strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Focaccia e Berlucchi

13 commenti

https://i0.wp.com/www.batisti.net/blog/images/berlucchi.jpegOggi – per la prima volta nella mia vita, che io ricordi – ho investito una parte dei miei sudati risparmi per acquistare una bottiglia di spumante Berlucchi, con la quale festeggiare questa sera, con un paio di amici, l’ottimo risultato del concorso per il dottorato a Urbino.
Notoriamente io non bevo mai… vino, e quindi la scelta è stata soprattutto una scelta di etichetta, di popolarità del marchio.
Trionfo del marketing.
Memetica al lavoro.
Poi, non ho saputo resistere, mi son comprato un euro dell’eccellente focaccia che si produce in una certa panetteria di Nizza Monferrato.
Ottima.

Ecco, credo che questa contrapposizione descriva abbastanza bene come mi sento all’idea di tre anni solidi di ricerca pagata presso un ateneo prestigioso, al fianco di ricercatori eccellenti.
Sono stato troppo a lungo uno schifoso freelancer per riuscire a trascendere la focaccia, per abbandonarmi allo spumante.
Sono stato troppo a lungo un cybernomade, un indirizzo e-mail, un’apparizione fugace ai congressi, per riuscire adesso ad adattarmi con facilità al new deal.
E credo – spero – che questo mio ipotetico handicap possa in qualche modo mutarsi in un vantaggio, offrendomi la possibilità di portare un atteggiamento mentale diverso all’interno del gruppo di lavoro, una prospettiva diversa.

Ci sarà da lavorare sodo.
E non si tratterà solo (e qui prevengo un ovvio intervento – vero Elvezio?) di contare animali morti microscopici, ma di sviluppare e proporre soluzioni pratiche per rendere più facile la transizione verso un futuro con meno petrolio, e con un certo numero di problemi climatici e ambientali.

Ecco, ci sarà da lavorare sodo, ma mi viene offerta l’opportunità di essere parte della soluzione, non parte del problema.
È più di quanto potrei chiedere, ma è il minimo che potrei accettare.

Ora devo solo cercarmi un microscopio di seconda mano…

Powered by ScribeFire.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

13 thoughts on “Focaccia e Berlucchi

  1. Bevine uno in più per me che, come avrai visto, non mi tiro indietro quando vedo un bicchiere.

    Alla salute, complimenti e in bocca al lupo per il futuro. Lieto che tu sia tornato a postare con una certa frequenza.

  2. Prima di congratularmi, devo notare con dispiacere un lato del tuo carattere che avevo evidentemente sottovalutato.

    Come sarebbe a dire “NON BEVO MAI VINO”???

    Vedi te che gente tocca frequentare…
    Vabbé dai, per stavolta chiudiamo un occhio.

    Congratulazioni e buon lavoro, che tra l’altro Urbino è proprio stupenda.

    Ora però non mollare il blog. Per favore.

  3. complimenti, e che vengano molte altre costose bottiglie di spumante

  4. Complimenti e in bocca al lupo Davide, o per parafrasare il grande Leiber… Per Aspera ad Astra!

  5. Complimenti sentitissimi, ne leggeremo delle belle

  6. Facci sapere come butta, ho 31 trilobiti.

  7. Congratulazioni! E prepariamo pure una bottiglia per quell’altra cosa. Pare che i volumi siano gia’ in quel di Bergamo…

  8. Tanti complimenti davvero! Per quel che ho capito di te, sei una persona che merita proprio una occasione così… e dunque, buon lavoro e in bocca al lupo per tutto, sul serio.

  9. Grazie a tutti.

    Una nota a parte per Iguana Jo… il fatto che tu non abbia colto la citazione mi delude profondamente 😉
    Ma forse è perché non si sentiva l’accento ungherese…

  10. Vivissimi complimenti…
    Dottorato in che cosa di preciso?
    Quanto alle tue abitudini potatorie si deve supporre che tu prediliga il succo di pomodoro come un certo personaggio ben noto…eheh!

  11. Dottorato in geologia – con un tema relativo alla microgenerazione a basso impatto di energia elettrica da sorgenti rinnovabili.
    Come tecnologia, va più forte in Tibet e Perù, ma noi proveremo ad applicarla all’Appennino.

    Ma non temete – continueremo intanto a conteggiare microfossili…

  12. ops… m’era sfuggita la tua delusione.

    Il fatto è che saperti astemio mi ha shockato a tal punto da non riuscire a cogliere quasi null’altro del tuo post, tanto che quasi quasi mi sfuggiva la ragione del festeggiamento! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.