorni.
Il modello che abbiamo scelto per il progetto è quello della donazione libera mediante PayPal.
Non ci sono target, non ci sono ricompense.
Chiunque parteciperà, ricevera entro il 15 di settembre 2017 l’ebook della storia, in formato epub, mobi e pdf.

writer-man_112013_092016_mg_6081

Ho pensato a lungo se fare o meno una cosa a livelli, del tipo “versate per lo meno X euro e avrete anche il cartaceo”, oppure “versate x euro in più e un personaggio col vostro nome verrà accoppato in maniera terribile entro i primi sette capitoli”, ma poi mi sono detto che sarebbe stato antipatico.
L’intera faccenda è cominciata con un gruppo di amici che volevano farmi un regalo ma si sentivano in imbarazzo a mettere delle banconote in una busta o a pagarmi un buono su Amazon.
Non creiamo ulteriore imbarazzo mettendo delle tariffe.
Magari la prossima volta, OK?
Se ci sarà una prossima volta. Continua a leggere

Annunci


7 commenti

Di chi non stanno parlando

Questo è instant blogging.
Non più di cinque minuti or sono ho sentito due autori di ottima narrativa d’intrattenimento, confrontare le proprie statistiche di vendita e dire

potremmo anche chiudere qua

E li capisco.
Li capisco eccome. E sono cose che fanno male, se questi discorsi arrivano da chi ha sempre messo cura e attenzione e lavoro in ciò che scrive.
Però io non credo che sia il caso, di chiudere qua – in primis, perché scrivere è un’attività divertente1.
In secondo luogo, perché non sopporto i prepotenti.

street gramophone

A questo punto vi propongo un esperimento. Continua a leggere


9 commenti

Radiodrammi – o dell’assenza di un pubblico

w-e_373wL’idea deriva da una serie di cose diverse.
Da una parte ci sono state delle chiacchiere sfuse con la mia amica la Clarina, che sta ad un paio di celle più in là, qui nel Blocco C della blogsfera.
Dall’altra c’è il fatto che – da ieri, e fintanto che ci riuscirò, su Karavansara, il mio blog in inglese, la domenica posterò un radiodramma d’epoca, possibilmente un adattamento di un film d’avventura.
Ieri abbiamo cominciato con Lost Horizon, versione Lux Radio Theater.
E poi c’è il fatto che recenetemente di radiodrammi ed audiobook ne ho ascoltati parecchi – ci avevo anche fatto un post – e la cosa mi piace molto.

Perciò ho ammanettato mio fratello al termosifone – lui dopotutto si occupa di musica e produzioni sonore – l’ho tormentato di domande, ed ho fatto un paio di conti.

Cosa serve, per fare un buon audiobook? Continua a leggere


12 commenti

Un mese di caravanserraglio

karavansara buttonUn mese fa, dopo lunghe settimane passate a pensarci, e parecchie ore trascorse a chiacchierarne con amici live e online, ho avviato il mio blog di lingua inglese, Karavansara.

Sono fermamente dell’idea che la pianificazione sia una gran cosa, ma ho conosciuto troppe persone che hanno trascorso la propria esistenza pianificando mosse che poi non hanno mai fatto.
Carriere accademiche mai decollate.
Libri mai pubblicati.
Donne mai corteggiate.
Viaggi mai fatti.
C’è un momento, io credo, in cui si deve smettere di cincischiare, e ci si butta.
I dettagli si sistemano in corsa.

bb-silk_roadKaravansara è un blog più o meno strettamente legato a due miei interessi:

  • da una parte l’orientalismo ed in particolare – come tema generale, la Via della Seta
  • dall’altra la scrittura, in particolare la mia produzione narrativa.

Ho scelto questi due temi perché vanno bene insieme, e perché costituiscono un buon nucleo dal quale cominciare.
Poi vedremo*.

Karavansara esiste per tre motivi
primo . obbligarmi ad usare quotidianamente (o quasi) l’inglese, riprendendo la mano nell’uso dopo lunghi anni in cui l’ho letto, l’ho tradotto, ma l’ho parlato e scritto pochissimo.
secondo . ampliare il mio panorama verso quella porzione amplissima del web che è raggiungibile attraverso l’inglese.
terzo . testare tutte le novità, i trucchi, le tecniche, le risorse, che non voglio o non posso collaudare su strategie evolutive.

Vediamo allora di fare un piccolo bilancio. Continua a leggere