strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


4 commenti

Quarantine Quartet: MARIE

Sto scrivendo i volumi della serie fuori sequenza, uno ogni due giorni, scrivendo solo tre ore ogni sera, e si sta rivelando un esercizio tanto divertente quanto impegnativo. Mi auguro per lo meno che la lettura risulti piacevole per i lettori.

Ora è la volta del primo racconto, che esce come secondo, e che nella notta Amazon ha finalmente reso disponibile.
Si intitola Quarantine Quartet: MARIE, e sarà disponibile a 99 cent fino alla fine della quarantena qui in Astigianistan.

Per coloro che per motivi pratici o filosofici preferiscono evitare la bottega del signor Bezos, il volume è anche disponibile – in formato mobi, epub e pdf, DRM free – su Gumroad.

E naturalmente i miei sostenitori su Patreon hanno già ricevuto la loro copia. Perché è bello essere miei sostenitori su Patreon.


14 commenti

Natale a Krasnojarsk

No, non è un cinepanettone*, e neanche un progetto di vacanza alternativa. La mia novella Vento d’Acciaio (in inglese Guillotine Wind), è finita e impaginata, ed è stata appena spedita ai miei sostenitori su Patreon.
Perché è bello essere miei sostenitori su Patreon.
Si tratta di uno dei lavori che mi hanno causato più difficoltà, nella mia variopinta carriera di pennivendolo, ma contiene anche – me lo dico da solo – alcune delle cose migliori che io abbia scritto.
E finirà nel progetto Sette Vite, e così a suo tempo aiuterà una ciurma di gatti randagi. Che ignoreranno l’intera faccenda con sdegno, ovviamente, ma… speriamo che i lettori no.

Continua a leggere


Lascia un commento

Una donna con un passato

A giorni uscirà una mia nuova storia, che per il momento non ha ancora un titolo. Fa parte del progetto Sette Vite, per cui i primi a vederla, entro la fine del mese, saranno i miei sostenitori su Patreon.
E poiché da un po’ strategie languiva, ho pensato di postare qui la prima parte della postfazione, in cui racconto come la storia – che è la prima di una serie – abbia preso forma.
Nell’ipotesi che a qualcuno possa interessare.

La postfazione fa più o meno così…

Continua a leggere


5 commenti

Sette vite

L’estate passata ho cominciato a dare il mio supporto ad un rifugio per gatti sull’isola di Lanzarote. L’ho fatto perché mi piacciono i gatti, perché conosco bene una delle persone coinvolte nel progetto, e perché credo che sia il caso di dare una mano, quando possibile, anche in piccolo, per convincere il prossimo che siamo brave persone.
E poi ci sono tutta una serie di doppisensi molto goliardici che funzionano solo in inglese, e che perciò vi risparmio.

Il problema, naturalmente, è che quando non si hanno, come si suol dire, “i soldi per far ballare un topo”, aiutare i gatti diventa difficile.
Come fare?
L’unica cosa che posso fare, a quanto pare, è scrivere.
E allora mi sono messo a scrivere.

Continua a leggere


6 commenti

Buscafusco ad Halloween

Mi si dice che postare un teaser delle nostre nuove storie a volte serve a suscitare la curiosità e l’interesse dei lettori.
E perché no?
È bello di tanto in tanto tornare ai nostri personaggi preferiti, per cui questo mese i miei sostenitori su Patreon della Five Bucks Brigade si sciroppano una nuova storia di Buscafusco, fatta di gatti neri e nebbie ottobrine.
Una cosa che fa più o meno così…

Continua a leggere


Lascia un commento

Open Outline, un esperimento di scrittura

Ho avviato un nuovo esperimento, su Patreon, coinvolgendo i miei sostenitori. Una cosa che ho deciso di chiamare Open Outline. Ho la fortuna di poter contare sul supporto di un gruppo di persone molto molto in gamba, e quindi mi è parsa una buona idea quella di metterli a lavororare per me.

L’Open Outline funzionacosì: il primo del mese (oggi, ad esempio), io posto un incipit, diciamo più o meno la prima pagina di un racconto. I miei sostenitori sono invitati a dirmi la loro. Farmi domande, certo, ma anche proporre sviluppi, suggerire comela storia potrebbe andare avanti. Fornire opinioni e dettagli sui personaggi, sui luoghi. Alla fine della settimana, le idee migliori verranno inserite negli appunti della storia, e ne ricaveremo qualche indicazione su come il racconto debba proseguire.
E poi partiremo con un secondo giro di brainstorming.
E poi di nuovo.

In questo modo, alla fine del mese io avrò un pool di idee e di situazioni, ed idealmente una sorta di delineatura, del mio racconto – racconto che scriverò e presenterò ai miei sostenitori il mese successivo.

Si tratta di un ottimo esercizio, che mi obbliga a restare flessibile ed adattabile, ed a scrivere comunque, qualunque cosa arrivi sul mio piatto, e come il mio esperimento dell’anno passato, con l’amico Fabrizio Borgio, quando ci trovammo un giorno d’estate a scrivere una storia ciascuno, a macchina, a partire da un’idea fornita dal pubblico… come Tastiere Roventi, dicevo, anche Open Outline è un modo per mostrare come ci sia ben poco di mistico nel lavoro di chi scrive.

Non è come rintanarsi in qualche fumoso locale per scrivere nella notte, sorseggiando rhum e ascoltando jazz in compagnia della Musa.
È rischioso, imprevedibile, e divertente.
E badate, a me piace il jazz… questo però è più divertente.

E chissà che non attiri altre persone sul mio Patreon.
Perché sapete cosa dicono, vero…?


5 commenti

L’Autunno di Patreon: Cose a venire n°5

Come ho già accennato, dedicherò i prossimi tre mesi a cercare di far crescere la mia pagina Patron. Voglio offrire più benefici ai miei sostenitori e possibilmente attirarne di più.
In tutta onestà, mi piacerebbe poter essere in grado di pagare il mutuo con Patreon – e questo significa lavorare di più, offrire più qualità e maggiori vantaggi alle anime coraggiose che hanno voglia di giocarsi qualche soldo ogni mese sulla mia capacità di fare qualcosa di decente.

Per questo motivo ho deciso di aggiungere un nuovo livello alla mia pagina Patreon, un livello di donbazione più elevato, ben al di sopra delle già vertiginose altezze del 10 Bucks Lounge – qualcosa che chiamerò Writers’ Workshop, perché questo nuovo livello sarà dedicato a chi scrive.

Il Writers’ Workshop vi costerà 25 dollari al mese, per un minimo di due mesi. Sono molti soldi, quindi cosa vi offro in cambio?

Continua a leggere