strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


23 commenti

Perché qui sarebbe impossibile

Issue1_Cover_Large_FINAL_SmlHalf Past Danger è una serie a fumetti che è stata appena lanciata negli Stati Uniti.
È un fumetto molto ben disegnato, molto divertente, pieno d’azione e d’avventura.
La copertina qui di fianco è abbastanza chiara.
1943.
Teatro del Pacifico.
Marines.
Nazisti.
Dinosauri.
Ninja.
Ci sono domande?

Ecco, io una domanda ce l’ho.
Ma perché da noi no?

Voglio dire – di disegnatori in gamba, in Italia, ce ne sono tanti.
Produrre un fumetto così, avendo un paio di disegnatori in gamba e uno sceneggiatore competente, non è difficile.
Richiede lavoro, richiede amore per il genere, certo.
Ma si può fare. Continua a leggere


13 commenti

Tutti gli uomini sono fratelli

Ed avendo cominciato con lo Xi Yu Ji, perché non continuare a ripulirsi i sistemi da tutto il ciarpame pseudoceltico e finto-medioevale del fantasy di dozzina che ci assedia, e buttarci su un altro bel classicone cinese?

Shuihu Zhuan è stato variamente tradotto come Il Margine dell’Acqua, ma anche come I Briganti, Le Paludi del Monte Liang e anche, appunto, Tutti gli uomini sono fratelli.

Il bello di questo colossale romanzone del quindicesimo secolo è che è talmente popolare, e talmente diffuso, e talmente presente nella cultura cinese, che negli ultimi cinquecento anni ne sono state sfornate una quantità inenarrabili di versioni, che tendono ad allinearsi al clima sociale e politico dell’epoca.
Nemmeno l’autore è accertato, poiché esistono quattro diverse mani – per lo meno – nella stesura del definitivo, che viaggia sui 100-120 capitoli a seconda delle versioni.

Ma procediamo con ordine.
Tutto comincia con un tizio che sa giocare bene a palla.
No, davvero! Continua a leggere


2 commenti

Magnus per Natale

In un uggioso pomeriggio del 199… io ed un mio buon amico che ora vive molto lontano ci rifugiammo in una libreria del centro per sfuggire all’umidità e dare un’occhiata a cosa ci offrisse il mercato.
L’occhio ci cadde su un volume nero sulla copertina rigida del quale spiccavano le lettere del titolo, Le Ceneri del Resuscitato.
Un fumetto di Magnus.
Ora, all’epoca noi non si era fini estimatori di fumetti, ma semplici lettori.
Per noi Magnus significava La Compagnia della Forca, Alan Ford, Lo Sconosciuto.
OK, sapevamo di Kriminal e di Satanik, ma quel volume in particolare richiamava incontinenze molto più inquietanti – sesso, violenza, cannibalismo…
Ma non fu esattamente quello, a prenderci in contropiede.
No, fu il fatto che il mio amico ricordava con una certa sicurezza di aver ritrovato una versione infinitamente più squallida – editorialmente parlando – e antica di quel ridicolo pornazzo fumettistico, presso la caserma romana dove aveva dapoco finito di svolgere il servizio militare.
Era un lato di Magnus che non conoscevamo.
http://www.pandistribuzione.it/image/image_gallery?img_id=2174239&t=1256200311790
Ora, la Lizard pone sul mercato un volume – fresco fresco per il mercato natalizio – che espande ed approfondisce il lato oscuro (ma neanche poi tanto oscuro) della carriera artistica di Roberto Raviola, in arte Magnus.
Si intitola Magnus Erotico e Fantastico, ed è un sontuosissimo volume da 250 pagine che raccoglie le opere dell’artista dal 1980 allaprima metà degli anni ’90.
C’è Milady nel 3000, ci sono Le 110 Pillole, ci sono Le Femmine Incantate
Ci sono un sacco di cose che ho già.
Ma ci sono anche delle perle scomparse da tempo, inclusa una succosa biografia dell’autore (naturalmente a fumetti).

È interessante lo stretto legame in Magnus di fantastico ed erotismo, così come è straordinario il levello di dettaglio delle tavole, con i richiami ai classici del fumetto (Flash Gordon primo fra tutti) e lo strano vezzo di adattare antiche opere letterarie cinesi.

Chissà, qualcuno riuscirà persino a sentirsi offeso, dalla cura anatomica di certi amplessi, dall’oscenità di certe trovate.
Per tutti gli altri, questo rimane un pezzo imperdibile per una biblioteca che del fantastico voglia davvero esplorare ogni aspetto.

In un panorama dominato da giganti, Magnus è stato il più grande.

Powered by ScribeFire.