strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


11 commenti

Per vincere la soggezione

Questa è una specie di pezzo del piano bar del fantastico. Si parlava con la mia amica Lucia di come certe persone si sentano in soggezione davanti alla fantascienza.
Il che per me è abbastanza strano, ma io naturalmente con la fantascienza ci sono cresciuto.
Perché sentirsi in soggezione?
Per l’aspetto scientifico?
fanta-orange-12ozRicordo un tale che sosteneva che secondo lui la scienza non era indispensabile per scrivere fantascienza – eppure, se alla fantascienza togliamo la scienza, cosa rimane?
La Fanta?
O forse, chissà, c’è chi è stato traumatizzato in giovane età come la mia amica Chiara, leggendo un libro francamente brutto, per cui ora gira al largo dal genere e lo guarda con una certa difficenza.
O semplicemente ci sono coloro che hanno finora sperimentato il genere solo attraverso brutte serie televisive e film discutibili, e pensano che la fantascienza sia tutta così.
E non dubito che alcuni siano stati spaventati dai fan.
E ci sono certamente persone troppo maledettamente colte per leggere le storie con gli ometti verdi – ma questi non provano soggezione, casomai disprezzo, e il sentimento è, a dirla tutta, reciproco.

Ma la soggezione, si diceva…
Possiamo permettere che questo stato di cose persista?
Naturalmente no.
E manca ancora qualche giorno alle vacanze, per cui perché non mettere giù una lista di romanzi di fantascienza, reperibili in italiano (battete le bancarelle, setacciate eBay), che servano a far perdere la soggezione, e magari riconciliare i lettori diffidenti con la fantascienza?
Proviamo… Continua a leggere