strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


Lascia un commento

Quel che resta di un altare

Sono andato a scavare nelle scatole e ho tirato fuori i miei (pochi, ahimé) CD della Orpheus Chamber Orchestra, per rimpiazzare High Adventure di Kenny Loggins sul mio lettore.
51vf6rrPb-L._SX298_BO1,204,203,200_La colpa, credo, è di Phil Rickman, e di The Remains of an Altar, uno dei libri ricevuti in regalo per il mio compleanno – un romanzo interamente incentrato sulla figura di Edward Elgar.
Ma è meglio di così.

The Remains of an Altar appartiene alla serie di Merrily Watkins, ma per quanto la serie abbia una sua cronologia interna, lo si può leggere indipendentemente dagli altri.
Merrily Watkins è una sacerdote1 anglicana “Deliverance consultant”, che sarebbe poi più o meno un esorcista per la chiesa anglicana.
I romanzi sono uno strano connubio di sovrannaturale e poliziesco, con il poliziesco a dominare sulla trama. È come se Phil Rickman volesse dirci che il male compiuto dagli uomini è molto più immediato e tangibile di quello – presunto – che proviene dall’aldilà. Continua a leggere

Annunci


2 commenti

Nel mezzo di un gelido inverno

midwinterofthespiritMerrily Watkins è una donna-prete1, vicario protestante di un piccolo centro della campagna inglese dell’Herefordshire, e di recente incaricata come esorcista dal proprio vescovo.
È anche una madre single, una vedova con una figlia adolescente a carico.
Poi un giorno, viene ritrovato ilcorpo di un uomo crocefisso col filo spinato nei boschi fuori città, e Merrily viene contattata dalla polizia come “esperta in queste cose”.

Il primo romanzo della serie di thriller spirituali con Merrily Watkins per protagonista venne pubblicato da Phil Rickman (vi avevo detto che ne avremmo riparlato) nel 1998. L’autore si era fatto le ossa nei primi anni ’90 come scrittore horror, ma la sua miscela di folklore, religione e l’approccio razionalista e quasi “poliziesco” alla narrazione avevano sempre reso difficilmente classificabili i suoi romanzi.
E allora perché non farlo di proposito? Continua a leggere