strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


11 commenti

Su Marte con Kickstarter

Revelation of MarsDue notti or sono, attraverso il sacrificio di una parte in fondo irrisoria dei miei risparmi, sono diventato uno degli happy backers del Kickstarter lanciato da Jeff Combos per il suo Revelations of Mars, il quarto volume nella serie Hollow Earth Expeditions.

Il progetto prevede la creazione di un massiccio sourcebook di alta qualità, che permetta ai giocatori di HEX di ambientare le proprie avventure su un pianeta Marte opportunamente pulp e burroughsiano.

Per me la scelta di scucire quattrini è stata non dico ovvia, ma quasi:
. sono un appassionato di giochi di ruolo
. gioco a Hollow Earth Expeditions
. sono un appassionato di pulp, di storie marziane e planetary romance
. conosco Jeff Combos ed apprezzo e rispetto il suo lavoro

Quindi, non è che io abbia esitato granché. Continua a leggere


8 commenti

Avventura vittoriana

Natale in anticipo – post fuori programma.
Il pochissimo tempo libero di questi giorni è stato impegnato nello scartabellare estatico il manuale di Leagues of Adventure, il nuovo gioco di ruolo pubblicato da Triple Ace Games e scritto da Paul “Wiggy” Wade-Williams.
Un piccolo gioiello, che merita tutta la fortuna che spero avrà.

Wade-Williams è un nome leggendario nell’ultima generazione di creatori di giochi – con un output colossale ed un livello qualitativo sempre molto alto, Wiggy ha contribuito ad espandere il sistema di Savage Worlds con innumerevoli avventure e supplementi, ed ha recentemente rivolto la propria attenzione all’altro sistema leggero e veloce per l’avventura e l’azione, l’Ubiquity System che fa da motore a Hollow Earth Expeditions.

KingSolomonsMinesFirstEditionLeagues of Adventure è un gioco di avventura vittoriana.
Ma non, ed è questo che è importante, necessariamente un gioco steampunk.
È piuttosto una impalcatura molto solida e molto flessibile per creare avventure affini a quelle pubblicate a suo tempo da H. Rider-Haggard o da Arthur Conan Doyle.
Da Verne e Wells, da Stevenson e da Kipling.
Scientific romance, avventura esotica.
Avventura vittoriana, nel suo senso più ampio.
Il settaggio fine delle manopole – per determinare il grado di avventura, il grado di realismo, il grado di steampunkaggine – resta saldamente nelle mani del master, che può usare il sistema per tutta una serie di possibili scenari.
E questo, senza diventare troppo generico o annacquato. Continua a leggere


8 commenti

Predatori dell’Avventura

Weekend pulp, si diceva.

Ho già lodato sperticatamente in passato Hollow Earth Expedition, il gioco di ruolo della Exile Games che permette di giocare… beh, delle spedizioni nella Terra Cava.
E non solo!
Grazie ai supplementi usciti finora, è possibile esplorare monasteri tibetani e basi naziste in antartide, le rovine di Atlantide e la Giungla Misteriosa (con Amazzoni e Signore della Giungla inclusi), affrontando dalla Maledizione della Mummia ai robot assassini del Dottor Z.
Costruito su un sistema molto semplice, HEX (come viene solitamente abbreviato), si presenta come il miglior gioco specificatamente pulp sulla piazza.
Sì, ok, posso mettervi in piedi un gioco pulp in mezz’ora con Savage Worlds e un paio di supplementi, ma SW è un sistema generico.
HEX è pulp per il pulp.
Divertente, graficamente bellissimo e – ahimé – difficile da reperire.
Ma meraviglioso.
Ed ora i francesi hanno improvvisamente alzato la posta.
Ah, i francesi!

Continua a leggere


3 commenti

Al centro della terra con gli uomini bestia

Ho già riversato lodi sperticate su Hollow Earth Expeditions, il gioco di ruolo pulp/avventuroso della Exhile Games che va a riprendere il mito della terra cava, facendone il fuoco della propria struttura.

Curatissimo nei dettagli, straordinariamente illustrato, servito da un motore semplice e da una ambientazione che è una cornucopia di opportunità, il manuale base Hollow Earth Expeditions fornisce una tonnellata di materiale sulla base del quale costruire una lunga serie di avventure.

Dinosauri?
Luoghi inesplorati?
Rovine atlanteane?
Conquistadores relitti?
Cannibali?
Pirati?
Nazisti?

C’è tutto.

Il manuale base era stato ampliato epotenziato circa diciotto mesi or sono con il più esile ma non meno formidabile Secrets of the Surface World – essenzialmente un catalogo di altri luoghi da devastare e cattivissimi da dare in pasto ai dinosauri, in un eventuale prologo delle nostre avventure.

Quindi più rovine atlanteane.
Più luoghi inesplorati.
Più dinosauri.
Più nazisti.

Con in più una dose liberale di cospirazione, superscienza e Templari.
Perché tutto è meglio, con un paio di Templari.

Ora, e non un minuto troppo presto, l’offerta viene completata con il polposo(200 pagine) Mysteries of the Hollow Earth, ricca collezione di tutto quello che avremmo sempre desiderato conoscere sull’interno del nostro pianeta – ed i suoi abitanti – ma non abbiamo mai osato chiedere.

Il campionario è ricco ed opprotunamente inquietante.
Ci sono gli uomini talpa, tanto per cominciare, con relativo Tempio, dritti dritti dal noto B-Movie…
Ci sono uomini scimmia e uomini leopardo.
Ci sono i gill-men – cugini del Mostro della Laguna Nera.
Ci sono gli uomini di Neanderthal.
E gli uomini-falco, che sono semplicemente fantastici, con tanto di cittadella in stile Laputa.
E le Amazzoni.
Perché a noi piace così.

Il volume è quanto di più simile ad un manuale per giocare a Tarzan si riesca ad immaginare.
Il Signore della Giungla è infatti un archetipo disponibile ai giocatori.
Ma il mix include anche El Dorado (ecco dov’era finita!), una società di scavenger che venerano i relitti, e ciò che resta di Atlantide.
E c’è un ricchissimo bestiario – dinosauri, megafauna preistorica, cose molto molto strane…

Il principale scoglio, nel gestire una cosa come Hollow Earth Expeditions, è la scarsa – spesso scarsissima – dimestichezza dei giocatori italiani con i temi e le situazioni del pulp anni ’30-’40 sul quale si basano le premesse dell’ambientazione.
Se è vero che Indiana Jones o La Mummia costituiscono una valida introduzione ala filosofia di base del genere, è anche vero che molti appassionati italiani faticano ad entrare nella forma mentale richiesta dal genere.
Ma lo sforzo, con materiale come questo, è più che ripagato dal divertimento complessivo.
Ed aggirarsi nei paraggi di Tarzan potrebbe aiutare.

=-=-=-=-=
Powered by Blogilo


Lascia un commento

Una calamita per il pericolo

Bloccato in casa con l’influenza, approfitto del tempo libero per segnalare la rivista Danger Magnet, della quale è disponibile in download gratuito il numero 1.

Creata dai fan per i fan – ma con una qualità decisamente professionale – Danger Magnet è una rivista dedicata agli appassionati di gioco di ruolo, e nello specifico ai frequentatori di ambientazioni “pulp”.
Ufficialmente dedicata a Hollow Earth Expeditions, il gioco burroughsiano della Exile Games, la rivista offre contenuti che facilmente si adattano a qualsiasi gioco ambientato nei primi decenni del secolo scorso, o che offra spunti per avventure “alla Indiana Jones”.

I film di Indiana Jones e della serie La Mummia hanno in effetti influenzato pesantemente gli articoli sul numero 1 della rivista, che include anche un dotto articolo su Howard Carter (un classico fra giocatori di ruolo) e la solita varietà di spunti per avventure, equipaggiamento e accessori.
Particolarmente piacevoli gli handout che accompagnano il breve scenario incluso.

Ennesimo esempio dell’altissima qualità che i fan riescono ormai a dispiegare in rete grazie alle possibilità fornite dall’editing elettronico, Danger Magnet promette molto bene.
Speriamo mantenga le sue promesse.