strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Erik John Stark

10 commenti

[interrompiamo momentaneamente i post sull’ e-publishing/book/learning, per qualche minuto di onesto cartaceo. Di vecchio onesto cartaceo.]

È arrivato stamani, impacchettato in un agnolotto di cartone.
Quattrocento e rotte pagine, edizione Doubleday 1976, usato ma ben conservato, privo ahimé della sovracoperta a colori (Don Maitz?) riprodotta qui di fianco.
Proprio perché la copertina è assente, credo, il rivenditore si è accontentato del prezzo di una pizza  margherita, e non del cuore di una vergine circassa.

The Book of Skaith riunisce i tre romanzi centrali del ciclo di Erik John Stark, l’opera per la quale Leigh Brackett è ancora oggi ricordata con affetto ed ammirazione da migliaia di fan.
Sulla base di questo libro soltanto, la Brackett si è meritata il titolo di Regina della Space Opera, che detiene ormai da mezzo secolo.
Non che si tratti dell’unico lavoro memorabile della scrittrice – che sceneggiò Il Grande Sonno, Rio Bravo, Hatari!, El Dorado e L’Impero Colpisce Ancora, e pubblicò decine di racconti e romanzi di fantascienza e polizieschi

Lo maneggio con cura, The Book of Skaith, e lo metto da parte per l’inverno.
L’ho già letto, certo – uno dei primi libri che mi capitò di leggere in inglese, tre volumetti della Ballantine Del Rey.
Rileggerlo dopo più di vent’anni sarà un bel test – ma non dubito dei risultati.
Semplicemente, spero di appreazzare di più qualcosa di straordinario.

Vediamo di fare il punto.

Erik John Stark è una delle icone della fantascienza avventurosa degli anni ’40 e ’50.
Il fatto che non sia più conosciuto nel nostro paese dipende dal fatto che sono passati decenni, letteralmente, da quando le sue avventure sono state disponibili al pubblico in una edizione dignitosa.
L’edizione Libra ha praticamente la mia età. Poi si scopre un fantomatico Fanucci.
C’è un vecchio Classici Urania, c’è un’edizione Nord Oro del ’99… poi il silenzio.
Curioso, come praticamente tutti abbiano pubblicato Stark nel nostro paese, e nessuno sembri ricordarsene.

Trovatello cresciuto fra i selvaggi di mercurio dopo che i genitori terrestri sono stati uccisi in un disastro minerario, Stark è un po’ Tarzan, un po’ Mowgli, ma a differenza di questi personaggi è meno integrato, meno buon selvaggio e più alienato.
Il rapporto conflittuale con le origini umane lo porta a percorrere un cammino costellato di brutalità e di crimini.
C’è molto di Conan il Barbaro, in Stark, con più di intelligenza, più sofisticazione.

Le prime avventure di Stark, scritte a cavallo degli anni ’40 e ’50, si svolgono sul Marte post-Burroughsiano di tanto planetary romance, ed hanno titoli che da soli valgono il prezzo di ammissione – Queen of the Martians Catacombs, Enchantress of Venus e The Black Amazon of Mars.
Stark è un fuorilegge braccato, un avventuriero che casca suo malgrado in intrighi più grandi di lui, che deve affrontare segreti abbastanza oscuri e inquietanti da togliere il sono a personaggi meno blindati.
Come si può immaginare dai titoli, Stark avrà modo di incontrare donne belle e letali, e visitare luoghi pericolosi ed esotici.
A differenza di tanti eroi della fantascienza e del fantasy, Stark ha una deviata coscienza sociale.
Solitario, cinico, pessimista, rimane comunque un primitivo che sta dalla parte dei primitivi, ed i romanzi lasciano una forte sensazione di ambiguità quando descrivono l’influenza civilizzatrice della Terra sulle sue colonie interplanetarie.
Inoltre, in un dettaglio spesso trascurato dagli artisti dic opertina, Stark ha l’onore e la responsabilità di essere il primo eroe di colore della narrativa pulp e della space-opera.
Brackett è infatti chiara quando lo descrive come nero di pelle e di capelli.
Ma sulle copertine, praticamente mai.

Più tardi, con gli anni ’60, quando sonde ed esplorazioni spaziali scacciano per sempre l’idea di un sistema solare in cui possa fiorire la civiltà dei pulp, Brackett recupera Erik Stark e lo trasferisce nello spazio profondo, sul lontano pianeta Skaith.
Ancora avventura esotica, si penserà, ma questa volta c’è dell’altro.
Ennesimo pianeta morente popolato dall’ennesima civiltà sull’orlo dell’estinzione, Skaith infatti si dimostra un boccone troppo grande da ingoiare persino per Stark.
E se il nostro eroe esce solo grazie alle proprie riserve di intelligenza e di energia bestiale dallo scontro con l’ecologia, la srtoria e ciò che passa per civiltà su Skaith, l’ordalia ce lo consegna con una nuova, tagliente patina di saggezza.
Stark su Skaith non è più un turista col fulminatore, la soddisfazione di mille fantasie adolescenziali.
È maturo, è saggio.
Lo Stark di Skaith è uno dei migliori argomenti a difesa della necessità dell’uomo di proiettarsi in avanti, di sfuggire alle trappole dell’autocompiacimento e dell’indulgenza.
Stark parla per tutti coloro che vedono nel futuro l’unico luogo in cui sia possibile vivere, parla per l’umanità.

Ed è qui che l’altra arma straordinaria di Leigh Brackett, la disciplina narrativa, porta la serie al livello del capolavoro.
Non c’è unaparola sprecata, non c’è una scena che non lasci il lettore assolutamente alla deriva su un mare di sense of wonder.
Possiamo davvero dire che non li fanno più così.

Eppure per tutto il suo lirismo e per tutto il suo contenuto sovversivo, The Book of Skaith è comunque anche un grande spettacolo d’azione – fra paesaggi alieni, animali terribili e nemici tanto enigmatici quanto letali.
Ed è curioso immaginare come una donna dall’aria tanto mite quanto la Bracket potesse essere in contatto tanto diretto con gli aspetti più oscuri e selvaggi della natura e dell’animo umano.

Qui da noi, il ciclo di Skaith lo pubblicò la Libra, tanti e tanti anni or sono.
In originale, dopo due decenni di assenza, ora lo ristampa Paizo, nella benemerita collana Planet Stories in cui compare pure il suo antenato e forse unico concorrente al titolo di icona di un’epoca e di un genere, Northwest Smith, di C.L. Moore.
I più curiosi possono trovare gli altri racconti della serie nell’eccellente ed economico Sea Kings of Mars, della Gollancz; e nel raro e costoso Stark & The Star Kings. collezione pubblicata dalla Heffner, scoprire gli ultimi racconti del ciclo, scritti in collaborazione dalla Brackette dal marito Edmond Hamilton negli anni ’70, e pubblicati postumi negli anni ’80.

=-=-=-=-=
Powered by Blogilo

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

10 thoughts on “Erik John Stark

  1. Tanto per tornare agli ebook, Black Amazon of Mars è gratis su feedbooks… http://www.feedbooks.com/book/4844.epub

  2. Conservo con molta cura IL CICLO MARZIANO della Brackett pubblicato dalla Fanucci.Racconti come THE LAST DAYS OF SHANDAKOR rappresentarono quasi unpugno nello stomaco per la science fiction americana di quegli anni abituata ad eroi self made man tipicamente U.s.a.
    I personaggi della Brackett sono tutti figure border line.
    In fondo la sua benefica lezione fu che i suoi personaggi riescono a sopravvivere solo se s’integrano nell’ecosistema e nella società aliena,quelli che invece portano con loro i preconcetti umani e le limitazioni conseguenti nello spazio sono destinati a soccombere.
    Una mentalità rara nella fantascienza di allora(ma forse anche di oggi).
    Forse molti autori di oggi trarrebbero un gran giovamento a rileggersi Leigh Brackett.

  3. Skaith me lo ricordo straziante, con le stelle negate, le varie civiltà chiuse nelle loro paranoie religiose o ideologiche… Un gigantesco palcoscenico tragico. (Ancora più tragico il fatto che non riesca a trovare l’edizione Libra che ero convinto di avere ancora in casa…)

  4. N’Chaka è da sempre uno dei miei grandi “eroi”.
    Grazie di averlo ricordato, purtroppo oggi i ragazzini imbeilli neppure sanno chi siano lui o Matt Carse o Rick Urquarth nè conosco Jekkara, Barrakesh e i Canali Inferiori nè tantomeno forse Skaith.
    Soltanto una cosa di cui non sono sicuro, Stark è “nero” in quanto cotto dal sole di Mercurio, non credo sia “negro”, altrimenti la Brackett o un qualunque editore sarebbe intervenuto a correggere le copertine.

  5. Sul colore di Stark esiste un dibattito da decenni.
    In effetti la spiegazione più logica è che sia bruciato dal sole come tutti i mercuriani – ed è la versione accettata, ad esempio, dall’artista responsabile delle copertine della Paizo.
    Altri hanno segnalato alcuni elementi del testo (anche piuttosto scorretti politicamente) che sembrerebbero segnalare una componente africana nel DNA del nostro eroe.
    Di sicuro, che fosse genetica o acquisita, la sfumatura della pelle di Stark ha causato un sacco di grattacapi ad un sacco di illustratori 😉

  6. @Andrea
    Aggiungo che sulla Brackett esistono due succulenti saggi della Blue Tyson, disponibili per Kindle e in vari formati elettronici attraverso il web.

  7. scaricato Black Amazon of Mars e letto il primo capitolo sul mio IPhone ( sul treno) davvero bello. Un grazie a Davide e ad Andrea.

  8. Un altro cliente soddisfatto! 🙂

  9. Pingback: Top Five – Planetary Romance « strategie evolutive

  10. Pingback: I Sovrani delle Stelle « strategie evolutive

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.