strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


8 commenti

Insieme ai fulmini

kukriDavid Drake è un autore che ho sempre apprezzato, fin dai tempi degli Hammer’s Slammers.
Drake, che si è laureato in storia e ha interrotto gli studi di legge per servire in Vietnam, è uno dei pilastri della fantascienza militare, ma ha nel suo catalogo sterminato anche dell’orrore lovecraftiano (categoria in cui ha esordito, per i tipi di Arkham House), dell’eccellente fantasy, e dell’ottima space opera.
Alla voce space opera, in particolare, si trova la serie di Leary & Mundy, attualmente al suo undicesimo volume. Il primo dei quali, With the Lightnings è permanentemente disponibile gratis, e DRM-free, su Amazon, grazie alla politica digitale della Baen Books1, e potrebbe piacervi come lettura per il Ferragosto.

Di cosa stiamo parlando… Continua a leggere


6 commenti

Il Gambetto della Volpe

Ne avevo parlato un paio di settimane addietro, di Ninefox Gambit, primo volume della trilogia Machineries of Empire di Yoon Ha Lee, e si era detto che ne avremmo poi parlato estesamente.
Parliamone.

ninefox-gambit-yoon-ha-lee-e1465925982475

La trama in breve (più o meno): in un futuro remoto l’umanità è divisa in sei clan che fanno capo all’Esarchia. Il funzionamento dell’impero richiede una stretta aderenza a codici e rituali (il Calendario), che hanno in qualche modo una relazione con una realtà consensuale.
Periodicamente emergono fazioni “eretiche”, che implementando un diverso tipo di calendario cercano di alterare localmente non solo la struttura della società, ma anche quella della realtà.
Le eresie vengono represse senza pietà.
Nel momento in cui una nuova fazione eretica prende il controllo della Fortezza degli Aghi Dispersi, un nodo strategico essenziale, la repressione viene affidata a Kel Cheris, capitano di fanteria, che ha l’ingrato compito di fare da “ancora” a Shuohs Jedao, un generale che non ha mai perso una battaglia in vita sua. Continua a leggere


6 commenti

Hope & Glory: Part of the Machine

Mentre scrivo queste poche righe, i morlock al servizio di Amazon e di DriveThruRPG stanno trasportando i file di Hope & Glory: Part of the Machine sugli scaffali virtuali dei rispettivi negozi online.
Questo è il link per DriveThroughRPG. A breve, il terzo volume della serie Hope & Glory sarà disponibile anche su Amazon.

Selection_727

Abbiamo iniziato con Glass Houses, un’avventura spionistica nell’India del Raj che è al cuore del setting. Poi, con Number the Brave, ci siamo spostati in Nord Africa per una storia di guerra.

Il terzo volume della serie esplora la Russia – i “cattivi” dell’universo di Hope & Glory – in una storia che è essenzialmente un noir. Il genere ben si adatta alla decadenza e alla corruzione della corte dello Zar Vladimiro, sovrano di una nazione nella quale le divisioni sociali stanno spingendo verso una separazione in due specie diverse – da una parte l’aristocrazia che vive ai piani alti della Fortezza d’Inverno, e dall’altra i lavoratori che operano i macchinari nel sottosuolo.

In mezzo a tutto ciò, Varvara Vorovina Boleslavskaia, annoiata, corrotta ma con ancora uno straccio di decenza, scoprirà che ciò che pareva un bel gioco potrebe essere molto, molto pericoloso…

Come sempre, anche Part of the Machine contiene una voluminosa appendice che fornisce dettagli sull’Impero Russo e sulle sue cittadelle fra i ghiacci, traccia la storia dello sviluppo delle misteriose droghe con le quali la nobiltà mantiene il controllo sociale, e presenta varie altre informazioni per giocare a Savage Worlds nell’universo di Hope & Glory.

E ora, aspettiamo che i volumi vadano online, prima di impaginare e caricare il quarto della serie, che si svolge… ah, chissà.
Ma ormai il gioco è abbastanza chiaro, credo: diversa nazione, diverso genere.


13 commenti

Un post obbligato

Ci sono post obbligati.
Ieri se ne sono andati George A. Romero e Martin Landau e la Beeb ha annunciato che il tredicesimo dottore avrà degli organi sessuali interni anziché esterni.
Ieri i nerd hanno avuto una giornata campale, un misto di battute sugli zombie e sul ritorno di Romero dalla tomba, di lacrime per l’uomo che fu Bela Lugosi in Ed Wood, e deliri psicosessuali sulla natura dei Signori del Tempo e dove andremo a finire, signora mia, ma anche evviva evviva finalmente era ora.

Io di certe cose preferirei non parlare, però no.
Parliamone. Continua a leggere


18 commenti

Letture estive: come se non ci fosse un domani

Questo post ha, in un certo senso, attinenza con il progetto di crowdfunding delle mie storie, del quale abbiamo già parlato , e in particolare con la storia di hard science fiction che mi sono impegnato a scrivere come extra. Ed è una seconda risposta alla richiesta di un po’ di titoli da leggere sotto all’ombrellone.
Ma questo post ha anche molta più attinenza con la vostra vita e – ammesso che ve ne freghi qualcosa – con la vita dei vostri figli.

Comincia con un lungo articolo comparso su New York Magazine riguardo al cambiamento climatico.
È un articolo lungo ma che vale la pena di leggere, e il link è questo.

Ma poiché è in inglese, è lungo e fa caldo, vedrò di riassumerne i punti salienti qui sotto. Ripeto che dovreste leggerlo, ma per intanto, riassumiamo qui le basi.

La versione brevissima:

Morirete tutti in maniera orribile.

Ora, vediamo di approfondire. Continua a leggere


10 commenti

Letture estive – parte prima

Questo post segnala il ritorno del Piano Bar del Fantastico.
S. Mira mi ha chiesto una lista di titoli per chi i classici li ha già letti, “includendo la fantascienza”.

E potremmo anche provarci.
Solo che non ho proprio idea di cosa consigliare.
Perché non è che io sia particolarmente aggiornato con le nuove uscite sul mercato italiano.
E allora, cosa vi consiglio?
E se poi ve lo consiglio e non lo trovate?
E se ve lo consiglio in inglese e voi in inglese non leggete?
E d’altra parte cose interessanti in inglese ne segnalo con una certa frequenza.

È un bel problema.
Proviamoci… Continua a leggere


10 commenti

Una Ragazza Corrotta da Internet e la Razionalità

Allora, diciamo che siete un esperto in intelligenza artificiale che nel tempo libero blogga riguardo alla filosofia e alla matematica della razionalità.
Una cosina easy.
E diciamo che avete voglia di spiegare ai ragazzi delle superiori cos’è la razionalità, come funziona il sistema scientifico, come costruiamo le nostre convinzioni e come prendiamo le nostre decisioni, e come, conoscendo questi meccanismi, possiamo migliorare il nostro rapporto con la realtà.
Come fate?

Eliezer Yudkowsky, che è un esperto in intelligenze artificiali che blogga sulla razionalità, nel momento in cui si è trovato a voler spiegare la razionalità ai ragazzi, ha scritto una light novel su una ragazzina moderatamente depravata, che si ritrova a ricoprire suo malgrado il ruolo di colei che sconfiggerà l’Impero del Male.
Facile, no? Continua a leggere


4 commenti

Quando i mondi si scontrano: Deepsix

Parlando di fantascienza hard, una delle poche certezze che mi rimangono è Jack McDevitt. Lunga gavetta, molti premi, due serie decisamente valide composte di romanzi che si possono leggere anche fuori ordine e anche come one-shot e funzionano comunque.

quote-embrace-your-life-find-what-it-is-that-you-love-and-pursue-it-with-all-your-soul-for-if-you-do-jack-mcdevitt-251979

Io di solito faccio in modo di avere un paio di suoi libri a portata di mano, nel periodo estivo, o comunque per i periodi di fiacca.
Scrive bene, fila come un diretto, e non manca mai di avere delle ottime idee.

Deepsix, del 2001, appartiene al cosiddetto Ciclo dell’Accademia, il secondo inordine cronologico.
L’Accademia è una organizzazione che, mentre l’umanità si espande lentamente fra le stelle, studia i pianeti che attorno a quelle stelle orbitano.
Geologia, ecologia, archeologia…
Diciannove anni or sono, su Deepsix, pianeta che da millenni attraversa una glaciazione, la missione preliminare dell’Accademia è stata un disastro – ci sono stati dei morti, si sono persino lasciati dietro una navetta pur di darsela a gambe.
Ora, Deepsix sta per essere coinvolto in un evento astronomico senza precedenti: sta per venire inghiottito da un gigante gassoso, un pianeta errante in rotta di collisione.
L’occasone è ghiotta: per la nave carica di scienziati pronti ad osservare l’evento e raccogliere dati, e per la nave carica di turisti che vogliono godersi lo spettacolo.
Ma poi, un’osservazione di routine rivela sulla superficie del pianeta dei resti di edifici, in parte occultati dai ghiacci. Viene perciò avviata una improvvisata spedizione di archeologia di guerriglia, per raccattare tutto il materiale possibile. Un vascello con a bordo il personale qualificato per l’operazione viene dirottato, viene imbastito un piano di lavoro.
E poi le cose cominciano ad andare storte. Continua a leggere