strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


10 commenti

Non tradurre, dopotutto

Quando si dice la sfortuna.
O l’eccessiva onestà.

Qualche settimna addietro avevo annunciato al mondo – beh, ok… – il ritrovamento di una allegra e scollacciata guida alla Parigi dell’Oriente.
E mi ero domandato se fosse il caso di tradurre o meno quel testo scandaloso.

Pare che il destino abbia deciso per me – una casa editrice di Hong Kong, in collaborazione con due dotte università americane, ha appena ridato alle stampe il volume maledetto, aggiungendovi un bel po’ di metatesto ed una sontuosa rilegatura rigida, e quel che è più importante, rinnovando il copyright sul materiale.

Ed estendendolo – per cui non solo non posso riutilizzare il materiale così com’è ma – faccenda che mi avvilisce un tantinello, visto che arriva da due università – neppure per preparare materiale derivato.
L’idea di una traduzione annotata, anche parziale, va a carte quarantotto.

Ora sto verificando se la clausola sul fair use mi lasci un minimo di margine – per remixare, diciamo così, il lavoro che avevo in mente di fare, trattando il volumetto dannato non come base per traduzione, ma come risorsa per la ricerca.
Ma la faccenda è nebulosa, ed il mio progetto originario è sospeso a tempo indeterminato.

Ci inventeremo qualcos’altro.

=-=-=-=-=
Powered by Blogilo


2 commenti

A Shanghai con Marlene

Il libricino di cui parlavo nel post precedente mi ha fatto venir voglia di rivedere “come si deve” il vecchio classico, Shanghai Express, diretto da Joseph von Sternberg e interpretato da Marlene Dietrich.

Con Sternberg, a Shanghai, c’ero già stato, col meno noto e sostanzialmente più torrido The Shaghai Gesture.
Film colossale e irripetibile, quello.
La pellicola con la Dietrich, più popolare, e vista decine di volte malamente su canali televisivi mercenari, mi aveva lasciato meno impressioni definite, meno memorie.

Probabilmente, in retrospettiva, perché avevo sempre solo guardato il film in termini di trama.
E la trama, ammettiamolo, non è proprio quel capolavoro di originalità.

Continua a leggere