strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


2 commenti

The Ministry of Thunder – un annuncio

Allora, devo fare un annuncio.

The Ministry of thunder smallHo avuto conferma da Acheron Books che The Ministry of Thunder è il titolo Acheron più venduto sul mercato internazionale.
Il romanzo è uscito esclusivamente in lingua inglese ormai tre anni or sono, ed è quello che si definisce di solito uno sleeper success – non ha mai fatto i fuochi d’artificio, ma continua a vendere in maniera stabile, ed ha incassato molte recensioni positive, incluse quelle di luminari come Ron Fortier o S.M. Stirling.
E tutto questo naturalmente mi rende molto orgoglioso e molto felice.
The Ministry of Thunder è stato il mio primo romanzo pubblicato, ed ho imparato un sacco di cose scrivendolo, e sono molto affezionato ai personaggi che lo popolano.
Felice Sabatini è quasi una persona di famiglia, e sono disperatamente innamorato di Helena Saratova (ma mi piacicchia anche Pat Neil). E il Capitano Asamatsu è un gran bell’eroe negativo, anche se me lo dico da solo. E per ciò che riguarda jacques LaFleur, lui ed io abbiamo una storia lunga… molto lunga.

Quindi, un attimo di pausa: devo ringraziare tutti coloro che hanno acquistato e letto il mio libro. Tutti coloro che lo hanno recensito, o ne hanno parlato.
Grazie davvero.

Ma torniamo alla nostra storia, ed all’annuncio.
Ci sono dense nubi nere che si addensano su Shanghai.
E Felice Sabatini sta per tornare in città.

The Ministry of Lightning sta per vedere la luce. Continua a leggere

Annunci


4 commenti

Due nuovi esperimenti

Dev’essere la primavera,oppure l’insonnia – è noto che la deprivazione di sonno può avere un sacco di strani effetti collaterali, dopotutto…
Comunque sia, mi vengono un sacco di strane idee, in queste notti. E così ho deciso di tentare due esperimenti. Uno coinvolgerà soltanto i miei supporter su Patreon, mentre l’altro sarà aperto al pubblico.
Entrambi sono schifosamente autopromozionali.
Entrambi saranno probabilmente piuttosto divertenti. Continua a leggere


Lascia un commento

Due mesi pieni

Sono stati due mesi impegnativi, Dicembre 2017 e Gennaio 2018, due mesi durante i quali ho finalmente messo al lavoro la connessione veloce a internet attivata a Ottobre ed ho avviato i miei corsi online. Due mesi durante i quali è partita la prima fase del progetto AMARNA, e naturalmente i primi due mesi su Patreon.
Con questo post, cercherò di fare un piccolo bilancio di questi due mesi. Continua a leggere


10 commenti

E COSÌ SONO SU PATREON

E così adesso sono su Patreon.
Avrei voluto fare un bel video di benvenuto, per i miei potenziali sostenitori, ma il mio sistema si è malamente imballato, e poi io sono uno che scrive, non che fa video.
Comunque adesso c’è un bel bottone color corallo nella sidebar, che ha più o meno questo sapetto qui…

become_a_patron_button@2x

Cliccando il bottone troverete la mia pagina Patreon, e vedrete cosa offro a coloro che decidono di sponsorizzarmi.

Primo livello

Due post esclusivi alla settimana.
Dietro-le-quinte di ciò che scrivo.
Note, schede dei personaggi, outline.
Prime stesure, scene cancellate.
E sì, il vostro nome nei ringraziamenti di ogni mio ebook autopubblicato, con sincera gratitudine.

Secondo livello

Tutto quanto elencato sopra, più un racconto al mese – una storia di 3000 parole di vario genere, di stile variabile, consegnata a fine mese. I miei primi mecenati riceveranno la prima storia fra Natale e Capodanno.

Ah, sì, questo è anche un buon punto per segnalare che sì, la pagina Patreon è in inglese, ma i miei sostenitori italiani che lo preferissero, avranno le storie e i contenuti e i post in italiano. È più lavoro per me, OK, ma voi mi state dando una grossa mano.
E poi voglio dimostrare che non è vero che gli italiani sono abulici pecoroni malfidenti e cattivi che a certe cose non partecipano, per cui, diamine, datemi un motivo per fare del lavoro extra!

Terzo livello

Tutto quello che si beccano al primo e secondo livello, più una copia gratis di ogni nuovo ebook che pubblico da self, diretta, prima ancora che io la carichi su Amazon. E l’anno prossimo magari cominceremo a giocare e a scrivere storie insieme su Storium (del quale vi parlerò più avanti).

E poi ci sono gli stretch goal, a seconda del successo della mia pagina – potreste beccarvi storie extra, o anche cose più lunghe.
Novelette, novelle.
O magari del materiale di gioco.
E potrete dire la vostra su cosa scriverò – entro i limiti della decenza.

E poi mi piacerebbe fare altro – sì, anche un podcast esclusivo per i miei sponsor1.

Perciò, riassumendo, il bottone di Patreon ha questo aspetto qui.

become_a_patron_button@2x

Cliccatelo, fate un giro, pensateci su.
Certo mi farebbe piacere avervi come sponsor, ma davvero, cominciate a fare un giro e a pensarci.
E poi ditemi cosa ve ne pare – i commenti sono aperti.


  1. il che non significa che il progetto podcast di strategie sia stato abortito. Quello si farà – aspettate la notte di Capodanno ;) 


6 commenti

Basato su una storia vera (o tre)

miskatonic whale run coverÈ appena uscito, e immagino a qualcuno possa interessare The Miskatonic Whale Run, una storia breve a tema tangenzialmente lovecraftiano e ambientata nella famosa università di Arkham, Mass., e ora disponibile su Amazon per la vertiginosa cifra di 99 cent.

Un horror scritto sotto la nefasta influenze di troppe visioni dell’Animal House di John Landis, The Miskatonic Whale Run è basato su una storia vera.
Anzi, su tre. Continua a leggere


10 commenti

Il prezzo della tranquillità

Una decina di minuti fa[^1] è andato live su Karavansara, il mio blog in inglese, un post in cui spiego ai miei lettori di lingua inglese che da dicembre sarò su Patreon.

Patreon è una piattaforma che permette ai follower di un autore, di un blogger, di un musicista o di un artista grafico, di una rivista o di un podcast, di dar loro il proprio supporto finanziario.
Anche con solo 1 dollaro al mese.

Sono molti mesi che ragiono su Patreon, e ho preso le misure, parlato con amici che lo usano da mesi, da anni. C’è chi ci si paga una pizza ogni tanto, c’è chi si è fatto un secondo stipendio.
E ora ci sono anch’io, e come ho fatto di là, spiego anche di qua… Continua a leggere