strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


Lascia un commento

Come si cammina

Mi hanno regalato un libro.
Sai che novità, mi direte voi.
Ma non ti farà male passare tutto ‘sto tempo a leggere?
Poi perdi la vista.
Perché non esci a fare due passi…

Ecco, mi hanno regalato un libro sul camminare.
È How to Walk di Thich Nhat Hanh.
Ne avevo parlato qui, e un’amica me ne ha regalata una copia.
Io ho delle amiche così. Continua a leggere


13 commenti

Le regole sono per i deboli

Questo è un post ironico.
Mi pare il caso di dirlo subito, per motivi che diverranno chiari più avanti.

Ieri è successa una cosa curiosa, come strascico del mio post sulle recensioni online.
Il caso ha voluto che, poche ore dopo che il mio post era andato online, su facebook partisse una discussione sullo stesso argomento1.

Nel corso della discussione, un autore ha candidamente ammesso di aver recensito un proprio ebook, dandosi anche una valutazione di cinque stelline.

101_StorieZenOra, alcuni hanno trasecolato alla notizia, ma in prima battuta, la cosa mi ha ricordato quell’aneddoto, credo attribuito a Dogen, e che mi pare si trovi nelle 101 Storie Zen pubblicato da Adelphi.
L’aneddoto fa più o meno così…

Un giorno un tizio entra in una macelleria, e chiede al macellaio quale sia il taglio migliore fra quelli che sono esposti in vendita.
E il macellaio risponde, “Signor mio, nel mio negozio tutti i tagli sono il migliore.”
E sentendo questo, il tizio raggiunge l’illuminazione. Continua a leggere


13 commenti

A cosa si pensa prima di scrivere

Un post estemporaneo, per il pomeriggio.
Un pork chop express.
La cosa nasce da una chiacchierata fatta ieri con alcuni amici, durante l’ora d’aria, qui nel Blocco C.
Si parlava – indovinate un po’ – di scrittura, ed inparticolare di un paio di autori che ci sono particolarmente odiosi.
No, no, nessuno che conoscete.
Ed è venuto fuori qualcosa di interessante – a dimostrazione che anche dalle chiacchiere più vuote ed inutili, qualcosa di buono si può ricavare.

locandinapg1Ma prima, fatemi divagare un attimo.
C’è un film, una vecchia pellicola degli anni ’80, con Tom Selleck e Paulina Porizkova, intitolato Her Alibi – in Italiano, Alibi Seducente.
Si tratta della storia abbastanza sciocca di un giallista in crisi che decide di dare un alibi ad una giovane donna accusata di omicidio, nella speranza di ricavarne un’ispirazione che ravvivi la sua carriera ormai alla canna del gas.
E lei naturalmente è molto attraente.

Ora, al di là dei meriti e dei demeriti del film – che non è esattamente il massimo – ciò che mi interessa è il modo in cui viene rappresentato il processo creativo del protagonista, che siede al PC (usa un venerando Zenith laptop 8086, macchina che all’epoca costava un capitale ed era quanto più d’avanguardia si potesse immaginare) e comincia a riversare prosa orribile nel word processor, sostanzialmente dando un’aura hard boiled e pacchianissima ai propri eventi domestici.
È una scrittura orribile, chiaramente figlia di un autore che non riesce a dimenticare se stesso quando scrive.
Fa ridere.
Fa molto ridere, a tratti.
È scritto per far ridere.
E fa particolarmente ridere se mai avete conosciuto certe persone che lo fanno per davvero.
La vita imita l’arte, e tutto quel genere di cose.

Per cui torniamo al punto interessante della chiacchierata di ieri – ciò a cui pensiamo quando ci mettiamo a scrivere.

No, ok, lo so, pensiamo alla storia, ciascuno nella sua maniera diversa – e non esiste una maniera giusta o sbagliata.
No, non quello.
Prima.
Più a fondo.

È il solito discorso, in realtà, lo abbiamo già fatto.
Se mi siedo al PC pensando “Ora vi faccio vedere io!” (o peggio ancora “Ora ti faccio vedere io, <nome e cognome>!”), i risultati saranno orripilanti.
sarò ridicolo e pacchianissimo, come Tom Selleck in quel film.
Devo esserne consapevole.

Eppure ci sono quegli autori che pare di vederseli, che si siedono alla tastiera pensando

Eccomi, bello come un dio greco, pronto a illuminare le masse decerebrate dei rudi meccanici con la mia arte, la mia prosa meravigliosa, i miei concetti sublimi! Ah, come sono bello! Sono davvero bello bello bello in maniera assurda! <sospiro>

Che poi scrivano racconti, manuali di scritura o pagine di blog, cambia poco – lo sentite anche voi, quella disperata infatuiazione per se stessi si riversa sulla pagina, quel voler essere loro – e  non la storia – al centro dell’attenzione dei lettori.
Fa inacidire ogni riga, ogni paragrafo.

Il fatto è che se si scrive una storia, o un post, o una lista della spesa, ciò che conta è la storia, o il post, o la lista della spesa.
Non devo scrivere pensando all’immagine che i lettori ricaveranno dell’autore.
Non devo scrivere pensando ai numeri – di battute, di pagine, di parole, di lettori, di hit.
Non devo pensare alle mie vendette o alle mie faide personali.
Non devo – e questo dovremmo averlo imparato al liceo – scrivere per far colpo su una ragazza.
Se scrivo, scrivo.
La storia è la storia, non un piedistallo per il mio ego.
Ed è dura, è durissima, perché di solito chi scrive – anche se scrive solo post su un blog o liste della spesa – ha un ego in qualche modo ingombrante.

Ecco, di questo, siamo finiti a parlare, durante l’ora d’aria di ieri nel Blocco C.
Il che, lo ammetterete anche voi, è molto zen.
E siamo giunti alla conclusione che forse la cosa migliore a cui pensare, quando ci si dispone a scrivere, è…

OK, vediamo adesso cosa succede.


11 commenti

Sofferenza & Controllo

Scrittura, scrittura.

zencreativityUn sacco di diverse cose si sono sovrapposte e rimescolate, negli ultimi giorni, riguardo alla scrittura: dal parlarne con alcuni amici online, al fatto che ho riletto alcuni capitoli di The Zen of Creativity, di John Daido Loori (in particolare il capitolo sull’espressione dell’inesprimibile), e poi quel bel filmato che gira, di Stephen Fry che parla del piacere del linguaggio contrapposto all’applicazione pedestre e pedante delle regole, fino ad un breve scambio di idee sul concetto di controllo – e di abbandono del medesimo – di là sul blog della mia amica Clarina.

E in effetti è proprio il controllo, la questione centrale di cui mi piacerebbe discutere.
Controllo e scrittura.
Ma anche, perché anche di questo ho chiacchierato, di sofferenza e scrittura, o meglio ancora sofferenza e creatività.

Ecco, parto da qui. Continua a leggere


16 commenti

Una specie di Zen

È stata una primavera difficile.
Prima i problemi di circolazione, poi una lunga e noiosa influenza, poi le continue trasferte, la fatica.
E le visite, i controlli medici, e tutto il resto.
Il fisico scricchiola ma non è compromesso, ma la fatica si riflette sul morale, e si rimane fiacchi e spompi.
Sarebbe bello farsi delle lunghe passeggiate, ma il clima non è esattamente adatto all’andare a camminare per strade sterrate.

In attesa che il tempo si sistemi e io possa riprendere a fare un po’ di tai chi nel cortile, per il divertimento dei vicini e l’imbarazzo mortale di mio padre, ho rimesso mano alla pratica della meditazione.zen
Ripulisce le sinapsi.
Scaccia la malinconia.
Stimola la creatività.
Riporta sotto controllo la pressione sanguigna.
Mantiene giovani.
Ed è, naturalmente, perfettamente legale.

Ora, ci sono argomenti che si portano dietro un tale carico di ciarpame, che cercare di imbastire un discorso sensato a riguardo diventa, se non impossibile, per lo meno molto molto difficile.

La meditazione è uno di questi – dite “meditazione” e la parola stessa evocherà una parata di stramboidi assortiti, bonzi salmodianti, guru truffaldini, fachiri che praticano forme improbabili di yoga, orridi modaioli superficiali che ascoltano musica-tappezzeria avvolti da volute d’incenso, e cose tipo la chiromanzia, i chakra, il tantra, l’I Ching, il Feng Shui, i fiori di Bach, l’uso dei cristalli per la visione a distanza, il contatto telepatico con i signori dell’Agarthi, Atlantide, musica celtica, gente con più quattrini che buon senso, e una dieta ferrea, fatta di riso bollito e… riso bollito.
E poco altro.

Ah, sì, e donne bellissime sedute nella posizione del loto in luoghi immersi nel verde, o su spiagge esclusivissime, o in altri luoghi improbabili.

meditation-preparation

Certo, come no…

Continua a leggere


21 commenti

Se non fosse una questione di soldi…?

Cominciamo la settimana con una bella lezione di Alan Watts, studioso di religioni comparate, divulgatore, filosofo.

Ribadiamo la domanda.

Se non fosse una questione di soldi, voi cosa fareste?

Per girarla in una maniera diversa, per eliminare i soldi dal centro dell’immagine e darvi la possibilità di ragionare più chiaramente…

Se l’unica cosa che doveste spendere fosse il tempo che vi resta, come vorreste spenderlo?

monkey meditatingE il trucco non è dirmi che fareste qualcosa che sapete nella vita normale non porta soldi, ma dirmi quello che vi piacerebbe davvero.
Magari qui sotto, nei commenti.
Ma anche no, se non avete voglia  – perché come con tutti gli esperimenti zen, l’importante è la risposta che date a voi stessi, non quella che date a me, o ad Alan Watts.

E magari siete fortunati, e lo state già facendo.
Nel qual caso, che diamine, ditecelo nei commenti!
Ma se siete come me, e non è così…

L’importante è che riusciate a darvi una risposta.
Una risposta che non sia mutuata da un film, o dalla pubblicità di uno shampoo.

Cosa vi piacerebbe fare?

Il che, naturalmente, porterebbe alla domanda successiva.

Perché non lo state facendo?

Ma quella la lasciamo per la prossima volta, ok?

Quanto a me…
Mi piacerebbe insegnare.
E viaggiare, per incontrare persone, per vedere posti.
Muovendomi con la dovuta lentezza, sulle strade secondarie.
E poi sì, poter insegnare.

E prima che qualcuno mi dica ma come, non vorresti fare lo scrittore?, mi permetto di rispondere che lo scrittore non ho bisogno di farlo, perché già lo sono.

Quanto al resto, al viaggiare ed all’insegnare, perché non lo sto facendo?
Eh…


4 commenti

Un po’ di zen

Vi capitano mai quelle mattine che siate talmente avviliti dalla situazione generale, che non avete neanche voglia di aggiornare il blog o – se è per questo – di alzarvi dal letto?
Beh, io ho di solito dei libri d’emergenza, per queste situazioni – qualcosa che mi tiri su, e che mi aiuti a scacciare l’umor nero (o per lo meno mi distragga dalla situazione generale, ma non tanto da farmi dimenticare che ci sono cose che devono essere fatte).

In questi giorni, questo effeto alka-seltzer lo ha svolto un esile volumetto che tenevo lì per i momenti di sconforto.

questions-zen-master-practical-spiritual-answers-from-great-taisen-deshimaru-paperback-cover-artQuestions to a Zen Master, di Taisen Deshimaru, è…
Beh, una collezione di domande rivolte ad un maestro zen.
Su cose come la pratica dello zen, gli elementi basilari di questa filosofia, e anche faccenduole come la morte, la vita di tutti i giorni, l’Oriente, l’Occidente…

Ora, li detestate anche voi, quelli che usano certi termini a vanvera?
Chessò, zen, evoluzione, steampunk, olistico…?
O meglio ancora – li detestate anche voi quelli che parlano a vanvera di cose alle quali magari voi avete dedicato tempo e passione, e loro bla bla bla a sproloquiare?
E non intendo esprimendo opinioni informate diverse dalle vostre, ma proprio sparando sciocchezze su cose che non capiscono e non si sono presi la pena di approfondire?

Beh, Questions to a Zen Master (che uscì originariamente in francese, e credo esista anche in italiano) serve ascrostare un sacco di preconcetti dal cervello di chi dovesse essersi convinto di conoscere lo zen, e per chi fosse ancora fermo alla versione “oriente misterioso” di questa filosofia.

Dove è andato Bodhidarma quando è morto?
Non è qui, e non ha importanza.

Una buona lettura, veloce e piacevole,che rimette in funzione il cervello, e scaccia le malinconie.
Ed un utile lavoro in previsione del corso sulla filosofia zen che mi piacerebbe offrire online in primavera.


9 commenti

Talvolta mangi l’orso, talvolta l’orso mangia te.

Uno è un attore famoso, pluripremiato e carismatico.
L’altro è un ex ingegnere aerospaziale che si è dedicato alla filosofia zen.
Si conoscono.
Sono accomunati dalla pratica dello zen, dall’attivismo sociale, dal senso dell’umorismo.
Trascorrono cinque giorni insieme in un ranch in Montana, chiacchierando di cinema, di filosofia, di vita di tutti i giorni, di creatività.
Il risultato è un libro.
Il libro si intitola The Dude and the Zen Master.
L’idea di partenza è quella di usare Il Grande Lebowski, la pellicola dei fratelli Cohen/Koan, per spiegare la filosofia zen al pubblico più vasto possibile.
Ma alla fine ciò che otteniamo è molto di più.
In primo luogo perché Jeff Bridges non è Dude Lebowski.
È un attore, un musicista, è il fondatore e portavoce di una organizzazione che si preoccupa di mettere fine alla denutrizione infantile, è un uomo che ama lavorare con i colleghi e con i registi, è colto, è affabile, è geniale.
E Bernie Glassman, che prima di insegnare lo zen e fondare l’associazione Zen Peacemakers aveva un dottorato in matematica applicata e progettava razzi per le spedizioni umane su Marte, è un insegnante completo, compassionevole, perfettamente in sintonia col suo interlocutore.

Partendo da battute del film, da elementi che Bridges ha messo insieme per costruire il personaggio di Lebowski, da incidenti sul set (a cominciare dall’incontro col maestro di bowling, disarmante nella sua semplicità), vengono introdotti concetti e precetti del buddhismo zen, e poi ne viene discussa l’applicazione e l’applicabilità alla vita quotidiana.

The Dude abides.
The Dud is not in.

Sembra molto semplice, a sentirlo discutere da Bridges e Glassman.

The Dude and the Zen Master lascia ben presto i riferimenti a Dude Lebowski per passare a discutere temi come il dare testimonianza del prossimo, la creazione dello spazio della pratica, l’interazione con gli altri, la creatività ed il superamento della paura, la natura delle aspettative.
Il tutto, in una chiacchierata nella quale Bridges descrive il proprio modo di lavorare, ilproprio rapporto con alcuni registi (Sidney Lumet, i fratelli Cohen, Terry Gilliam, Hal Ashby) e con diversi colleghi (da Robin Williams a Tommy Lee Jones), i suoi inizi, i suoi progetti.

The Dude and the Zen Master è perciò uno strano animale – un libro sullo zen che è anche un libro di cinema, una discussione di diversi temi sociali, una biografia artistica, un discorso sulla creatività e sulla libertà.
È divertente, è semplice, è esattamente ciò di cui avevo bisogno in questi giorni.

[nota: questa recensione è basata su una proff copy del volume finale, che sarà disponibile a gennaio dell’anno prossimo]