strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


13 commenti

Visioni di Harlan

È uscito un nuovo libro di Harlan Ellison.
E voi qui dovreste dirmi, Dave, sono tre anni che Harlan ha tirato le cuoia, ed all’Inferno stanno ancora piangendo per come li sta tormentando, mentre in Paradiso si danno gran pacche sulle spalle, perché per il momento nessuno si è accorto di come hanno contraffatto i documenti, e prima che Harlan gli faccia causa e trascini il culo di tutti i cherubini ed i serafini in tribunale e li sprema fino all’osso, avranno il tempo per adeguarsi ai suoi standard di qualità.
E quindi come ha fatto, Harlan Ellison a far uscire un nuovo libro, impegnato com’è in questo momento?
Devi aver preso un abbaglio, sai, non sei più giovane, certe cose capitano.
Questo dovreste dirmi.

Continua a leggere


7 commenti

Ma cos’hanno poi in comune?

Il giochino di domenica pomeriggio ha avuto un discreto successo, e ringrazio tutti coloro che hanno partecipato postando le loro ipotesi nei commenti.
Nessuno ci ha azzeccato – ma provarci e sbagliare è sempre certamente meglio che non provarci e poi dire a posteriori “ah, io la sapevo!”

Resta il problema: cos’hanno in comune A Christmas Carol di Dickens, The Stepford Wives di Ira Levin, Goodbye, Columbus di Roth e The Subterranean di Kerouak,e tutti gli altri titoli della lista?

Mysterious-Book1

Sì, è vero, sono tutti libri.
E sono in inglese.
E sono tutti considerati dei classici.

Ma cos’hanno in comune davvero?

Continua a leggere


3 commenti

Hydropunk, l’antologia

hp coverAnnuncio con estremo piacere l’uscita dell’antologia Hydropunk, the Drowned Century, che raccoglie le storie che hanno partecipato all’omonimo concorso indetto dal blog Minuetto Express:

Mareah & Juliette, di Alessandro Forlani;
Tempi Interessanti, di Davide Mana;
Gli Acquanauti degli Oceani Boreali, di Mauro Longo;
Moby Dick Project, di Enzo Milano;
Sotto Pressione, di Gabriele Falciani;
L’Arcipelago di Ulisse, di Ariano Geta;
Nuovo Mondo, di Stefano Trevisan;
Caccia Grossa, di Massimo Mazzoni;
Gli Occhi del Mostro, di Moreno Pavanello;
Fuochi Fatui, di Francesca Rossi;
Imperius Rex, di Marco Montozzi;
Contro Natura, di Stefano Busato Danesi;
Scogliere, di Alessio Brugnoli;
La Caccia dell’Albatross, di Marcello Nicolini

Il volume è in epub, e si può scaricare gratis dal link segnalato qui sopra.
Buona lettura!


21 commenti

Pianeta Rosso

garibaldi cover small

Cliccate sull’immagine per scaricare il file pdf.

Un’uscita a sorpresa.
Nel 2010 misi in piedi una serie di racconti ambientati su un pianeta Marte che era sostanzialmente un pastiche di tutti i principali pianeti Marte della letteratura popolare e del planetary romance, come sfondo per una serie di avventure improbabili che avevano come protagonisti una selezione di popolari cialtroni italiani.

Uscirono un paio di storie, ma poi quello che era stato progettato come un serial e potenzialmente un universo condiviso, si interruppe per sopravvenuti problemi svariati e noiosi da elencare.

Quello che trovate qui è il primo episodio della serie, intelligentemente intitolato Pianeta Rosso, opportunamente riveduto, corretto e ampliato, con un nuovo prologo mai pubblicato prima, e con un bonus extra e un po’ di note e cose.

Potete scaricarlo in formato epub dal solito Ubuntuone.
Oppure potete scaricare il pdf cliccando direttamente sull’immagine qui di fianco.
La versione in mobi è in preparazione.

Il feedback, come sempre, è molto gradito.
E c’è anche il pulsante per le donazioni – che non sono obbligatorie, ma non mi offendono affatto.

E qualora voleste saperne di più sugli originali – e non – ai quali è ispirata l’ambientazione del racconto, l’agile volumetto Marte! è sempre disponibile dalla pagina dei Saggi.

ATTENZIONE – è stato segnalato un problema con il file in versione epub, che potrebbe causare problemi di impagniazione su alcuni lettori.
Il file è stato sostituito ed il problema dovrebbe essere risolto – segnalate eventuali altri impicci, e cercheremo di risolverli.


2 commenti

Tutte le mie storie in un sol posto

Breve annuncio di servizio – da oggi, potrete trovare i miei racconti in formato ebook alla pagina Storie, che vedete qui sopra, di fianco a ebook.
Così è più facile trovarle – per ora ce ne sono tre, contiamo di averle tutte per la fine del mese.
C’è anche il bottone per le donazioni con PayPal – ma non formalizzatevi.
Il feedback, come sempre, è veramente gradito.


9 commenti

15 euro di letture estive

Questo non è il post che avevo in programma.
Ma ci sono un sacco di cose per aria, e quallo che avevamo in programma lo lasciamo per il futuro.

Il fatto è che ad agosto avrò un sacco ma proprio un sacco da fare, però non mi dispiace l’idea di trascinarmi da qualche parte sulle colline, in posizione ombreggiata e ventilata, e passare qualche ora a leggere, nelle ore più calde della giornata, complice una tanica di té ghiacciato.

… che tanto al cinema non c’è nulla di interessante.

Perciò ieri sera ho dato un’occhiata alla wishlist, ed ho deciso di sacrificare il prezzo di un film di prima visione per garantirmi un po’ di ore di sano intrattenimento.
E perché allora non approfittare del rinascimento pulp che l’editoria elettronica sembra aver innescato?
Un po’ di ebook – costano poco, si trovano cose incredibili, e non ci sono tempi d’attesa.
Bello liscio.

Ecco quindi cosa abbiamo sul piatto per le prossime settimane – ci mettiamo una semplice notarella, e ci ripromettiamo di fare una recensione completa una volta letto ciascun titolo.

Vediamo… Continua a leggere


9 commenti

La Mer a berce mon coeur pour la vie

Ci sono un sacco di cose delle quali vorrei parlare, ma il tempo è poco, e poi il weekend è iniziato, e così mi concentro su ciò che ho in macchina al momento, ed in particolare su una cartella di appunti, foto e altre meraviglie che si va riempiendo in vista del concorso Hydropunk, messo in piedi dal sempre coraggioso webmaster del blog Minuetto Express.

Il regolamento del concorso ve lo lascio sciroppare sul sito ufficiale.
Basti in questa sede riportare l’argomento…

ARGOMENTO: una Storia Alternativa (aka ucronia) con elementi retrofuturistici, ambientata tra il 1899 e il 1999, in cui l’umanità scopre l’esistenza di creature subacquee intelligenti, e numerosi cambiamenti climatici modificano l’aspetto della terraferma.

Racconti da 1000 a 5000 parole.

Il che mi permete di utilizzare la formula di Lester Dent, naturalmente, dividendo la storia in quattro parti da 1250 parole ciascuna.
Bello liscio.

L’argomento naturalmente mi interessa.
Oh, è vago, molto vago – ma è bene che sia così.
È bello poter scrivere di qualcosa che piace.
È bello poter attingere alle proprie competenze, ma lasciare…

Ah, stavo per dire “lasciare spazio all’immaginazione”.
Scemo.
Come se immaginazione e creatività non avessero nulla a che vedere con la ricerca scientifica.
Ma qui si tratta non tanto di lavorare secondo modalità differenti, ma semplicemente di lasciare un po’ più larghe le maglie dei filtri.
Lasciar passare più materiale.
Sarà divertente.

Peccato solo per il limite al 1999 – sarebbe stato bello tornare all’universo del mio vecchio racconto, Blooper.
Ma chissà…
Anche così delle buone idee ci sono.
E l’ambientazione pseudostorico/ucronica garantisce possibilità di recuperi interessanti.
Toccherà solo trovare il modo di metterci uno xilofono…