strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


Lascia un commento

Corso di Taoismo – programma e dettagli

Come preannunciato, sto rivedendo e riorganizzando il mio corso sul Taoismo.
Qui di seguito un po’ di informazioni per chi fosse interessato, inclusi i dettagli tecnici, i tempi e i costi.

Allo stato attuale il mio corso di base sulla filosofia taoista è composto da
. Lezioni testuali per circa 25.000 parole
. Circa sei ore di filmati
. Una sessantina di link ad articoli di approfondimento per i più curiosi.
. Una dozzina di ebook

dao

Le precedenti versioni online del corso utilizzavano un servizio di booking per l’iscrizione, un blog WordPress per le lezioni e un forum per le discussioni.
Da questo giro, utilizzeremo Google Classroom per le lezioni e gli scambi di opinioni, e Google Hangout per le discussioni dal vivo – questo dovrebbe rendere l’intera faccenda più facile da gestire e molto più produttiva.
Per l’iscrizione stiamo cercando un nuovo servizio.

Sarebbe mia intenzione avviare il corso la prima settimana di dicembre, in modo da poter tenere tre lezioni prima di Natale e tre dopo l’Epifania.
Ma nel caso discutiamone – il calendario è relativamente flessibile.

Veniamo ai contenuti: Continua a leggere

Annunci


19 commenti

Podcast – hardware, software, calze da donna…

Avevo detto che avrei fatto un paio di post sul lato tecnico del fare dei podcast, ed eccoci qui. Probabilmente non ve ne importa nulla, ma chissà.

Cominciamo con le basi – dicesi podcast

an episodic series of digital audio or video files which a user can download and listen to. It is often available for subscription, so that new episodes are automatically downloaded via web syndication to the user’s own local computer, mobile application, or portable media player.

In altre parole, è un file audio (di solito) agganciato a un feed RSS (come quello che usate per seguire un blog). Chi si abbona al feed, riceve i nuovi file mano a mano che escono.

51slk563LjL._SX258_BO1,204,203,200_Stando all’indispensabile Podcasting for Dummies, di Tee Morris, ciò che serve per creare un podcast si riassume in

. Un microfono
. Un software di registrazione
. Una scheda sonora

Il problema, però, vedete, è che il libro di Morris è del 2006. I primi podcast videro la luce nel 2004, e all’epoca il libro era decisamente all’avanguardia – ma oggi pare di leggere un incunabolo medievale1.

Oggi come oggi gli articoli su come avviare un podcast aggiungono alla lista di Morris anche un paio di cuffie, una unità di preamplificazione con connessione USB alla scheda audio del PC, e possibilmente un software di produzione sonora come Adobe Audition.
Veniamo a questo punto al mio equipaggiamento. Continua a leggere


7 commenti

I Draghi conquistano l’America – o forse no

Questo è un pezzo del piano bar del fantastico.
Mi è stata chiesta una opinione sul Kickstarter di Dragons Conquer America, del quale non sapevo assolutamente nulla.
Poi, la giornata ha preso una piega anomala, alcuni impegni si sono spostati, e così ho dedicato un po’ di tempo ad approfondire la questione.
E ne sono uscito… diciamo più saggio.
Almeno spero.

Vediamo di fare il punto.
Dragons Conquer America (d’ora in avanti, DCA) è un gioco di ruolo prodotto da Burning Games, frutto del lavoro di autori spagnoli e messicani. Nel gioco si ri-immagina la Conquista spagnola delle Americhe, con l’aggiunta di draghi e magia.
Conquistadores e guerrieri Aztechi si scontrano per il dominio del continente, e ciascuna fazione è spalleggiata da draghi, stregoni eccetera.

Il gioco, che si presenta benissimo da un punto di vista grafico, cerca di dare un colpo al cerchio e uno alla botte – è “storicamente accurato” ma si svolge in una realtà alternativa.
OK, può starci. Non andiamo tropo per il sottile.

Perché è fallito il Kickstarter di DCA?
Perché il progetto è stato cancellato in corsa e rispedito al mittente?
Continua a leggere


21 commenti

Giocare via web – appunti sparsi

Ecco qui un post del piano bar del fantastico: qualche giorno addietro mi è stato chiesto nei commenti qualche lume riguardo al giocare di ruolo online.
Non sono un espertissimo – ci sono molte persone che giocano online da più temo di me e con strumenti più raffinati.
Questi sono solo un po’ di appunti sfusi su come facciamo noi quando giochiamo attraverso la rete.

roll20-iconE tanto per cominciare, segnalo che esistono due eccellenti software per giocare in rete, che sono Fantasy Grounds e Roll20.
La differenza sostanziale è che il primo è un software che acquistate e installate sui PC dei giocatori, mentre il secondo è una suite di utilità online.
Il principale motivo per il quale non li ho mai utilizzati è che, ai tempi della vecchia connessione a carbone, non avevo banda sufficiente per riuscire a farli girare1.
Abbastanza banale, come motivo.

Quindi, che si fa? Continua a leggere


12 commenti

Produzioni seriali: AMARNA

Da qualche settimana, di là sul mio blog in inglese, sto parlando del mio prossimo progetto, un serial1 intitolato AMARNA, ambientato in Egitto negli anni ’30.
Si tratta quasi certamente del progetto più ambizioso che io abbia affrontato da che ho cominciato a scrivere, e ho grandi aspettative a riguardo.
Uscirà in inglese, ma non escludo una opzione per l’italiano. Ragion per cui, quando ho creato il press kit per il progetto, ne ho fatta anche una versione nella nostra lingua.

Old-Book-Cover-Texture

Il press kit è scaricabile gratis.
Contiene un po’ di bla bla introduttivo, un’idea della trama, schede dei personaggi, la descrizione di come sarà gestito l’intero progetto. Spiega anche, io credo, perché è la cosa più ambiziosa che io abbia mai messo in cantiere.
C’è anche la possibilità di acquistare scontato il primo episodio.

POTETE SCARICARLO DA QUI

 

 


  1. e non una serie, son due cose diverse 


Lascia un commento

Sta per uscire C is for Cabbage

Sono particolarmente orgoglioso di poter annunciare l’imminente uscita (la settimana che viene, più o meno, mi dicono) di C is for Cabbage, una raccolta di narrativa fantasy e horror per lettori più o meno giovani.

23472044_10209996251494106_1593335891505498862_n

Si tratta di un progetto speciale, che devolverà la totalità delle royalties a Aoibheann’s Pink Tie, una fondazione per aiutare i bambini ammalati di cancro terminale. Continua a leggere