strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


2 commenti

(Non) Dieci Libri – sei anni prima

Questo è un post strano. Ho fatto quattro chiacchiere con un’amica, parlando di romanzi gotici. È tristemente noto che quando si parla di romanzo gotico, esistono tre schieramenti, tre squadre, tre tre scuole – come nie film di kung fu…

  • ci sono quelli che stanno con Horace “Otranto” Walpole
  • ci sono i fedelissimi di “Monk” Lewis
  • ci sono quelli che restano fedeli a William “Vathek” Beckford

Io sono notoriamente #TeamVathek, e mi era venuta a questo punto l’idea di fare un post, in questa serie, per parlare del romanzo di Beckford, che ci starebbe benissimo.

Continua a leggere


8 commenti

Arabesco gotico

English: William Thomas Beckford (1 October 17...

English: William Thomas Beckford (1 October 1760 – 2 May 1844), usually known as William Beckford.(Photo credit: Wikipedia)

Strano tipo, quel William Beckford.
Ai tempi si diceva fosse il più ricco uomo del popolo in Inghilterra – nel senso che non era un nobile, ma aveva un sacco di soldi, ereditati dal padre, che era stato sindaco di Londra.
Due volte.
Beckford aveva studiato musica con Mozart, ed era un grande collezionista d’arte. Progettò e fece costruire un colossale, inquietantissimo palazzo gotico nella campagna inglese, e scrisse storie di viaggi e narrativa sovrannaturale.

Poi ci fu quell’incresciosa faccenda, quando lo beccarono che frustava il suo amante William Courtney, colpevole di averlo tradito con un altro uomo.
Non che Beckford fosse questo modello di virtù – dopotutto era sposato, e tradiva la propria moglie con Courtney, e tradiva poi entrambi con la moglie di suo cugino (che però si era a suo tempo dichiarata disponibile ad un menage-a-trois con William e sua moglie, se lui avesse avuto voglia – la signora, insomma, era possibilista).

L’opera letteraria per la quale William Beckford viene ricordato come uno dei capisaldi del Gotico è Vathek – e deve molto agli strani arrangiamenti sessuale dell’autore.
Nel senso che se il Gotico aveva in generale una sua cert’aura di scollacciatura, Vathek spinge l’amplificatore a undici. Continua a leggere