strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


9 commenti >

E mentre Echo langue in attesa che l’editor torni dalla settimana bianca, La Storia Fatta coi Cialtroni prende forma.
Più di trentamila parole che nella loro forma più grezza e aggressiva arriveranno in capo a 36 ore nelle caselle postali di tutti coloro che hanno supportato Santi & Fattucchiere l’estate scorsa.

Abbiate fede.
La cialtronaggine si avvicina.

Annunci


7 commenti

20.000 uomini di Cornovaglia e un gatto scomunicato

christmas-ghost-stories-200x300Esiste qualcosa di più natalizio dello scrivere di fantasmi?
In effetti sì – darsi alla crapula, che era l’attività dominante nel periodo natalizio, specie presso i paesi anglosassoni, prima che Dickens e la Coca Cola tramutassero quella che era stata l’occasione ghiotta per mangiare a crepapelle, sbevazzare e scopare in giro, in una festa decisamente più tranquillae “per famiglie”.
E forse, di tutte le tradizionali incontinenze natalizie dei britanni e dei loro cugini, la storia di spettri rimane l’ultima testimonianza – l’irruzione dell’irrazionale e dello spaventoso nel quotidiano più domestico e “buonista”.

Leggere, scrivere e tradurre di spettri offre anche l’occasione per scoprire personaggi curiosi. Come ad esempio Robert Stephen Hawker, pastore anglicano, poeta, scrittore, studioso di antichità ed eccentrico.
Il tipo di personaggio che ci piace, qui su strategie evolutive. Continua a leggere


22 commenti

Più cialtroni per tutti

Ho cominciato a lavorare a La Storia fatta coi Cialtroni, un volume che riprenderà la serie di post occasionali di strategie dedicati a quei personaggi e quegli eventi dei quali, criminalmente, nessuno ci ha mai parlato a scuola.

EMGN-weird-history-11

Il volume conterrà gran parte delle schede biografiche già apparse sul blog, opportunamente ampliate e approfondite, più un 30/40% di materiale nuovo.
Più imprese improbabili.
Più eroismo spurio.
Più donne scollacciate.
Più birra.
Più cialtronaggine.

E l’imperdibile capitolo Cialtroni nello Spazio, per una storia improbabile dell’esplorazione spaziale.

Visti impegni e problemi diversi – e trattandosi di un saggio, per cui è necessaria più ricerca, e un faticoso lavoro di apertura scatoloni e recupero di libri archiviati da tempo  – l’uscita prevista è per il periodo delle feste.
Come quelli bravi, cercherò di farlo uscire per metà Novembre, sia in digitale che in cartaceo, per essere certo che possa trovare un posto sotto l’albero di Natale o nella calza della Befana di tutti i lettori interessati e dei loro amici (o dei loro nemici).

E c’è un extra.
I supporter del mio progetto di crowdfunding ne riceveranno una copia digitale – una eARC, come si suol dire – un paio di settimane prima della pubblicazione ufficiale.
Così, come ringraziamento per tutto quanto ( e per sfruttarli cinicamente come correttori di bozze, naturalmente).

Spargete la voce.


9 commenti

Reliquie sottospirito

Questa è una strana storia.
Ci sono un cervello, un alluce, un cocktail, e un mistero.
E sì, è anche autopromozione per Santi & Fattucchiere.
Ma è molto meglio di così.

Ora, tutto comincia con la famosa domanda

ma dove le trovi le tue idee?

che viene normalmente rivolta a chi scrive.
È noto che gli scrittori hanno risposte sprezzanti per chi rivolge loro questa domanda.
La ACME Ideas Corporation di Springfield, Mass.
Una tavola ouija.
Parlare con Dio o con Neil Gaiman.

Ci sono solu due risposte oneste a questa domanda, e sono

  1. non lo so
  2. ovunque

170216243-b69c0c98-6916-4f5c-a687-600cd2378ab3A riprova di ciò, l’idea per Santi & Fattucchiere nasce dal recente furto del cervello di San Giovanni Bosco, avvenuto in un posto che si chiama Castelnuovo, proprio come ilposto in cui vivo.
Vi lascio immaginare le battute, le condivisioni della notizia sul mio profilo Facebook con commenti spiritosissimi e tutto quanto.
E tuttavia l’idea… ma cosa ci faranno, col cervello di Don Bosco?

Un Frankenstein in odore di santità?

… domanda Matilde Ciambotti la Giovane a Buscafusco.

E qiuindi sì, Santi & Fattucchiere ruota attorno ad un furto di reliquie.
I resti di Sant’Uguzzone – molto liberamente ispirato a San Brunone, santo medievale astigiano DOCG, col nome però del santo a cui è intitolata la via in cui si svolge Stranimondi, perché mi dicono che ai nerd queste cose piacciono.

E poiché il mio è un romanzo, naturalmente, di Sant’Uguzzone non viene solo rubato il cervello sottospirito.
No, viene anche rubato il suo alluce sinistro1.

Il che è il genere di trovatina che porta a brani di altissima qualità letteraria come… Continua a leggere


8 commenti

Editori, adulteri, principi e palazzinari

WickedbibletitlepageL’anno è il 1631, e due gentiluomini londinesi, Robert Barker e Martin Lucas, hanno una fiorente attività come editori.
A differenza di ciò che accade oggidì, Barker e Lucas, essendo editori, sono considerati persone di classe e altolocate, degne di grande considerazione, per certi versi al di sopra della massa di straccioni che circola per le strade invase dal fango di Londra.
Tale è il prestigio di Barker e Lucas, che i due ricevono un incarico dalla corona, e Carlo I d’Inghilterra li incarica di curare la nuova edizione della Bibbia di Re Giacomo, l’edizione standard di lingua inglese del testo sacro. Il Libro per eccellenza. Migliaia di copie, una montagna di soldi. E non solo… Un lavoro che promette di proiettare Barker e Lucas nell’empireo dell’alta borghesia britannica. Potrebbe esserci a seguire un titolo, magari altri incarichi di lusso.

E i due arriveranno, in effetti, fra le stelle, ma non come credono o sperano.
Perché questa è la Storia fatta coi Cialtroni. Continua a leggere


Lascia un commento

La radio, i podcast e Hilda Matheson

È agli atti la mia malsana passione per la radio, e per quella che in inglese si chiama talk radio in particolare – la radio parlata, con le interviste o anche solo con una persona che parla diciò che le pare.
Ho anche accennato in passato a come io consideri il mio blog come una specie di stazione radio, dove io mi siedo al microfono alla notte e parlodi ciò che mi pare – e in effetti i recenti esperimenti di podcast fatti su Karavansara col KaravanCast si riducono proprio a quello: io seduto davanti a un microfono, nel cuore della notte, che parlo di quel che mi pare.

p032rf24

Ma oggi non voglio parlare di me, ma di Hilda Matheson.
Perché Hilda… eh, Hilda.
Vedrete.
Continua a leggere


1 Commento

Questa non è la nave che state cercando

La HNLMS Abraham Crijnssen era un dragamine olandese di stanza a Surabaya quando nel 1941 arrivarono i giapponesi.

HMAS Abraham Crijnssen_0001_0

Gli alleati erano stati sconfitti nelle due battaglie del Mare di Java e dello stretto della Sonda, e le prospettive erano abbastanza sconfortanti.
Il comando ordinò a tutte le navi alleate nell’area di ritirarsi e raggrupparsi in Australia.
Ma la Abraham Crijnssen rimase tagliata fuori dal resto del convoglio, e i suoi quarantacinque uomini di equipaggio si ritrovarono a doversela vedere da soli con le forze giapponesi che si stavano espandendo nell’area.

La Crijnssen poteva viaggiare a una velocità massima di quindici nodi, e aveva solo un cannone da 3 pollici e due cannoni da 20 mm.
Niente armi antiaeree a bordo – in caso di avvistamento da parte di un ricognitore nemico, non ci sarebbe stata alcuna speranza di abbatterlo prima che desse l’allarme.
Che fare? Continua a leggere


16 commenti

Un bicchierino con Michael Malloy

Negli anni selvaggi del proibizionismo, Francis Pasqua, Daniel Kriesberg e Tony Marino, che gestivano un fiorente traffico di alcoolici illegali avevano trovato un sistema sicuro per far soldi.
Il piano prese forma nel giugno del 1932.
Marino, che aveva 27 anni, era il cervello dell’operazione. L’inverno precedente aveva conosciuto una senza tetto di nome Mabelle Carson, l’aveva convinta ad assicurarsi per 2000 dollari, assicurazione della quale lui era il beneficiario. Poi, dopo averla fatta bere fino ad andare in coma, l’aveva messa a letto, aveva inzuppatole coperte di acqua gelata e l’aveva lasciata sotto ad una finestra aperta. Mabelle era morta di polmonite, e Marino aveva incassato.
Bello liscio.
Perché non farlo di nuovo? Bastava selezionare un barbone qualunque – e non è che non ce ne fossero, a New York nel 1932.

tramp.gif

Così, nei primi giorni del 1933, i tre selezionarono una nuova vittima: Michael Malloy. Continua a leggere