strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


7 commenti

Quattro per Uno

17566837Tutto comincia con una copertina.
Quella che vedete riprodotta qui di fianco.
Mi piace molto.
Si parlava di editoria artigianale, di microeditori, di produzione a basso budget, e delle orride brutture che spesso vediamo spiaccicate su libri in fondo piacevoli.
La copertina è la prima cosa che il lettore incontra.
Una buona copertina può fare o disfare il successo di un libro.
In digitale o in cartaceo.

E così, parlando coi miei compagni del Blocco C durante l’ora d’aria, viene fuori questa immagine.
Una rapida ricerca, e scopro che si tratta del vestito di una storia scritta da un gentiluomo noto come Bard Constantine.
Parte di una serie, che mescola hard-boiled e fantastico.
Dieselpunk*.
Copertina perfetta, che non ha problemi a vendermi il libro.

DieselpunkePulpShowcaseLa curiosità è forte.
E la storia di mister Constantine è disponibile in Kindle, per una cifra irrisoria.
Ma, per la stessa irrisoria cifra, posso recuperare, sempre attraverso Amazon, il sostanzioso Dieselpunk ePulp Showcase, una antologia di quattro racconti – incluso quello che mi interessa.
La scelta è ovvia.
E si rivela vincente.

Il Dieselpunk ePulp Showcase ci offre quattro storie, ambientate in altrettanti mondi, ciascuna parte di una serie: Tales of the Aether Age, Pandora Driver, Troubleshooter e World of Manana.
Diverse per stile, unificate dall’approccio dieselpunk – dirigibili, cappelli fedora, automobili che paiono opere d’arte, flappers, jazz, strade di notte sotto alla pioggia.
Quattro autori: Grant Gardner, John Picha, Bard Constantine e Jack Philpott.
Toni hard-boiled, elementi fantascientifici e fantastici, scrittura asciutta.
Divertenti.
Molto buone.

Ottima veste grafica, ed un’idea semplice e geniale – quattro autori sotto una sola copertina, ciascuno con un assaggio della sua opera.
Vivamente consigliato – e foriero di futuri acquisti e letture.

——————————————————-

* Sì, lo sappiamo, si tratta di una etichetta di comodo, che è probabilmente priva divalore ma che serve perché ci evita unalunga discussione. Io dico dieselpunk, e voi capite più o meno chiaramente di cosa stiamo parlando.