strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


5 commenti

Di dei e alcove

Niente più Spaghetti Azathoth – ovvero Regionalisti, non Provinciali

Il volume Il Dio nell’Alcova, di Elvezio Sciallis, si chiude con la citazione di un album di van Morrison.
No guru, no method, no teacher.
Ci arriveremo.

Recensire Il Dio nell’Alcova, di Elvezio Sciallis (Il Foglio, 2004), è un atto di suprema inutilità.
Il testo è già stato recensito da tali e tante voci – sempre con toni più che lusinghieri – che aggiungere una voce al coro, a cinque anni dall’uscita del volume, è un gesto sciocco.
Eppure c’è tanto da dire su questo esile volumetto di neanche 80 pagine – tanto che nessun altro pare aver ravvisato, neanche Silvia Treves nella peraltro esaustiva recensione comparsa su LN nel 2005. Che è comunque la recensione che maggiormente si avvicina a ciò che vale la pena di discutere riguardo a questo volume.
Cerchiamo perciò – per ciò che vale – di rimediare alle mancanze.
Prima, i dati essenziali.
Il volume edito da Il Foglio raccoglie otto racconti del sovrannaturale, più una prefazione, una nota linguistica ed una postilla dell’autore.
Tre dei racconti sono illustrati.
Settantasei pagine, otto racconti, sei euro – 7,8 centesimi per pagina, 75 centesimi a racconto.

La narrativa di Sciallis si colloca geograficamente nel ponente ligure, e cerca nelle suggestioni del paesaggio dell’entroterra appennininico alcuni dei motivi della propria poetica.
Non staremo qui a ribadire l’essenzialità del legame fra paesaggio e narrazione nel fantastico (leggetevi Wizardry and Wild Romance, di Michael Moorcock); certamente, l’elemento regionale è stato ed è essenziale nella narrativa di orrore sovrannaturale – da The Dunwich Horror di Lovecraft a The Wasp Factory di Banks, e oltre.
In questo senso, Il Dio nell’Alcova è un testo importante, perché segnala una tendenza, nella narrativa d’immaginazione italiana, che non si limita a sostituire il delta del Pò al New England, ma usa il paesaggio, la storia, il territorio, per costruire nuovi orrori, nuove suggestioni.
Danilo Arona, certo il più interessante dei narratori del sovrannaturale nazionale, autore professionista felicemente “colpevole di letteratura” in un panorama di dilettanti presuntuosi, lo fà da anni – e evidentemente non è l’unico.
Nell’essere regionale ma non provinciale, la narrativa di Elvezio Sciallis si và ad inserire in quella che alcuni critici benevoli, ad oceani da qui, hanno deciso di definire Scuola del Fantastico Post-Calviniana.
“Scuola”, perché gli autori che vi appartengono sono in un modo o nell’altro consapevoli del lavoro gli uni degli altri.
Post-Calviniana perché da una parte, come in Calvino, l’opera di questi autori è compartecipe di due culture (quella anglosassone-globale e quella regionale), e dall’altra perché, venendo dopo Calvino (autore fantastico “colto”), non vi è la paura di sperimentare con il linguaggio e la struttura narrativa, e la scrittura viene praticata senza il pudore di essere “troppo colti” o la preoccupazione un po’ fasulla di “essere troppo popolari”.
A differenza di Calvino, i Post-Calviniani non temono di vedere etichettata come “fantastica” o “fantascientifica” la propria produzione.
Non che qualcuno, qui, se ne sia accorto, naturalmente.
Nel nostro paese non si è ancora neppure ipotizzata una antologia dei regionalisti Post-Calviniani.
Nel nostro paese, si raccoglie una squadra di mercenari per scrivere racconti orrifici “alla giapponese”.
Provincialismo.
Inutile dire, quindi, che io di antologie come quella di Elvezio Sciallis vorrei vederne uscire una al mese – segnalerebbero la vitalità di una entità letteraria che vive, ma stenta a manifestarsi.
E sarebbero una eccellente palestra per una nuova generazione di autori colti, intelligenti e senza paura.

Quindi, ok, è sottile, si legge in fretta, costa poco, ha un grande valore documentario, cene fossero di libri così…
Ma alla fine, ‘sto libro, com’è?
Dentro.
Dove ci sono le parole scritte.
Li vale sei euro?

Il libro è buono.
Molto buono.
Ecco, a voler essere brevi e scortesi, si potrebbe dire che Il Dio nell’Alcova è una raccolta molto buona, nella quale anche il racconto più debole è comunque molto buono – ma nella quale, ahimé, anche il racconto migliore si limita ad essere “soltanto” molto buono.

Nei ringraziamenti a fine volume, l’autore afferma di aver pubblicato per narcisismo.
Meglio sarebbe stato, dice, “passare oltre”.
Si tratta di una ingenuità tollerabile in un esordiente.
Tutti noi scriviamo per mostrare al pubblico la nostra opera.
È sempre bene diffidare di quelli che scrivono “solo per se stessi”.
Di quelli che minacciano il mondo con cassetti ricolmi di romanzi scritti sostanzialmente per fare esercizio di dattilografia.
Io ritengo che, in questo caso, passare oltre sarebbe stato un errore.
I racconti sono scritti con competenza, a partire da ottime idee, e sfruttano bene lo spazio che l’autore mette loro a disposizione.
L’introduzione scomoda Lovecraft, Bradbury, King.
Io sento unaforte vibrazione di Joe Lansdale, in queste storie o forse Kim Newman – ma non voglio con questo privare l’autore della sua identità.
L’identità, la voce autorale c’è, ed è sostanzialmente ben definita.
Ciò che manca, piuttosto, per lo meno a mio parere, è un editing approfondito e senza pietà.
Manca qualcuno – non l’autore, questa parte, a questo punto, non tocca a lui – che si sieda di fronte all’autore e gli dica “Il libro potrebbe essere ottimo – ora vedi di portare fuori la spazzatura”.
Invece, il lavoro dell’editor latita, o è insufficiente.
È qui che il principio di no guru, no method, no teacher si rivela un’arma a doppio taglio.
Non che ci siano grandi peccati mortali ne Il Dio nell’Alcova.
In un paio di racconti, per un attimo, il punto di vista vacilla.
C’è un vistoso errore a pagina 11, ci sono un paio di termini in traduttorese.
Niente di che.
A Caccia – che è, ammettiamolo, una valanga di risatelle cattive – ci viene spacciato per fantascienza ma della fantascienza usa gli elementi senza integrarli nella storia; è insomma un racconto fanta-satirico “al gusto di fantascienza”. Si poteva “asciugarlo” un po’ senza perdere nulla.
Personalmente, prenderei Eclisse totale di cuore” – io credo una delle due migliori storie nel volume e un grande racconto tout-court – e lo riscriverei in e-prime, vale a dire rimuovendo ogni istanza del verbo “essere”.
Quanto a Coda-Marine 475, è certo uno dei racconti più straordinari e più deludenti che io abbia mai letto.
Straordinario perché la reazione immediata è “Perché non ci ho pensato prima?!” – l’idea di partenza è tanto semplice e tanto geniale da collocare facilmente Sciallis nel mio olimpo personale dei narratori italiani, là con Danilo Arona e Alessandro DeFilippi.
L’esecuzione tuttavia tradisce l’idea.
La voce del critico cinematografico sovrasta quella del narratore, gli intenti “ideologici” del racconto (tracciare l’evoluzione del male quotidiano)  vengono esplicitati.
Il risultato è una buonissima storia, ma che non riesce ad essere eccellente come potrebbe.
D’altra parte, le buone idee non hanno una scadenza, e sarebbe davvero un peccato se Elvezio Sciallis non riuscisse a trovare il tempo di affrontare nuovamente questa trama e quest’idea, rimuovendo senza pietà qualsiasi traccia di sentimentalismo, sopprimendo ogni esplicito riferimento didascalico, avendo cura di tralasciare riferimenti troppo precisi che datano la storia senza arricchirla, e trasformando questo diamante grezzo di orrore personale in una gemma di orrore universale.
Come autore, l’antologia dimostra che è perfettamente in grado di farlo.

Powered by ScribeFire.


1 Commento

Di dei e alcove – il trailer

E così ci sono cascato.
Il primo aprile (avrei dovuto pensarci!) il diabolico Elvezio Sciallis ha pubblicato una lunga ed articolata recensione del presunto nuovo romanzo dei Wu Ming – un horror fustigato dalla critica paludata ma (inaspettatamente) apprezzato dal notoriamente rigorosissimo Sciallis.
Era – inutile dirlo – un pesce d’Aprile.
Avrei dovuto pensarci, ripeto.
Io stesso sono solito fare battute sull’iperattività e frenesia editoriale dei Wu Ming.
E invece ci sono cascato.
Ci sono cascato al punto che sono stato il primo a postare un commento “intelligente”.
Un tributo indubbiamente all’abilità del contraffattore.
O la definitiva prova – qualora ce ne fosse bisogno – del fatto che io sia un idiota.

Ora naturalmente, per citare il poeta, la mia anima è spessa un dito ma si estende per anni luce in ogni direzione, e quindi potrei farmici sopra una bella risata.
Sono stato fregato, ed in maniera molto più seria, da persone che valgono un decimo di Elvezio Sciallis.
E non era il Primo Aprile!

E non vorrei mai che qualcuno pensasse che io non sappia stare allo scherzo.

Però non mi và di fargliela passare liscia.

Per questo motivo ritengo che la linea di condotta karmicamente più ragionevole consista nel pubblicare su questo blog, nelle prossime 24 ore, la mia recensione al volume di racconti pubblicato da Elvezio Sciallis nel 2004, intitolata Il Dio nell’Alcova.
La recensione sarebbe comparsa comunque sul prossimo numero di LN – il numero 50.
Però così è meglio.

Come?
Perché non subito?
Perché così si crea una certa aspettativa.
E l’autore rimane a rosolare per una mezza giornata almeno.

Comunque non preoccuparti, Elvezio – ho trovato un solo errore di grammatica, a pagina 11. E in fondo, a chi non capita di ciccare un congiuntivo ogni tanto?

A dopo!

Powered by ScribeFire.