strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

La Leggenda di Kyla Kidd

Lascia un commento

La narrativa legata ai giochi di ruolo è spesso molto scarsa.
Diciamo che la Legge di Sturgeon si applica in maniera sconfortantemente regolare, e il 95% di tutto è da buttare.

dimenovelMolti anni or sono, quando venne lanciata la linea Deadlands, la Pinnacle Entertainment buttò sul mercato qualcosa di molto molto differente – le Dime Novels.
Si tratava di piccoli supplementi, in formato tascabile, che contenevanoun racconto ambientato nell’universo di Deadlands, e poi tutto il materiale necessario per giocare quel racconto – trama, personaggi non giocanti, mappe…
Bella idea.
Successivamente, sempre per questa ambientazione, venero prodotte anche delle vere e proprie antologie di narrativa.
La qualità è sempre stata più che buona.
Ora pare che la tradizione stia per riprendere anche con Deadlands Noir.

Quando venne presentata al mondo la seconda edizione di 50 Fathoms, la Pinnacle decise di affiancare al manuale dell’ambientazione non delle dime novels, non una antologia, ma della narrativa seriale pura.
Nacque così la trilogia di Kyla Kidd, che ora – complice un buono scucito in maniere lunghe a spiegarsi – arriva sul mio hard disk.

91774Di cosa si tratta?
Di una serie avventurosa molto leggera, ma piuttosto divertente, composta da tre novelle – Through the Mists, Choices e Of Careens, Swings and Things.

La trama?
Il mondo di Caribdus è affogato sotto cinquanta braccia di oceano che hanno mandato a mollo la civiltà.
Solo gli uomini e le donne del mare – navigatori, pirati, avventurieri- sono sopravvissuti e portano avanti la loro civiltà.
Che è molto avventurosa, e molto trattabile.

In questa venue tipicamente da planetary romance, vengono periodicamente scaricati dei personaggi provenienti dalla Terra.
Ora sapete a cosa servono il Triangolo delle Bermuda – e tutti gli altri mari stregati della tradizione.

bjpg4-e1334169390746La trilogia, scritta da Tony Lee, segue la giovane ma agguerrita Kyla Kidd nella sua ricerca del padre – che altri non è che il famigerato Capitano William Kidd, icona della pirateria storica.
C’è un tesoro nascosto, naturalmente.
C’è una vendetta.
C’è una maledizione.
Ci sono parecchie giravolte e disavventure, un pugno di compagni leali, una bella carrellata di cattivi.

Il taglio è leggerissimo, e lo scopo – quello di trascinare il lettore su Caribdus, ed offrirgli un bel tour delle località tipiche – è scoperto e dichiarato.
Kyla è un personaggio piuttosto simpatico, e le sue avventure sono abbastanza divertenti da farci rimpiangere il fatto che non esista, per queste tre storie, l’appendice con le mappe, gli NPC, e tutto il resto.

94247Funziona, anche se non raggiunge, per quel che mi riguarda, vette stratosferiche.
Ci sono alcuni passaggi piuttosto divertenti, la gestione della struttura lineare da parte di Lee è buona, e certamente l’ambientazione ne risulta arricchita.
Ma forse ci sarebbe voluto un po’ più di coraggio, un po’ più di spazio.
Non c’era probabilmente polpa a sufficienza per farne un bel romanzone spesso, ma sarebbe stato bello dare più aria a certe idee, più spazio di manovra a certi personaggi.
Eppure, si legge volentieri.

Pirati, stregonerie, specie aliene, mostri pluritentacolati, un po’ di sana scollacciatura (molto morigerata) e delle copertine più che decenti.
Non ci possiamo lamentare.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.