strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


2 commenti

Paura & Delirio, episodio 17: Matango (1963)

Il classico di Ishiro Honda, Matango, è l’argomento dell’episodio numero 17 di Paura & Delirio, e forse per via di quel numero infausto è stato necessario registrarlo due volte. Il risultato finale sono due ore di chiacchiere su uno dei miei film preferiti di sempre, ragion per cui subirete la mia voce più del solito.

Diretto dal “padre” di Godzilla, e ispirato a un racconto di WilliamHope Hodgson (ma non solo, come discuteremo nel podcast), Matango (anche noto come Matango il Mostro, come L’Attacco degli Uomini Fungo e come Il Fungo del Terrore) è un film incredibilmente sofisticato e stratificato, che anticipa il body horror degli anni ’70 ed è all’origine di molti temi che ritroviamo nella cinematografia giapponese successiva.

Il podcast contiene, naturalmente, S P O I L E R come se non ci fosse domani, ma speriamo che vi faccia venire la voglia di vedere (o rivedere) questo piccolo cult.


2 commenti

Aspettando Matango

Il prossimo episodio di Paura & Delirio sarà dedicato a Matango, film del 1963 di Ishiro Honda ispirato a una storia di William Hope Hodgson (e non solo – ascoltate il podcast) che venne distribuito in Italia solo nel 1973 col titolo di Matango, il Mostro, e prima di allora era arrivato negli USA come Attack of the Mushroom People – perché i Malvagi Titolisti non erano, evidentemente, un fenomeno esclusicamente italiano.

Matango è certamente uno dei film ai quali sono più legato, e ricordo di aver visto le locandine di Matango, il Mostro fuori dal cinema Agnelli, a Torino, nella tarda estate del 1974 – l’Agnelli era un cinema parrochiale, per quanto d’alto bordo, e Matango era ormai uscito anche dal giro delle seconde visioni.

E proprio delle locandine mi va di chiacchierare in questa sorta di prologo al podcast. Perché la locandina originale la vedete qua sopra.
Ma in Italia le cose erano diverse.

Continua a leggere


4 commenti

Paura & Delirio, episodio 10 – Lo Squalo (1975)

Un perfetto film da spiaggia, per la decima puntata di Paura & Delirio (chi avrebbe mai pensato che saremmo arrivati a 10, eh?) – Lo Squalo, film del 1975 tratto da un romanzo di Peter Benchley, e diretto da un giovane regista molto promettente, per quanto alla sua prima regia cinematografica.

Non dovremmo neanche stare a dirvelo, ma

QUESTO PODCAST CONTIENE SPOILER

E speriamo che voi vi divertiate ad ascoltarlo quanto noi ci siamo divertiti a inciderlo.
Non aspettatevi una spiegazione del finale.


Lascia un commento

Paura & Delirio, episodio 9 – Ghostwatch (1992)

In questo episodio di Paura & Delirio, diamo un’occhiata al leggendario Ghostwatch, un film per la TV trasmesso dalla BBC la notte di Halloween del 1992. Un mockumentary, un esercizio in metatelevisione, una satira della TV-spazzatura che cominciava ad affacciarsi sui nostri schermi, un monito sui pericoli del credere troppo a ciò che mostrava il tubo catodico.

Ma anche un programma che gettò nel panico decine di migliaia di persone, che causò un suicidio e viene tuttora citato nella letteratura medica per aver causato dei casi di Sindrome da Stress Post Traumatico.
Un film così controverso che per dieci anni la BBC finse che non fosse mai esistito, e ancora oggi non ne parla molto volentieri.

E NOI LO SPOILEREREMO SENZA VERGOGNA

Se volete vederlo prima di ascoltare le nostre chiacchiere, potete trovarne una copia nell’Internet Archive – cercate Ghostwatch.


2 commenti

Paura & Delirio, episodio 7: La Sposa di Frankenstein

In occasione del Pride Month, nel nuovo episodio di Paura & Delirio, chiacchieriamo de La Sposa di Frankenstein, diretto da James Whale nel 1935, in barba alla Commissione Hays. Ma troviamo anche il tempo per fare spoiler, divagare, parlare di Sting e Robert De Niro, della Famiglia Addams e di Animal House, passando per Frankenstein Junior e Casa Hammer, Frankenhooker, Frank Zappa e Sherlock Holmes.

Perché noi valiamo

Oltre alla nostra abituale propaganda maoista.

Lo abbiamo già detto ma lo ripetiamo

QUESTO PODCAST CONTIENE SPOILER
(PER UN FILM DEL 1935)

… e se una volta ascoltato dovreste accorgervi che vi è piaciuto, pagateci un caffé ed aiutateci ad arrivare su Spotify!


Lascia un commento

Cineforum: paura negli anni 2000

Come ogni settimana, Lucia Patrizi ha pubblicato la sua selezione, di dieci titoli, uno per anno, per la prima decade del secolo – e come sempre si è accaparrata i titoli migliori, a cominciare da quel piccolo gioello che è Dagon, e poi Shaun of the Dead. Fate un giro su Il Giorno degli Zombi per farvi un’idea.

E io mi trovo in difficoltà, ancora più di quanto lo sia stato per gli anni ’90. Forse è stata la mia adolescenza a base di Hammer e Corman, forse è la vecchiaia che inesorabile incalza, ma gli anni 2000, farciti di zombie, sequel e remake, mi hanno un po’ allontanato dal cinema horror.
Certo, c’è Kate Beckinsale in tutina aderente in Underworld, c’è Milla Jovovich che spunta qua e là in film di genere, c’è Tokyo Gore Police che vince tutto con la sua accoppiata di titolo di classe e poster di insuperata eleganza…

Ma a parte questo, cosa c’è sulla mia B-list?

Continua a leggere


Lascia un commento

Prossimamente su Paura & Delirio

Questo post va online mentre io e la mia complice Lucia Patrizi stiamo registrando l’episodio di oggi, nel quale discuteremo di DUE film (contateli, due!), uno uscito nel 1960 ed uno uscito nel 2001, ed entrambi intitolati 13 (o Thirteen) Ghosts.
Gli allibratori sostengono che questa potrebbe essere la volta che finiamo col litigare.

Ma nel frattempo il podcast sta crescendo. Ora abbiamo una Pagina Facebook, che potreste aver voglia di seguire, magari mettendoci un like. La useremo per condividere i podcast quando escono, ma anche – grazie ai preziosi consigli dei nostri ascoltatori – per annunciare con una settimana di anticipo di quale film ci occuperemo nel prossimo episodio.
In questo modo, chi è interessato potrà guardarsi il film prima di sentirci chiacchierare.

E già che ci siamo, perché non fare un anticipo, qui di seguito, riguardo all’episodio della settimana prossima?

Continua a leggere


9 commenti

Il principe del brivido

L’inverno passato mi sono imbattuto in un articolo entusiasta, pubblicato su Facebook da un grande appassionato e conoscitore – così mi dicono – della letteratura orrifica. Il giovanotto (hey, sto per compiere 53 anni, chiunque abbia anche solo sei mesi meno di me è automaticamente un giovanotto) aveva appena scoperto un poco noto ma estremamente valido autore di narrativa horror. Un certo Clive Barker.

Ora sarebbe facile fare dell’ironia su questa incresciosa ma ahimé non poi così insolita faccenda, ma è certamente vero che esistono autori che per alcuni di noi sono colossi, e per altri sono semi-sconosciuti scrittori “che da un po’ non vengono ristampati”.
Dovremmo essere felici per il fatto di poter riscoprire autori che le ferree regole dell’editoria, e la cronica memoria corta del fandom, tendono a spingere nelle ombre.

As esempio, l’uomo che in Inghilterra era noto come “the prince of chill” – e che molti, troppi non conoscono. O non sanno di conoscere, come vedremo.
E mentre la Festa delle Ombre Lunghe si avvicina, come vedremo il Principe del Brivido merita di essere citato a buon diritto.

Continua a leggere