strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


6 commenti

Fino a qui tutto bene

È stato Charles Stross, credo, a dire che mano a mano che il futuro si avvicina le cose sembrano accelerare.
E così, domenica parli dell’esperienza surreale di vedere un film su una sorridente dittatura votata all’annientamento dell’umanità mentre i bambini sull’altro canale cantano l’Inno alla Gioia per la nascita del nuovo Partito di Tutti gli Italiani.
Lunedì commenti che una nazione popolata di ignoranti gretti e menefreghisti con al governo persone senza scrupoli è una garanzia per il disastro.

E zac!, loro al martedì confermano tutte le tue paure.
Da un articoletto su La Repubblica:

In polemica con la Commissione europea che dà “per scontata l’attribuzione della responsabilità del riscaldamento globale in atto da circa un secolo nell’atmosfera terrestre all’emissione dei gas serra antropogenici”, i parlamentari del centrodestra professano senza esitazione la loro fede scettica.

Il che non è una novità.
Anche questo blog è ha avuto il dubbio piacere di ospitare le opinioni di persone assolutamente incapaci di accettare la realtà.
Ma che ora queste persone vengano legittimate dal nostro Governo è male.
Molto male.

A supporto della loro opinione demente, i parlamentari della Popolo delle Libertà (una delle quali è la libertà di essere ignoranti, evidentemente), puntualizzano che

una parte consistente e sempre più crescente di scienziati studiosi del clima non crede che la causa principale del peraltro modesto riscaldamento dell’atmosfera terrestre al suolo finora osservato (compreso fra 0,7 e 0,8 gradi centigradi) sia da attribuire prioritariamente ed esclusivamente all’anidride carbonica di emissione antropica

Il che è una affermazione falsa, dati alla mano.
E che gioca sulle parole, partendo dal presupposto che il dissenso sulle cause (normale in ambito scientifico) significhi anche il dissenso sugli effetti e sulle precauzioni proposte.

Questi signori hanno probabilmente fatto una ricerca su Google, e avendo constatato che i dieci siti segnalati per primi sono siti negazionisti (tutti curiosamente sponsorizzati dall’apparato industriale statunitense, ma si tratta certamente di una coincidenza), si sono dati una collettiva pacca sulla spalla, felici che qualcuno avesse già manipolato l’informazione al posto loro.
Hanno ovviamente ignorato il sito del NOAA, notoriamente una struttura comunista all’interno del… ehm, governo americano.

Quindi, i nostri potenti pensano che il riscaldamento globale non ci sia.
Ma se ci fosse (perché rischiare, copriamo entrambe le eventualità), sarebbe positivo!

Se pure vi fosse a seguito dell’aumento della concentrazione dell’anidride carbonica nell’atmosfera un aumento della temperatura terrestre al suolo, i conseguenti danni all’ambiente, all’economia e all’incolumità degli abitanti del pianeta sarebbero molto inferiori a quelli previsti nel citato Rapporto Stern e addirittura al contrario maggiori potrebbero essere i benefici

Ed ecco fatto.
Non c’è nulla di cui preoccuparsi.
Sono gli scienziati cattivi – come quelli dei film, giusto?.
Lo fanno per protagonismo, per avere finanziamenti, e per gabbare voi persone semplici.
Ma voi non vi farete gabbare, vero?
Il sale della terra.
Tornate a guardare i vostri reality show e a credere che sia
quella, la realtà.

L’unica cosa che mi viene in mente, pensando a queste persone, a ciò che stanno facendo (essenzialmente per proteggere degli interessi economici), ed alla massa di idioti ignoranti che annuiranno saputi e si allineeranno all’opinione dei potenti, l’ha già detta Mathieu Kassovitz.

E allora la lascio dire a lui.
Tutti gli altri, vadano a farsi fottere.

Powered by ScribeFire.


Lascia un commento

Citazione topica

Non cito spesso lunghi stralci di libri altrui, ma mi è appena passata una cosa sotto gli occhi che mi sembra interessante divulgare.

Permettete che vi dica qualcosa su cui riflettere. Un governo, qualsiasi governo, non è nient’altro che un sistema per ridistribuire benessere. Prende soldi da un gruppo di persone e lo dà a un altro. Quando accade che un numero sufficiente di persone non sono d’accordo su come questo benessere è ridistribuito, è il momento in cui quel governo viene sostituito da un altro che incontra il favore della popolazione. Proprio come è successo qui! ma non si può usare il nuovo governo per raddrizzare le ingiustizie di quello precedente senza creare più problemi di quelli che si vogliono eliminare. Si finirebbe con l’avere un governo interessato solo al passato e non al presente. Ed è proprio il miglior modo di fallire. Se si vuole avere successo si devono gestire le situazioni reali, non quelle passate o quelle che vorreste si verificassero. In altre parole, bisogna gestire solo le circostanze sotto controllo. E’ questo il solo modo per ottenere risultati.

Ma credete che mi daranno retta?
Bah…

Ah, già.
Il brano qui sopra è preso da un romanzo di fantascienza, uscito nel 1983.
Dieci punti a chi azzecca autore e titolo.

E poi parlatemi di escapismo.