strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Benvenuti al capolinea: The Last Hours of Humanity

8 commenti

Thom_Hartmann_by_Ian_SbalcioHo parlato in passato di Thom Hartmann, giornalista, scrittore e divulgatore, a suo termpo psicoterapeuta, imprenditore e una dozzina di altre cose1.
Sulla base della mia esperienza, dopo anni che lo seguo, Hartmann è sempre una sicurezza – che commenti la situazione politica americana, che parli di Thomas Jefferson o di crisi ambientale, di comunicazione politica o della neurologia della depressione, le sue analisi sono lucide e convincenti, ben documentate, di una chiarezza esemplare.

Il suo ultimo libro, che esce in parallelo con un documentario, si intitola The Last Hours of Humanity ed è un ebook di una sessantina di pagine, che si legge in un pomeriggio e che parla di estinzione.
Della nostra estinzione.

51O88JJabqL._SX331_BO1,204,203,200_Hartman, dicevamo, è in gamba.
E per arrivare all’estinzione umana parte dal lontano, dalla Grande Estinzione del Permiano, quando il 95% della vita sul nostro pianeta scomparve in un lasso di 80.000 anni. E 80.000 anni sono niente, nella vita del nostro pianeta.

Il volume fa riferimento a lavori pubblicati dalla fine degli anni ’90 al 2013, e va a recuperare un paio di teorie piuttosto accreditate che non avendo ancora fatto splash su riviste come Focus o in programmi televisivi sul mistero, non sono ancora state banalizzate e sono sconosciute al grande pubblico. Come ad esempio il contributo all’effetto serra dato dal metano dei fondali oceanici, lungo le scarpate continentali, la cui emissione in atmosfera può essere innescata da un aumento di cinque gradi nelle temperature degli oceani.
E cinque gradi non sono nulla.
Ci stiamo arrivando.

Per un riassunto (in inglese), in occasione del lancio del sito del progetto, ecco un video.

Ma torniamo all’ebook…

51iy8zhLsML._SY344_BO1,204,203,200_Hartmann non scrive per fare del terrorismo psicologico – l’idea alla base di tutti i suoi lavori è che un pubblico informato prende le decisioni giuste consapevolmente, non importa se si tratti di decisioni politiche, decisioni economiche, o decisioni personali.
In questo senso, The Last Hours of Humanity è una sorta di pillola informativa, un concentrato di informazioni – tutte documentate e circostanziate – per armare il cittadino ed aiutarlo a fare la sua parte.
Si incastra perfettamente nel più corposo – ma datato – The Last Hours of Ancient Sunlight (del quale avevamo parlato tempo addietro), riprendendone alcuni concetti chiave – come il fatto che i combustibili fossili siano “luce solare fossile”.

Una lettura eccellente, pur nella sua brevità.
E no, non è stato tradotto nella nostra lingua.


  1. Hartmann è uno di quei personaggi che esistono per suscitare complessi di inferiorità nei normali esseri umani. 

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

8 thoughts on “Benvenuti al capolinea: The Last Hours of Humanity

  1. Nei miei personali momenti di pessimismo cosmico non scommetto sulla nostra razza sulla sua sopravvivenza entro i prossimi mille anni… Lo dovrò leggere nei momenti di maggior lucidità!

  2. Ciao, io lo scorso anno, e più o meno di questo periodo, mi ritrovai a leggere La sesta estinzione di Elizabeth Kolbert. Un libro che, pur non disponendo io di una preparazione in biologia, biochimica e geologia, mi fece riflettere molto

  3. Ciao Davide, banalmente inizio dicendoti che ti seguo da parecchio, ma non mi sono mai preso la briga di commentare qualcosa, quindi vorrei cominciare ora: ho appena preso su amazon l’ebook che hai consigliato e lo leggerò di qui a poco. Ti ringrazio molto per questo tipo di articoli che pubblichi perché, insieme a quelli sullo spazio e di divulgazione in generale, sono i miei preferiti.
    Detto questo, personalmente non considero un estinzione imminente plausibile per ora, ma questa è solo la mia idea. Tu cosa ne pensi?

    • Grazie e buona lettura, tanto per cominciare🙂

      Riguardo all’estinzione, il vero problema è il concetto di “imminente” – che è strettamente legato al concetto di “improvviso”.
      Una “improvvisa estinzione di massa” come quella che fece fuori i dinosauri può impiegare alcune decine di migliaia di anni a svolgersi completamente.
      Per ciò che riguarda il genere umano, i rischi esistono – le grandi migrazioni alle quali stiamo assistendo sono (anche) il prodotto di uno shift climatico che rende inabitabili alcune regioni (l’Africa subsahariana, ad esempio) . Si tratta di umno dei sintomi di una delle tante possibili cause che, combinate, potrebbero farci fuori… poi, certo, l’Homo sapiens potrebbe impiegare trentamila anni a scomparire, ma sarebbero trentamila anni schifosi, con pochi sopravvissuti che si arrabattano peggio che nel neolitico.
      Disicuro, io credo si stia facendo pochissimo per scongiurare non l’estinzione del genere Homo, ma piuttosto della civiltà occidentale (o se preferisci, tecnologica).

  4. Io invece, che come Dr.Lazzarus ti seguo da tempo, vorrei ringraziarti proprio per la segnalazione del libro di Hartmann del 2004, e che sarà prontamente integrato con quest ultima tua segnalazione. E devo dire che, nella mia seppur limitata esperienza, è il libro più scorrevole di saggistica che abbia letto, indipendentemente dalla lingua.
    Poi sul concetto di estinzione, e del nostro punto di vista limitato sull’argomento, ci sarebbe tanto da discutere e da ascoltare.

    ma penso che adagiarsi sul pessimismo prevalente nei riguardi del futuro sia troppo facile. Dopotutto il bagaglio scientifico raggiunto dall’umanità è troppo vasto e farà la sua parte per migliorare un po’ le prospettive future.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...