strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


Lascia un commento

Non si può piacere a tutti

quarta scimmiettaOggi avrei dovuto farvi un post per consigliarvi di acquistare e leggere il mio ultimo ebook, La Quarta Scimmietta.
Sapete com’è, ci sono stati i preordini, è uscito da qualche giorno, ha un paio di recensioni a cinque stelle, è uscita anche la colonna sonora.
Forse è ora di fare un richiamino.

Ed effettivamente, perché no?

Comprate e leggete La Quarta Scimmietta.
Vi piacerà.

O forse no.
Perché non si può piacere a tutti.
È un dato di fatto.

Continua a leggere


6 commenti

Il Gioco della Scimmietta

Questo tipo dall’aria un po’ stravolta qui di fianco si chiama Charles Manson, ma i suoi amici lo chiamavano Satana.
Voleva fare il musicista.
Nei primi anni ’60, il giovane Manson venne arrestato e processato per atti osceni. Venne giudicato da un giudice particolarmente conservatore, che lo condannò a sei mesi di carcere duro in un posto che si chiamava Terminal Island. Un nome che è tutto un programma.
A Terminal Island i problemi psicologici latenti di Manson emersero in tutta la loro drammaticità.

jimQuest’altro tipo dall’aria un po’ stravolta qui di fianco si chiamava Jim Morrison, ma i suoi amici lo chiamavano Re Lucertola.
Voleva fare il regista.
Nei primi anni ’60 il giovane Morrison venne arrestato e processato per atti osceni.
Venne giudicato da un giudice particolarmente progressista, e se la cavò con una ammonizione e una multa simbolica, e tornò alla scuola di cinema di Los Angeles. Poi però lasciò perdere, e mise su un gruppo rock.

Ora, facciamo un gioco – scambiamo i giudici. Continua a leggere


2 commenti

Dennis

Un annetto fa ho scritto un racconto, intitolato La Quarta Scimmietta (comparso sull’ultimo Fata Morgana), riversandoci dentro un bel pizzico delle mie ossessioni musicali.
Cose che non interessano nessuno, o sollevano la preoccupazione dei miei amici, che le vedono come pericolose eccentricità, l’anticamera della follia senile in cui così spesso sprofondano i paleontologi ed i flautisti.
Ma il racconto è stato ben accolto.
Qualcuno ha suggerito di espanderlo e farne un romanzo.
Dici niente.
Si vedrà.
https://i0.wp.com/www.pacificoceanblue.net/images/dennis_wilson_pacific_ocean_blue.jpg
Ne La Quarta Scimmietta, che riscrive una fetta sostanziosa della storia della musica negli anni ’60 e ’70, la Family di Charles Manson uccide Dennis Wilson.
I due si conoscevano.
Come risultato… beh, ok, fra i molti risultati del mio interferire con la storia, Pacific Ocean Blue, album solista di Dennis Wilson e prima opera solista di uno dei Beach Boys non vede mai la luce.
Gioco facile, quando misi giù la storia – chi se lo ricordava, Pacific Ocean Blue?

La mia storia era in fase di editing che la Legacy (Sony) annunciò l’uscita di una Legacy Edition dell’album, irreperibile da anni.
Ieri, trovandone una copia a buon mercato, l’ho acquistato e portato a casa.
Il remastering digitale suona un milione di volte meglio del vecchio nastro impolverato sul mio scaffale.
Legacy ha lavorato bene – c’è tutto il disco originale, più una fetta consistente di outtakes, più un secondo CD sul quale viene racolto il materiale che avrebbe dovuto formare il secondo album di Wilson, Bambu.
E poi libretto illustratissimo, extra in formato digitale…

L’album è lontano da certe sonorità dei Beach Boys ma fatica comunque a staccarsene.
L’impianto vocale di Wilson non è eccelso, ma la voce sporca, stanca, si adatta bene a certe canzoni.
E certe canzoni sollevano dei dubbi, rimescolano le mie ossessioni.
Quanto c’è di Manson in Holy Man?
Quali e quante delle canzoni d’amore sono dedicate a, ispirate da Christie McVie?

Strano – questa versione espansa e arricchita da una trentina di inediti mai sentiti prima sembra davvero un pezzo del mio racconto, dell’universo parallelo inventato l’anno passato, in qualche modo arrivato fra le mie mani, e sul mio lettore CD.
Un disco malinconico, adatto al mare in autunno, tra l’alba e l’ora di colazione.