strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


14 commenti

Tonno in scatola

250xTonno in scatola.
Esiste nulla di più tragico e indispensabile?
L’ultimo gradino prima di passare al cibo per gatti, il tonno in scatola è la risorsa terminale dello spiantato.

Ma noi siamo spiantati, e siamo consapevoli del fatto che non è sempre caviale.
E se è vero che esiste una punta di malsano machismo nel mangiare il tonno direttamente in scatola col coltello, come in quella vecchia pubblicità, ci sono un paio di cose che possiamo fare con le nostre scatolette che, mantenendo il nostro budget al minimo, potrebero permetterci se non altro di sfuggire alla cappa di tetraggine che la crisi porta con sé.

Spaghetti tonno e limone (dosi per due persone)
Cuocere 250 grammi di spaghetti.
In una padella (o in un wok) scaldare dell’olio, aggiungere mezza cipolla rossa tritata fine e dell’aglio, e cuocere a fuoco lentissimo.
Aggiungere la pasta, il tonno sbriciolato, una grattata di scorza di limone, il succo di mezzo limone e del prezzemolo tritato.
Mescolare e servire.

Bruschetta al tonno
Eccellente per riciclare il pane raffermo (siamo in tempi di crisi, giusto?)
tagliare il pane a fette e friggerlo delicatamente in olio d’oliva.
A partepreparare una farcitura con aglio tritato, tonno spezzettato, pomodoro scubettato, basilico tritato, capperi e scorza di limone.
Pepare, disporre sul pane fritto.
Buon appetito.

Tonno al curry
Per i momenti in cui vogliamo un po’ di esotismo.
Meglio il tonno al naturale, ma quello all’olio d’oliva non ci ammazzerà.
Friggere in burro una cipolla tritata fine.
Aggiungere il curry (un cucchiaino da té per 450 grammi di tonno), aggiungere 80 grammi di farina e cuocere per alcuni minuti.
Aggiungere una tazza (300 cl) di latte e scaldare mescolando fino a far rapprendere.
Aggiungere il tonno e scaldare continuando a mescolare.
Servire con riso.

tonno

Tonno alla marocchina
S’era detto esotico, giusto?
Preparare una marinatura con 20 grammi di coriandolo fresco, tre spicchi d’aglio, mezzo cucchiaino di paprica, mezzo cucchiaino di cumino tritato e mezzo cucchiaino di peperoncino in polvere, il succo di mezzo limone, 155 millilitri di olio d’oliva.
Mescolare il tutto nel frullatore fino a ottenere unasalsa omogenea (trucco – prima si mescolano le spezie e il limone, poi si aggiungepoco per volta l’olio).
Marinare il tonno (meglio se in tranci) con la miscela per 20 minuti.
Salare il tonno in padella per 3 o 4 minuti.
Servire con patate novelle.

Crocchette di tonno
Altro piatto indispensabile per eliminare un po’ di avanzi e fossili dalla dispensa.
Oltre al tonno (200 grammi) servono due cipolle verdi tritate fini, 2 cucchiaini da té di mostarda di digione, due uova sbattute, il succo di mezzo limone, sale, pepe, 150 grammi di pangrattato.
Mescolare il tutto, lasciar riposare per quindici minuti, porzionare, friggere in olio ben caldo.
Lasciar raffreddare per qualche minuto prima di servire.

E quanto al mangiarlo direttamente dalla scatola col coltello… provate a metterci un po’ di pepe, una goccia di limone e ad accompagnarlo con dei crackers.
Perché ci sono momenti in cui una punta di malinconico macismo ci sta anche.