strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


10 commenti

In tram lungo Nanjing Road*

Ci passavano anche gli autobus a due piani… riscrivere! riscrivere!

Ci passavano i tram, in Nanjing Road, a Shanghai, nel 1936?
La risposta è sì – basta cercare un po’ di fotografie d’epoca, piuttosto facili da reperire online, e si vedono tanto i binari del tram quanto le linee aeree, i cavi dell’alimentazione.
Ci passavano i tram, su Nanjing Road, a Shagai, nel 1936.
Il che significa, naturalmente, che la sequenza d’apertura della mia storia, Beyul Express, deve essere modificata.
Nulla di clamoroso – si tratta di aggiungere un paio di paragrafi qua e un paio là, ed anzi, così viene meglio.
Però è curioso, che io avessi pronta la descrizione esatta dell’insegna di un locale notturno – ed avessi scelto di ambientare l’apertura in quel locale proprio per via dell’insegna, e non avessi badato ai tram.

La questione si fa poi particolarmente interessante quando, circa venti capitoli dopo, mi trovo nella spiacevole necessità di dover
a . spostare i monti del Tian Shan di circa seicento chilometri ad est**
b . spostare Urumqi di circa duecento chilometri a nord

Una cosa che si fa abbastanza alla svelta – dopotutto, il Taklamakan è un deserto talmente vasto, che cosa sono una manciata di chilometri?

Sono malato di mente?
Perdo un’ora per due fili del tram, e poi sposto le montagne in barba a tutte le carte geografiche degli ultimi 400 anni? Continua a leggere