strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


7 commenti

Nocturnals & Savage Worlds

savage-worlds-edizione-da-battagliaNelle settimane passate i sono trovato spesso a parlare di Savage Worlds con persone che non lo conoscano e non lo giocano.
Uno dei punti di forza del sistema, ho sottolineato ogni volta, è che digerisce qualunque cosa.
Horror, fantasy, western, space opera, avventura pulp?
No problemo.
Azione, investigazione, combattimento di massa?
Vai tranquillo.

E ci si può adattare qualunque cosa.

Mentre leggete queste righe, la mia squadra è reduce da una partita al gioco Nocturnals, un setting per Mutants & Masterminds pubblicato da Green Ronin.
Rapidamente convertito a Savage Worlds in… diciamo due ore.
Ecco come è andata. Continua a leggere


4 commenti

Su un treno lento verso Torino

Mentre leggete queste righe, io sono probabilmente su un treno che in due ore e spiccioli mi permetterà di percorrere gli ottanta chilometri che mi separano da Torino, dove insieme con la ciurma di Savage Worlds parteciperò a Torino Comics.

Sarà una buona occasione per infliggere ai torinesi un paio di partirte dimostrative – Necessary Evil o 50 Fathoms? Deadlands o qualcosa di improvvisato? – e per cercare di convincere cosplayer, fumettari e mangamaniaci a provare il sistema di gioco di Savage Worlds. Continua a leggere


6 commenti

Novità per Aculeo & Amunet

A&A new logoQualche sera addietro mi è stata chiesta qualche informazione sullo stato di salute di Aculeo & Amunet.
Ho risposto che Aculeo e Amunet stanno bene e vi salutano tutti.

E poiché scrivere significa anche dare per scontato che a qualcuno là fuori interessa ciò che scriviamo, vediamo di dare un’occhiata a cosa bolle in pentola al momento per la mia serie di storie sword & sorcery.

Le due storie uscite finora stanno andando piuttosto bene.
Nulla di straordinario (ci sono altri miei ebook che stanno vendendo meglio), ma Bride of the Swamp God e Lair of the White Ape sono servite a creare una certa aspettativa.

Ci sono altre storie in cantiere. Continua a leggere


4 commenti

Guerra e Orrore al tempo dei Romani

Parliamo di giochi di ruolo.
Il primo acquisto dell’anno – era in lista da Natale, ma poi c’è stato altro a cui pensare – è stato Weird Wars: Rome, per Savage Worlds.

119321La mia storia ormai la conoscete, quindi sarò breve – Savage Worlds è il mio sistema di gioco di riferimento ormai da molti anni: l’ho giocato, l’ho recensito più volte, l’ho tradotto in italiano (e se ne volete una copia, sapete dove trovarla).
È quindi abbastanza normale che un nuovo setting per Savage Worlds desti il mio entusiasmo.

E considerato il titolo e la copertina, potete ben immaginare che ci sia un secondo motivo per cui Weird Wars: Rome desta il mio entusiasmo.

Sì, Weird Wars: Rome è orrore sovrannaturale in una ambientazione romana.
E sono davvero felice di aver parlato per la prima volta di Aculeo & Amunet su questo blog nel gennaio del 2011 – perché questo della Pinnacle è un progetto dell’estate del 2013*, e quindi nessuno mi accuserà mai di scrivere racconti basati sulle mie partite di giochi di ruolo.
Casomai il contrario – oh, sì!

Detto ciò – com’è Weird Wars: Rome? Continua a leggere


6 commenti

Aculeo & Amunet per Savage Worlds

aculeo & amunet logoMi ero ripromesso di postare le schede dei protagonisti dei miei racconti per il sistema di gioco di Savage Worlds, e questa è più o meno l’occasione giusta.

Credo che Aculeo e Amunet siano degli eccellenti personaggi – funzionano bene sulla pagina, e credo funzionerebbero altrettanto bene sul tavolo di gioco.

La conversione con Savage Worlds non è un lavoro colossale – ho impiegato circa mezz’ora a mettere giù le schede di base. È vero, conosco bene il sistema e conosco bene i personaggi (…), ma ciò non toglie che avere un sistema leggero e a grana grossa per adattare personaggi (anziché crearli di sana pianta) sia un notevole vantaggio.

D’altra parte, non mi piace tantissimo l’idea di “congelare” i miei personaggi in una scheda immutabile – perciò quelle che seguono sono due possibili schede di Aculeo & Amunet, più o meno fotografati fra il 276 e il 277 d.C., all’epoca di Bride of the Swamp God e di  Lair of the White Ape.
SW_FanMa non venitemi a citare i numeri o i dettagli in un prossimo futuro – i miei personaggi sono ciò che io ne faccio, e se è vero che non credo cambierò mai radicalmente il modo in cui li immagino, mi lascio ampio margine discrezionale.

Aculeo sarà sempre spelacchiato e romano, Amunet sarà sempre attraente ed esotica, ed è probabile che i colori degli occhi e dei capelli, la statura, il peso o certi manierismi non cambino esageratamente.
Però nulla è scolpito nella roccia – le persone cambiano. Continua a leggere


10 commenti

Savage World for Dummies – parte terza

ExplorersEditionTerza puntata di questa rubrica su Savage Worlds per chi Savage Worlds non lo conosce granché, ma magari è curioso.

Una delle osservazioni che sento più espesso fa più o meno così

Bello, eh, il manuale base di Savage Worlds ma… manca l’ambientazione!

dead-lands-gli-uominiIl che è abbastanza corretto – trattandosi di un manuale generico, il manuale base risulta… beh, generico.

In realtà, ma non prendete ciò che sto per scrivere come ortodossia, io concordo con coloro che sostengono che il genere avventuroso/thriller/pulp è il genere di default di SW.
Se volete giocarvi, per dire, Indiana Jones piuttosto che Bourne Identity o Fast & Furious (regole per gli inseguimenti in auto!) o 24, il manuale base vi garantisce un bel chilometraggio.

Poi, naturalmente, ci sono i setting books.
Oppure potete farvelo da voi, il vostro setting. Continua a leggere


6 commenti

Savage Worlds for Dummies – parte seconda

ExplorersEditionSeconda puntata di Savage Worlds for Dummies – che viene anche ripreso dal sito ufficiale di SW Italia.
Ottimo, oggi parliamo di cose.
Sì, di cose.
Oggetti.

dead-lands-la-leggeUn tavolo di Deadlands, per dire, è di solito una cosa abbastanza spettacolare a vedersi.
Ci vuole un tavolo grande.
Perché sul tavolo ci sono i manuali, le schede, le patatine, i bicchieri di plastica e le bottiglie assortite, ma anche e soprattutto i dadi, le carte da gioco, le fiches e le miniature.
E la Colt del master.
Se devo masterare Deadlamnds, voglio la Colt sul tavolo, alla mia destra.

Carte da gioco e fiches – o bennies – sono elementi tipici di Savage Worlds, e possono causare una certa perplessità in giocatori provenienti da sistemi diversi.

Ma non bastavano i dadi?

Beh, no.
Vediamo di mettere giù qualche idea… Continua a leggere