strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


2 commenti

Figli o Apprendisti

www.inmondadori.itL’incendio della biblioteca è il grande spartiacque di Titus Groan – c’è un prima l’incendio, c’è un dopo l’incendio.

L’incendio della biblioteca è un momento centrale perché rappresenta il grande capolavoro di Steerpike – che nelle ultime sessanta pagine ha circuito le due allucinanti sorelle di Sepulchrafve, Cora e Clarice, ha approfittato dell’animo romantico di Fuchsia, ha stimolato in maniera quasi oscena la vanità di Irma Prunesquallor, ha spiato, manipolato e organizzato.

L’idea è semplice – accoppare quanti più membri possibile dei vertici di Gormenghast, e poi sistemarsi come eminenza grigia alle spalle delle povere Cora e Clarice.
E quindi, perché non approfittare della riunione di famiglia in biblioteca? Continua a leggere


Lascia un commento

In una luce citrina

2053l83_20Swelter si è fatto una mappa.
Una ricostruzione tridimensionale, con segni di gesso sul pavimento, due scatole a rappresentare gli stipiti della porta ed un sacco a rappresentare Flay.
E ci passa le ore libere, solo, col suo coltello affilato, a preparare l’omicidio del suo tradizionale rivale, colpevole… di cosa?
Di aver risposto ai suoi insulti colpendolo al viso?

Le ragioni profonde e originali dell’odio fra il cuoco di Gormenghast ed il domestico personale di Lord Sepulchrave non ci vengono mai fornire.
Peake ci ha detto, questo sì, che si sono odiati a prima vista, istintivamente.
E difficilmente potremmo immaginare due personaggi più diversi – Swelter grasso e sanguigno, volgare, chiassoso e sregolato, Flay magro e cadaverico, che si esprime per frasi tronche, che è consapevole di godere di particolari privilegi e posizione proprio per la sua capacità di tacere, vestito di abiti lisi, con le giunture che scricchiolano,caninamente leale, che dorme ogni notte a terra davanti alla porta della stanza del suo padrone, rannicchiato col mento sulle ginocchia. Continua a leggere


3 commenti

Trovategli una balia, vestitelo di verde, chiamatelo Tito

TglgE allora leggiamoli, i libri di Mervyn Peake.

Gormenghast, that is, the main massing of the original stone, taken by itself would have displayed a certain ponderous architectural quality were it possible to have ignored the circumfusion of those mean dwellings that swarmed like an epidemic around its outer walls.

Titus Groan si apre con una descrizione di Gormenghast, la pila principale di pietra originaria, e con le case che l’assediano, vi si accrocchiano come cirripedi, la pressano dall’esterno negando, in un certo senso, proprio l’esistenza di un “esterno”.

Gormenghast è un labirinto, così come è un labirinto il romanzo – primo di una serie che diventa trilogia per caso e per disgrazia, alla morte dell’autore – e così come sono labirinti i rapporti interpersonali fra i personaggi, e così come ogni personaggio è, a suo modo, un labirinto.

Le prime cinquanta pagine del romanzo – nella mia edizione Vintage, per lo meno, pesante e scomoda da leggere come è giusto che sia – ci presentano uno scorcio della geografia interna di Gormenghast, e introducono alcuni dei personaggi principali.

Flay, tanto per cominciare, introverso e scheletrico servitore di lord Sepulchrave, settantaseiesimo della casata dei Groan, che inopinatamente si presenta alla porta del solitario Rottcod… Continua a leggere