strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


2 commenti

Maciste e i suoi fratelli

locandina-toto-contro-maciste-189729L’inverno scorso, mentre guardavamo il sole a strisce e nutrivamo i passeri con briciole di pane raffermo, io ed il mio vicino di cella Alessandro Girola ci trovammo a discutere dei vecchi film peplum – quello che viene definito un guilty pleasure che entrambi condividiamo.

Io i vecchi film di Maciste e di Ercole li vedevo nel cinemino della parrocchia.
Sì, ci passavano Tarzan, Zorro, occasionalmente qualche Godzilla e un po’ di peplum.
Ci vidi Matango l’attacco degli uomini fungo, io, al cinemino della parrocchia.
Era una parrocchia maledettamente progressista e anche vagamente pulp.

Il frutto di quella discussione fu la decisione che avremmo provato, tanto per ridere, a scrivere delle storie riciclando il personaggio di Maciste.
Buttammo giù titoli e idee, coinvolgemmo altri complici durante le successive ore d’aria. Continua a leggere


20 commenti

Fan fiction, spin off e altri pasticci

rs_560x301-130523114701-1024.KindleWords.mh.052313Ci si aspettava da parte mia un post sulla fan fiction, in seguito all’annuncio del lancio di Kindle Worlds, e questo è un post (anche) sulla fan fiction, ma non su Kindle Worlds, perché prima di dire la mia voglio vedere come andranno le cose nella realtà – ragionare sui comunicati stampa è un po’ una cosa da cartomanti, e io qui non pratico la cartomanzia.
Diciamo che non ho proprio un buon presentimento, ma si sa che io mi lamento in continuazione.
Detto ciò…

Sono rimasto abbastanza sorpreso, nelle settimane passate, nel notare che molti – anche persone che si suppone si occupino di editoria – fanno una certa confusione quando si tratta di un paio termini che vengono erroneamente considerati intercambiabili, ma in effetti non lo sono.
I termini incriminati sono fan-fiction e pastiche.

Perché allora non fare un po’ di chiarezza?
Non che siano questioni di importanza capitale – ma se le parole hanno un significato, perché non usarle col loro significato? Continua a leggere


23 commenti

E se invece Mordor…

Ok.

Supponiamo che gli Hobbit – Frodo, Sam, e gli altri due – non siano mai esistiti, ma siano solo un’invenzione propagandistica del regime instaurato da Aragorn – un arrampicatore sociale che è il fantoccio del vero potere dietro al trono, la regina Arwen.
Supponiamo che l’intera faccenda della guerra contro Mordor e la “soluzione finale” nei confronti degli orchetti sia stata progettata da Gandalf – un guerrafondaio medioevale che odia l’idea dell’utopia tecnologica realizzata da Sauron e Saruman…

Supponiamo che davvero la storia l’abbiano scritta i vincitori…

Continua a leggere