strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Metal detector

4 commenti

Parliamo di qualcosa di completamente diverso.
In queste afose e soffocanti notti d’estate, ho trovato un poco di respiro guardando una cosa intitolata Detectorists.
La BBC la fiscalizza come situation comedy, ma … beh, giudicate voi.

La trama in tre parole: Lance e Andy sono due sfigati, uno fa il carrellista ai mercati generali e l’altro fa l’uomo di fatica per il comune di Danebury per pagarsi l’università. Entrambi condividono l’hobby della ricerca col metal detector, e trascorrono il tempo libero per i campi dell’Essex, in cerca di fantomatiche sepolture sassoni.

Ed è più o meno tutto qui.

Certo, Lance è stato lasciato dalla moglie, e Andy ha una fidanzata che non si cura del suo hobby, e poi ci sono gli altri membri del Danebury Metal Detecting Club, e gli odiosi membri del club rivale. E il contadino sciroccato coi cani invisibili che forse ha sepolto la moglie in uno dei suoi campi.

detectorists

È una serie piccola.
Piccola perché breve – due stagioni, per il momento, da sei episodi ciascuna, più un Christmas Special. La terza stagione è in lavorazione, e poi basta, finisce lì.
Piccola perché ambientata in unpaesotto della provincia.
Ma piccola anche per la storia, che è quotidiana, domestica, tranquilla – anche quando i cani invisibili scompaiono.

È estremamente inglese, e mi sono reso conto, pochi minuti fa, mentre mettevo giù queste righe, che questa è una serie su dei nerd, o se preferite dei geek.
Ma quelli veri.

p02cbzfq

Persone con delle vite piccole e delle passioni strane, che prendono sul serio. Storie un po’ ridicole e un po’ tristi, senza risate registrate in sottofondo, senza l’odioso effetto da freakshow di certe situation comedies americane, senza citazionismi e strizzate d’occhio al pubblico.
Uno spettacolo di classe, fatto con pochissimi soldi e un cast meraviglioso.

image

Si rimane impressionati, nel guardare queste puntate, dalle capacità narrative di Mackenzie Crook, che alcuni riconosceranno come un comprimario nei film della serie dei Pirati dei Caraibi, e che qui fa da autore e regista, oltre a interpretare lo stralunato Andy.
Andy che però nel corso delle due brevi stagioni riesce a prendersi una laurea, e ad andare avanti. Perché questi personaggi, che provano con una canzone folk a riconquistare la moglie che di essere riconquistata non ha nessuna voglia, che si trovano al pub e che passeggiano per i prati col loro metal detector, sono comunque reali. Non macchiette, non stereotipi, non sagome di cartone.
Hanno una vita, ed è una vita della quale, attraverso questi pochi episodi da trenta minuti, scopriamo ci importa.
Così come ci importa dei cani invisibili, e dell’oro di re Sexred e dei suoi sassoni.
Lance e Andy e i membri del Danebury Metal Detecting Club non hanno vinto.
Ma sono vivi, e sono veri.
È così che si fa.

(e avendo parlato di geek, non può mancare un pezzo dei They Might be Giants)

Annunci

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

4 thoughts on “Metal detector

  1. Una cosa che ho notato io, infatti, è che i personaggi sono scritti così bene, e interpretati in maniera eccelsa, che non si necessitano 40 episodi da 60 minuti per conoscerli e affezzionarsi a loro.
    Sarebbe una serie da studiare prima di voler fare una commedia. Sempre se la si vuol fare intelligente…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...