strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


1 Commento

Paura & Delirio #21: Train to Busan (2016)

Forse non sarà, come sostiene Edgar Wright, “il miglior film di zombie mai prodotto”, ma di sicuro Train to Busan, del 2016, ha iniettato nuova vita – si fa per dire – nei morti viventi, costruendo una storia che allinea tutti gli elementi tipici dello zombie-movie, ma sovvertendoli uno ad uno senza pietà.

In questa puntata di Paura & Delirio perleremo perciò di treni e di zombie, di genitori e figli, di famiglie, di manipolazione e rispetto del pubblico, di satira, di cosa renda diverso l’orrore coreano da quello giapponese, e di una decina di altre cose. Tra cui Brad Pitt.
Il tutto, facendo una valanga di S P O I L E R, ma senza spiegarvi il finale.
Perché noi valiamo, e voi anche.

Buon divertimento.


12 commenti

La storia di Michele

Questo è un post estemporaneo, frutto di alcune chiacchierate fatte negli ultimi giorni. Questa è la storia di Michele, che naturalmente non esiste, anche se tutti noi abbiamo conosciuto, da qualche parte, qualcuno proprio come lui.

Michele ha una cinquantina d’anni ben portati, una laurea triennale e una buona attività in proprio in un settore che non conosce crisi – anche se si lamenta spesso delle tasse, Michele non ha grossi problemi di denaro. È single, ha una bella casa e un’auto sportiva. Frequenta “i giri giusti”, e coloro che lo conoscono lo considerano una brava persona, un “gran lavoratore”, una persona di carattere, uno che “ce l’ha fatta”. Michele è una persona che al gioco della vita vince spesso, e vince forte.

Ma Michele ha un problema.

Continua a leggere


26 commenti

Novanta giorni

In questo momento, mentre sto scrivendo questo post, il cliente (che non verrà nominato) del mio ultimo lavoro come ghost-writer sta spedendo il manoscritto all’editore (che non verrà nominato) col quale ha intenzione di pubblicare.

Dalle linee guida pubblicate sul sito dell’editore si legge, scritta bella in grande, una clausola che fa più o meno così…

mandateci il vostro lavoro – se ci dovesse interessare vi risponderemo entro 90 giorni; se non ci sentite dopo 90 giorni, significa che non ci interessa

Il che, io credo, dice qualcosa di molto interessante su una certa parte della nostra piccola editoria.
Ma prima, una storia, che mi raccontò un amico molti anni or sono…

Continua a leggere


8 commenti

Opzioni e consigli

Conosco un tale, che non ha mai scritto neanche un racconto, e che per alcune banconote da cento euro vi insegnerà a diventare bravi scrittori.
Ci sono corsi di scrittura ovunque – a suo tempo ne tenni anch’io alcuni, molto specifici, e sulle cose che io ipoteticamente sapevo fare meglio. Costavano svariate banconote da cinque euro.
Uno dei miei potenziali studenti mi disse “perché dovrei seguire un tuo corso, quando per 2 euro e 99 la casa editrice Taldeitali mi vende i manuali di scrittura scritti da veri grandi autori di successo?”
Non fa una piega.

E da molti anni (quasi dieci, che ci crediate e meno), circola questa faccenda che io sono quello che “non crede alle Regole” – ci fu addirittura chi ritenne opportuno recensire i miei libri senza leggerli: “so che è uno che non segue le Regole della Scrittura, quindi non ho bisogno di leggerlo per sapere che il suo libro è pessimo.”
Anche questo non fa una piega.

La cosa è curiosa, perché in effetti io colleziono manuali di scrittura – ne ho un centinaio, perla maggior parte in inglese, di questi tempi soprattutto in formato digitale.

Continua a leggere


2 commenti

Paura & Delirio #20: Outrage (1950)

Outrage, che in italiano si intitola La Vittima della Belva, uscì in America nel Settembre del 1950. Il settantennale è una buona occasione, per noi di Paura & Delirio, di passare un paio d’ore a parlare di una leggenda di Hollywood: Ida Lupino, che fu attrice (in cinema, TV e radio), sceneggiatrice, regista, produttrice indipendente, che scrisse racconti poesie e canzoni, e fu anche una brava fotografa e cantante jazz.

Oggi non se la ricorda più nessuno, ma fu Ida Lupino fu una pioniera non solo del cinema indipendente, ma anche della TV – e per questo motivo ha DUE stelle sull’Hollywood Boulevard … una per il cinema e una per la TV.
Ida Lupino fu l’unica donna a dirigere un episodio di The Twilight Zone, e l’unica artista a comparire in The Twilight Zone sia come attrice che come regista.

Outrage è anche un’ottima occasione per andare a cercare le radici nobili di quel sottogenere dell’orrore non proprio nobilissimo noto come rape & revenge, per discutere del meraviglioso senso dell’umorismo degli italiani, di film noir, di pregiudizi e psicosi, di oscuri aneddoti della storia hollywoodiana, di depressione e di mascolinità tossica, e di come un film vecchio di settant’anni – pur coi suoi limiti ed i suoi difetti – possa ancora essere rilevante nel 2020.

Ovviamente facendo un sacco di S P O I L E R.

Speriamo che anche questo episodio vi possa interessare.
Buon ascolto.


Lascia un commento

Paura & Delirio, speciale Oscar 2025

Mi è capitato di leggere un post su un blog, la notte passata, in cui il fatto che l’Academy abbia deciso di subordinare l’assegnazione del premio Oscar per il Miglior Film all’osservanza, da parte della produzione, di un nuovo set di standard, veniva presentato come la dimostrazione del serpeggiante fascismo che ci minaccia.
Pensate un po’, per poter concorrere al Miglior Film, dal 2025, dovrete fare in modo che la vostra produzione sia più inclusiva e meno discriminatoria.
Se non è ditattura questa…

Naturalmente in certe occasioni c’è sempre il troglodita che ritiene opportuno commentare che

prendi qualunque film o serie TV dal 2000 in poi, e ci hanno dovuto mettere l’attore di colore, e poi l’asiatico…

Ed il vulcaniano.
I razzisti il vulcaniano se lo dimenticano sempre…

Continua a leggere


12 commenti

Tredici

L’amico WordPress, che su queste cose è di una precisione svizzera, mi informa che questo blog ha appena compito tredici anni – ho infatti attivato l’account e spostato i miei vecchi post su questa piataforma nel 2007.

Come mi disse un amico all’epoca,

vedo che anche tu sei cascato nella trappola narcisistica di raccontare i fatti tuoi in pubblico

Perché è bello essere apprezzati.

Continua a leggere


Lascia un commento

Paura & Delirio # 19: Il Patto dei Lupi (2001)

Il film del quale abbiamo chiacchierato questa settimana per Paura & Delirio è basato su una storia vera – quella di un misterioso animale che a metà del settecento uccise e massacrò un centinaio di persone nella Francia meridionale.

Per parlare de Il Patto dei Lupi, di Christophe Gans, ci siamo rivisti il director’s cut, che aggiunge circa un quarto d’ora alla pellicola che è arrivata nei nostri cinema nel 2001.
E così abbiamo divagato e S P O I L E R A T O a morte su criptidi e libertinaggio, rivoluzioni e falsificazioni storiche, arti marziali e storia Francese, veleni, ventagli, Monica Bellucci e Miss Piggy.
Fra le altre cose.

Naturalmente l’episodio è disponibile anche su Spotify e su piattaforme in streaming assortite.
Buon ascolto!