strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


3 commenti

Cthulhu by Forum

83fa114e77ffb76740ff56cf7f16cc00Rispondo d una richiesta d’aiuto.
Un messaggio in bottiglia rinvenuto stamani sulla spiggia davanti al faro in cui vivo mi informa dell’esistenza di un forum italiano dedicato al gioco di ruolo ed in particolare a Il Richiamo di Cthulhu.

http://cthulhuitalia.forumattivo.it/

Pare che il numero di vittime sacrificali iscritte al forum sia scarso, il che potrebbe condannare Cthulhu ad una Pasqua di magro.

Buttateci un occhio – io notoriamente non sono animale da forum, ma la presenza di uno spazio dedicato al gioco online attraverso, appunto, il forum, da solo basta a destare il mio interesse.

Dite che vi manda strategie evolutive.

Enhanced by Zemanta


11 commenti

Savage Worlds for Dummies – parte prima

ExplorersEditionUn piano bar del fantastico, oggi, a tema ludico.
Il primo di una serie.

Senza sapere in che pasticcio stava andando a cacciarsi, Jonnie ha scritto

Mi chiedevo se tu potessi scrivere due righe su come far girare il regolamento [di Savage Worlds], su come usarlo effettivamente in partita, su come costruire le avventure. Insomma, delle istruzione per l’uso.

Due righe?
Ah!

savage-worlds-edizione-da-battagliaPrima le solite note per evitare fraintendimenti – gioco a Savage Worlds da un sacco di tempo, ho visto il sistema evolvere dai tempi di Deadlands (la prima edizione) fino alla recente DeLuxe Edition delle regole base.
Da almeno cinque anni Savage Worlds è il mio sistema di gioco di default.
E ho tradotto in italiano il manuale base, quello che vedete rappresentato qui di fianco.
E frequento abbastanza regolarmente il sito di Savage Worlds Italia.

Perciò sì, facciamole, queste due righe.
Anche più di due righe.
Diciamo quattro post, uno alla settimana, tra qui e Natale.
Bello liscio.

Detto questo, vediamo qualche idea generale sulle regole e come avvicinarsi ad esse. Continua a leggere


8 commenti

Avventura vittoriana

Natale in anticipo – post fuori programma.
Il pochissimo tempo libero di questi giorni è stato impegnato nello scartabellare estatico il manuale di Leagues of Adventure, il nuovo gioco di ruolo pubblicato da Triple Ace Games e scritto da Paul “Wiggy” Wade-Williams.
Un piccolo gioiello, che merita tutta la fortuna che spero avrà.

Wade-Williams è un nome leggendario nell’ultima generazione di creatori di giochi – con un output colossale ed un livello qualitativo sempre molto alto, Wiggy ha contribuito ad espandere il sistema di Savage Worlds con innumerevoli avventure e supplementi, ed ha recentemente rivolto la propria attenzione all’altro sistema leggero e veloce per l’avventura e l’azione, l’Ubiquity System che fa da motore a Hollow Earth Expeditions.

KingSolomonsMinesFirstEditionLeagues of Adventure è un gioco di avventura vittoriana.
Ma non, ed è questo che è importante, necessariamente un gioco steampunk.
È piuttosto una impalcatura molto solida e molto flessibile per creare avventure affini a quelle pubblicate a suo tempo da H. Rider-Haggard o da Arthur Conan Doyle.
Da Verne e Wells, da Stevenson e da Kipling.
Scientific romance, avventura esotica.
Avventura vittoriana, nel suo senso più ampio.
Il settaggio fine delle manopole – per determinare il grado di avventura, il grado di realismo, il grado di steampunkaggine – resta saldamente nelle mani del master, che può usare il sistema per tutta una serie di possibili scenari.
E questo, senza diventare troppo generico o annacquato. Continua a leggere


18 commenti

Un’apocalisse fatta in casa

Ok, cominciamo da relativamente lontano.
Ho visto il primo episodio di una cosa che si chiama Revolution, e che fa più o meno così…

Non è male.
Ci sono alcuni elementi che mi fanno infuriare (vogliamo parlare della ragazzina bionda che gira per le terre desolate con la magliettina che le lascia scoperto l’ombelico?), ma promete bene.
Non è originalissimo, ma questo non ha grande importanza.
I riferimenti principali sono – io credo – a Dies the Fire di S.M. Stirling, e io spero che alcune vibrazioni colte qua e là che mi ricordano The Postman di David Brin non siano solo una mia illusione.
C’è anche, in tracce, il classico e straordinario Fitzpatrick’s War, di Theodore Judson, uno steampunk canadese molto molto insolito.

Ma non è di una serie TV che chissà che fine farà (sapete come succede), che voglio parlare, ma di giochi di ruolo.
O, nella fattispecie, di come questo episodio solitario di un telefilm, richiamando alla mia memoria i libri di Stirling e Brin e Judson, mi abbia fatto venir voglia di mettere in piedi una bella campagna di questo genere*.

Vediamo di mettere insieme i pezzi… Continua a leggere