strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Follia alle Montagne

6 commenti

Era destino.
Si sparge la voce che la vecchia squadra sta per riunirsi e giocare Beyond the Mountains of Madness, ed ecco che il mondo dei media si attiva.

Da anni Guillermo del Toro minacciava di girare un film basato sul classico lovecraftiano At The Mountains of Madness.
Ora, saputo che stiamo prendendo appunti e preparando schede dei personaggi, Del Toro ha confermato che girerà il film.
E per non sfigurare nell’ovvio confronto con la nostra avventura, non lo girerà da solo.
Lo girerà con James Cameron.
In 3D (il film, non Cameron).

Cameron dovrebbe limitarsi a produrre, ma considerati i precedenti, è ragionevole aspetatrsi riprese on location in Antartide.

Il progetto, tuttavia, rimane vago:

Since he left The Hobbit, Guillermo del Toro’s next film has been a hot topic of conversation. I’m hearing he will next direct At The Mountains Of Madness, an adaptation of the HP Lovecraft tale that will be shot as a 3D film for Universal Pictures. The big surprise is that Avatar director James Cameron will come aboard as a producer.

Ma la Brigata Belzoni non si lascia intimidire facilmente.

E mentre Del Toro e Cameron si accordano, noi continuiamo a sviluppare la madre di tutte le campagne a Call of Cthulhu.

=-=-=-=-=
Powered by Blogilo

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

6 thoughts on “Follia alle Montagne

  1. Si è deciso, dunque?
    Mah… mi sa tanto di pettegolezzo estivo e nient’altro. Se fosse vero, Del Toro dovrebbe aver superato le beghe coi produttori che, da bravi strateghi del marketing, volevano imporre figure femminili e romance a tutto spiano ai piedi delle montagne… tekeli-li, tekeli-li!

    Buon weekend

    😉

  2. Eh, il famoso elemento femminile e romantico della narrativa lovecraftiana…

    Lo diceva già Carpenter, che i produttori hollywoodiani non sono abbastanza sofisticati per accettare la proposta di un film a budget elevato basato su Lovecraft.

  3. Si spera bene, per il vecchio Eich Pi El e per ragioni affettive.
    Quello è il primo racconto che ho letto di Lovecraft, autore che non conoscevo minimamente e che già dalle prime pagine si mostò pieno di vera magia.

    Sapevo delle intenzioni di Guillermo del Toro di farci un film, e sapevo dei goffi riadattamenti proposti, pare che ora sia la volta buona ma non sono molto ottimista, si spera ma l’impresa pare impossibile: i racconti di Lovecraft non sono semplici horror/fantastici, ma sono racconti che riescono a creare il -sense of wonder-, non terminano una volta finita la lettura ma sembrano quasi sovrapposrsi con la realtà, e non si può raccontare con un film quella storia con i [soliti] mostri che fanno fuori uno dopo l’altro il solito gruppo di sfigati.

    Ma poi perchè preoccuparsi, tanto prima o poi faranno i geni del marketing s’inventeranno i Grandi Antichi al college tra cheerleader atleti e secchioni…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.