strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Un passo indietro in Giappone

5 commenti

Tramite TechDirt veniamo a sapere che non è tutto oro quel che riluce nel Paese del Sol Levante.
La nazione più tecnologicamente avanzata del pianeta, sede dimolti interessanti esperimenti sulla deregulation dell’accesso all’informazione ed alla comunicazione, si appresta infatti a dare un bel giro di vite alle libertà civili su Internet.
E non solo
Il tutto, grazie ad un semplice giochino testuale nella revisione della Legge sulle Telecomunicazioni…

The law was intended to regulate broadcast content, but by adding in the phrase “open communication” it will now also include just about any public information put on the web, including newsgroups, bulletin boards and blogs. Once that’s in place, the Japanese government will then be able to go after any content it finds “harmful,” which seems rather loosely defined itself.

Insomma, una legge che permette al governo nipponico di censurare o “correggere” (questa suona un po’ orwelliana) contenuti on-line con un minimo di motivazione formale, e perseguire legalmente chiunque diffonda tali contenuti.

Ma non è tutto…

The second change would push mobile phone operators to put in place various filters to block “harmful” content from minors — though, again that definition of harmful is loosely described.

Già – i fornitori di servizi telefonici potrebbero essere spinti per legge a inserire filtri sulle linee che blocchino contenuti dannosi per i minori.
Ma ciò che non funziona, come sempre, è che la definizione di “dannoso” rimane aperta.

Saranno cavoli amari naturalmente anche per il file sharing (di qualsivoglia natura) e per ilconcetto di open source/open content.

Un dettagliato rapporto sulla situazione attuale e sui suoi possibili sviluppi è fornito dal blog Gyaku.
Fortunatamente in Inglese.

Per combattere l’irrigidimento del sistema, si è intanto formato in Giappone un movimento spontaneo (ma molto ben organizzato) – il MIAU.
Il loro sito è tutto in Giapponese ma anche solo per il logo vale la pena di visitarlo.

Intanto i laburisti Australiani stanno preparando qualcosa di molto simile nella Terra Giù di Sotto, e che – secondo alcune fonti attendibili – potrebbe segnare la fine della collaborazione scientifica fra accademici australiani e resto del mondo.

Non male, eh?
Siamo nel 2008 da nemmeno una settimana, e già c’è gente che spinge per rimandarci nel 1700…

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

5 thoughts on “Un passo indietro in Giappone

  1. Non tutto e’ oro quel che luccica, neppure in Giappone. Comunque pare una tendenza di molti paesi (chissa’ perche’ alle classi politiche ed economiche di ogni latitudine internet sta sulla pancia…!).
    D’altra parte, non e’ da adesso che la censura nipponica e’ particolarmente pensante. Basta pensare che un programma come Striscia la notizia sarebbe impossibile da trasmettere alla televisione (ricordo anni fa come in un corso di italiano in una scuola di lingua di Tokyo gli allievi guardassero ammirati le mvideocassette del programma stupiti che in Italia fosse possibile realizzare un programma del genere). Diciamocelo sinceramente, la democrazia nei paesi asiatici e’ sempre stata molto di forma…
    Comunque forza MIAU!

  2. inoltre per noi stranieri che abitiamo in terra nipponica adesso ogni volta che rientreremo in arcipelago ci tocchera` dare impronte digitali e fare la foto: giapponesi da una parte e stranieri dall`altra, che non siano mai entrati in Giappone, che ci abitino da decenni o che abbiano il permesso permanente di residenza, tutti in un unico fascio…..ed unica fila…

  3. Curioso, eh?
    Da una parte si fa di tutto (letteralmente, di tutto) per favorire la libera circolazione dei prodotti commerciali, dall’altra sembra si faccia di tutto per limitare la circolazione delle persone e delle idee.
    Altro che mondo senza frontiere!

  4. io direi piuttosto Giochi Senza Frontiere…

  5. Uh, anche i residenti da lungo tempo in Giappone sposati e con figli devono essere “schedati” quando rientrano? Molto fastidioso…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.