strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


3 commenti

Il primo post del 2017

Facciamo qualcosa di buono… no, facciamo qualcosa di giusto prima di Natale.

Se seguite da qualche tempo questo blog sapete che normalmente non recensisco e non segnalo autori italiani.
Neanche i miei amici. Soprattutto non i miei amici.
Sprattutto quelli riguardo ai quali si dice che ci recensiamo fra noi e facciamo cose strane in odore di peccato mortale.
Io non recensisco autori italiani – e un giorno forse parleremo seriamente di tutto questo, ma non oggi. Oggi recensisco un’autrice italiana.

La mia amica Shanmei, che ha intrapreso da quache tempo la strada dell’autopubblicazione per i suoi racconti brevissimi, ha appena pubblicato una storia fantastica ambientata in Cina, durante la Rivolta dei Boxers. Voi lo sapete che è il mio genere di cosa.

51fli7lcizl-_sy346_La storia si intitola Il fermaglio di giada, ed è una cosina che si legge in un’ora e costa 99 centesimi.

L’ambizione originaria di questo racconto era quello di essere un wuxia, ma in realtà non lo è.
Tanto per cominciare perché un wuxia comme il faut viaggia sui 400 capitoli e un numero n di volumi – le trilogie occidentali gli fanno un baffo.
Mentre questo è un racconto breve.
E poi è troppo intellettuale – nonostante cerchi di essere grezzo come il wuxia classico.
Si tratta piuttosto di un racconto sofisticato alla maniera dei classici episodi raccolti dal vecchio Pu Songling e pubblicati col titolo di Liaozhai Zhiyi. Ne abbiamo parlato in passato.
Quindi, non un wuxia, ma un zhiguai xiaoshuo. Come se facesse qualche differenza.
È una buona storia fantastica, e con tutti i possibili limiti di un primo esperimento, è un esperimento interessante, e richiede un investimento di tempo e di denaro irrisorio.
Potreste aver voglia di buttarci un occhio. È ideale per la calza della Befana.

E ora una rapidissima nota sul perché io abbia deciso di infrangere le mie regole e pubblicare questa recensione. SE avete voglia di leggerla. Se non vi interessa, è OK. Continua a leggere


9 commenti

Flash fiction

Questa sarà una settimana anomala – nel senso che farò un po’ di post per recensire e segnalare un po’ di libri, e si tratterà sempre di libri di persone che conosco.
Di amici.
Amici-amici, non amici di Facebook.

E sì, lo so, la cricca, gli amyketty, quelli che si scambiano markette
Se leggete e avete degli amici che scrivono, siete in guai seri.

feeae22fb1046c7b955ebb85f4d7344b

Veniamo allora al secondo titolo della settimana. Continua a leggere