strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Aperte le iscrizioni al corso di self-publishing

3 commenti

stratevol self button

Annunci


4 commenti

AMARNA, la Figlia dei Faraoni e Cthulhu in salsa pulp

the-future-of-HRQuelli in gamba, di tanto in tanto, sul loro blog, fanno un post in cui illustrano i progetti futuri e le prossime uscite. Questi post funzionano perché servono a mettere sull’avviso i fan, e perchè ci obbligano a portare a termine i progetti che abbiamo promesso di mettere in cantiere.
È un po’ un modo per obbligare noi stessi a scrivere, e a mantenere le tabelle di marcia.
Ora, a mio parere premiarmi con un pezzetto di cioccolato funziona altrettanto bene,  se non meglio, ma al momento ho finito il cioccolato, quindi credo vi racconterò cosa ho in preparazione e come si svilupperà.
Visto mai che interessi a qualcuno. Continua a leggere


Lascia un commento

Il Tao online è partito (con qualche problema)

Una nota velocissima per ringraziare pubblicamente i partecipanti alla prima lezione online del Corso di Cultura Taoista che si è tenuta ieri sera.
Considerando che avevamo uno studente col microfono ma senza videocamera ed uno con la videocamera ma senza microfono, è stato comunque un successo.

main-qimg-b05b4252da2b8375d0ce29ae66bd9362-c

I problemi tecnici non ci spaventano.
Grazie ancora, ragazzi, e alla prossima.


9 commenti >

E mentre Echo langue in attesa che l’editor torni dalla settimana bianca, La Storia Fatta coi Cialtroni prende forma.
Più di trentamila parole che nella loro forma più grezza e aggressiva arriveranno in capo a 36 ore nelle caselle postali di tutti coloro che hanno supportato Santi & Fattucchiere l’estate scorsa.

Abbiate fede.
La cialtronaggine si avvicina.


Lascia un commento

Il Thriller della Settimana

Basic RGBNegli ultimi mesi sono stato al lavoro su un nuovo progetto del mio editore americano, Pro Se Productions – un progetto che va sotto il nome collettivo di Pro Se Thriller of the Week, ed è stato presentato come the future of digital storytelling.
Mica male.

L’idea è semplice – riprendere la struttura di certi programmi televisivi degli anni ‘70, dei contenitori che presentavano settimana dopo settimana delle serie con personaggi ricorrenti, alternandole. Questa settimana Colombo, la settimana prossima Kolchak, quella dopo ancora Attenti a quei due
I Pro Se Thriller of the Week funzionano alla stessa maniera – quattro serie, di sei episodi ciascuna, presentate una alla settimana per sei mesi.
Ciascun episodio scritto da un autore diverso, muovendosi all’interno dello stesso universo narrativo. Continua a leggere


4 commenti

O lo idolatri o lo detesti: the Red Shoes

E poi naturalmente c’è Scarpette Rosse.
Ti sei guardato A Matter of Life and Death e Black Narcissus, per cui The Red Shoes ti tocca.
E Scarpette Rosse sono due ore e un quarto.
Powell & Pressburger, 1948. Un film all’anno, ricordate?

movie_the-red-shoes-1948

Ora, l’universo si divide in due grandi categorie – quelli che The Red Shoes lo adorano (come Brian de Palma e Martin Scorsese, o Kate Bush), e quelli che lo odiano (come ad esempio Arthur Rank, che lo aveva finanziato e che lasciò la sala dopo quindici minuti alla prima). Sì, è vero, ci sono anche quelli che non lo hanno mai visto, ma di certe persone noi preferiamo non parlare. O ci facciamo sopra dei musical…

Oh, yeah, let’s get one thing straight. See, I never heard about “The Red Shoes,” I never saw “The Red Shoes,” I didn’t give a fuck about “The Red Shoes.”
(Dante & Kirkwood, A Chorus Line)

Con buona pace di Val in A Chorus Line, il film viene considerato da molti il capolavoro definitivo di Powell & Pressburger, e pare che anche la leggenda metropolitana riguardo al fatto che una visione in giovane età avviò centinaia di ragazzine alle scuole di danza forse non è poi così una leggenda. Continua a leggere


13 commenti

Patreon: il New Deal

unnamedCome cantavano gli Styx, Nothing Ever Goes as Planned – ho lanciato la mia pagina Patreon il 1 ° dicembre 2017, e circa una settimana dopo Patreon ha annunciato che stanno cambiando il sistema di pagamento.
Quello che segue è il testo “ufficiale” suggerito che dovrei postare per i miei follower, per spiegarti cosa succederà:

In passato, coprivo io la commissione del 5% di Patreon e tutte le spese di elaborazione per tutti i miei supporter. Ciò significava che ogni mese vedevo dal 7 al 15% dei miei guadagni sparire per coprire le spese di elaborazione.
A partire dal 18 dicembre, Patreon applicherà una nuova commissione di servizio del 2,9% + $ 0,35 a ciascuna delle vostre singole donazioni. Questa tariffa di servizio aiuta a mantenere in funzione Patreon e standardizza le mie spese di elaborazione al 5%.
Ciò garantisce che i creatori come me mantengano più guadagni per continuare a creare contenuti di alta qualità. Spero che voi tutti comprendiate  capisca e continuiate a sostenermi su Patreon. Potete leggere di più sul costo del servizio qui.

Spero che voi tutti comprendiate … mio Dio! Continua a leggere


1 Commento

La lunga notte dei panettoni

Homemade Panettone Fruit CakeDevo ringraziare, per l’ispirazione di questo post, i miei amici Maner Samuel e Angelo Benuzzi, coi quali ho chiacchierato, in momenti diversi, di amici che a Natale ti portano il panettone. Ora sapete chi sono i colpevoli.
Senza stare a girare troppo attorno alla faccenda: Natale. Luminarie, canzoncine caramellose, Last Christmas, magari la neve, e su tutto, in ogni supermercato e negozio di alimentari, i panettoni.
Natale, panettone. È un dato assodato.
E sì, poi ci sono quelli che preferiscono senza canditi, o senza l’uvetta, alto alla milanese o basso alla piemontese, mandorlato, farcito, ricoperto al cioccolato…
Ma noi lo sappiamo che, comunque lo si rigiri, in queste settimane il panettone è lì ad attenderci. Vediamo di conoscerlo meglio, cominciando con le basi. Continua a leggere