strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


5 commenti

42000 parole in 7 giorni: giorno 2

Problemi tecnici.
In un certo senso.
Durante la giornata ho lavorato a una traduzione e cominciato a rivedere le bozze del nuovo volume di Hope & Glory, e poi alle sei ho staccato, ho riaperto il mio file e ho cominciatoi a scrivere.
Mezz’ora, una buona scena da 500 parole. L’ideale per scaldarsi.

tortellini-alla-gigi-5988Poi ho preparato cena – tortellini, visto che era il 25 aprile e volevamno festeggiare.

Alle otto meno venti ero pronto a ripartire, e a mettere giù le 3500 parole che mi mancavano per raggiungere il tareget.
Ma a questo punto mi chiama un’amica, per la quale mesi addietro avevo messo in piedi un blog.
Nei mesi trascorsi lei ha deciso che il blog così com’è non le piace più, ed ha provato a riorganizzarlo, se non che non sa proprio comelo vorrebbe.
Il risultato sono i supermostri,e così stasera mi chiama e io per un’ora e venti mi ritrovo a fare l’help desk. Continua a leggere


6 commenti

42.000 parole in sette giorni: la formula di Dean Wesley Smith

Allora, ne ho parlato di là su Karavansara, perché non parlarne anche qui?
Tutto comincia con un libro, un libricino di una settantina di pagine, scritto da Dean Wesley Smith, che si intitola Writing a novel in seven days – a hands-on example, e che fa esattamente ciò che dice: si tratta della radiocronaca di un esperimento fatto dallo scrittore americano, uno dei prolifici fautori della scrittura come duro lavoro, un paio di anni or sono.
Sette giorni, 42.000 parole, che sarebbe il numero minimo perché il manoscritto venga considerato nella categoria “romanzo”.

Writing_a_Novel_Cover_FinalLo schema è semplice:

giorno 1 – 3000 parole
giorno 2 – 4000 parole
giorno 3 – 5000 parole
giorno 4 – 6000 parole
giorno 5 – 7000 parole
giorno 6 – 8000 parole
giorno 7 – 9000 parole
= 42.000 parole

Bello liscio.
Il trucco è farlo, come nel caso di Smith, senza alterare significativamente la propria routine quotidiana.
E senza lascirci la pelle. Continua a leggere