strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


2 commenti

Fotografia

OK, questo è un post del piano bar… anche se non necessariamente del piano bar del fantastico: mi sono state chieste informazioni sulle risorse che utilizzo per il mio hobby/valvola di scarico della fotografia.
Ciò che segue è una lista abbastanza eterogenea di equipaggiamento minimo, libri, siti web e quant’altro. Non so se possa davvero essere utile a qualcuno, ma chissà – considerando che anni addietro feci un post sui rasoi da barba che resta il mio post più letto di sempre, magari un post sulla fotografia mi porterà nell’empireo della blogsfera nazionale.

Oh, e vale naturalmente il solito caveat: ciò che funziona per me potrebbe non funzionare per voi, nel qual caso non mettiamoci a fare la guerra, limitiamoci a scambiarci dei consigli nei commenti. Grazie!

E ora, comunque vada, eccoci qua. Continua a leggere


8 commenti

Una candela (spenta) nelle tenebre

OK, ragazzi, io ci ho provato.
Davvero.
Sono andato su Amazon, sono stato su IBS.
Il libro che stavo cercando non c’era.

Selezione_008

Perché vedete, c’è una domanda, che gira nella testa di molti di noi, in questi giorni, ed è riassumibile più o meno così:

da dove escono tutti questi idioti ignoranti, creduli, arroganti e ottusi?

E la risposta, naturalmente… Continua a leggere


9 commenti

Hobby & Professionismo

Mi è capitato un paio di volte, forse tre, di sentirmi chiedere come si fa a sapere se uno che scrive è uno scrittore professionista.

La risposta standard, la mia risposta abituale, specie se mi pare di cogliere un tono di superiorità, di ostilità o di ironia nella voce del mio interlocutore (mi è capitato un paio di volte, forse tre), è

se qualcuno è disposto a pagare per leggere il tuo lavoro, allora puoi sperare di essere un professionista

E poi viene il caveat sul fatto che essere professionisti non significa essere professionali, e delle due è meglio essere professionali che professionisti.

The-Professionals-Car-Feature-Final

Secondo Dean Wesley Smith, essere professionali è indispensabile per essere dei buoni professionisti, ed essere professionali significa avere un’etica del lavoro – e di Dean Wesley Smith io mi fido.
Ma da qui in avanti, naturalmente, come cantava Bozz Scaggs, siamo tutti soli. Continua a leggere


10 commenti

BookShots & Singles

Ci sono cose che capitano, e si incastrano perfettamente.
Il mio post su Seveneves di Neal Stephenson ha suscitato una breve discussione su Facebook riguardo alla lunghezza dei libri, ed all’attention span dei lettori.
Molti, soprattutto i vecchi comeil sottoscritto, affermano di far fatica ad affrontare romanzi che superano le 300/400 pagine.
Il che è curioso.

C’è chi accusa il supporto digitale di averci disabituati alla lettura di testi lunghi, ma non essendo un neuropsichiatra corpontamentale non ho titoli per esprimermi a riguardo.
Di sicuro, d’altra parte, sono in una posizione più o meno privilegiata per osservare un interessante fenomeno, legato all’editoria elettronica – il ritorno delle novelle e dei romanzi brevi. Continua a leggere


17 commenti

7 Eve

Seveneves_Book_CoverA pagina uno, esplode la Luna.
A pagina 20, all’umanità restano forse un paio d’anni, poi l’estinzione, in una pioggia di fuoco che annichilirà l’intera biosfera.
Poi da lì le cose si complicano.

Seveneves di Neal Stephenson non ha vinto il premio Hugo, ma ci è andato vicino.
Seveneves è un romanzo che si apre come un baraccone catastrofico degno del cinema anni ’50, e che riesce in sole 880 pagine a tracciare una serie di eventi che portano l’umanità dal quasi-presente ad un futuro lontano 5000 anni.

L’umanità reagisce all’imminente, inevitabile catastrofe con un guizzo di orgoglio che porta un pugno di scienziati, astronauti e ingegneri in orbita, a trasformare la ISS in una arca che possa salvare quante più persone possibile.
Poi, come si diceva, da lì in avanti le cose si complicano. Continua a leggere


19 commenti

HPL & JV

Howard_Phillips_LovecraftOggi è il 126° anniversario della nascita di Howard Phillips Lovecraft, un uomo che ha fatto tantissimo per giustificare le opinioni da nichilista della domenica di un sacco di tizi che lo hanno letto poco e male – ammesso che lo abbiano letto – ma che tuttavia lo citano a nastro per sentirsi fighi e blasé.

Normalmente non si ricordano – o non sono informati – di cose come questa…

“Per me il piacere è la meraviglia–l’inesplorato, l’inaspettato, ciò che è nascosto e ciò che è immutabile e si nasconde sotto alla superficiale mutevolezza.”
― H.P. Lovecraft

H.P. Lovecraft ha anche scritto delle buone storie – e delle storie meno buone.
Molto meno buone.
Succede. Continua a leggere


2 commenti

Quindici anni di guerra civile

“La mia mano ha il potere di uccidere in cielo e in terra: decapitare i malvagi, risparmiare i giusti e lenire il dolore del popolo.”

114939Io naturalmente la storia l’ho sentita, per la prima volta, da Harry Flashman.
La storia, intendo, di come un tizio al quale aveva dato di volta il cervello in seguito allo sforzo per sostenere degli esami pubblici, scatenò una rivolta che durò quindici anni e affogò la Cina in un bagno di sangue.

Flashman and the Dragon, del compianto George MacDonald Fraser si svolge nel 1864, nelle ultime ore della Rivolta, e le più sanguinose.
L’idea di una dittatura teocratica di base cristiana, nella quale il Fratello Minore di Gesù Cristo aveva armato i propri seguaci contro la dinastia imperiale, aveva tutte le caratteristiche tipiche di una storia di Flash Harry.
Violenta, ridicola, poco plausibile, dannatamente pericolosa.
E assolutamente vera.
Perché quella è la parte divertente – la storia batte sempre l’immaginazione. Continua a leggere


10 commenti

Harley

Allora, sono certamente io che sono strano.
Questo è probabilmente un dato di fatto.
Avevo detto che avrei fatto un post su Harley Quinn, e ora eccolo qui…

Il punto è che c’è un sacco di traffico e un sacco di rumore, in rete, per Suicide Squad, e in particolare per il personaggio di Harley Quinn, interpretato dalla bravissima Margot Robbie.

will-poison-ivy-harley-quinn-be-romantically-involved-in-margot-robbie-s-new-movie-mar-982386

E, ecco, a me lascia un po’ così, questa cosa di Harley Quinn alla quale si inneggia come female badass. Continua a leggere

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 2.266 follower