strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


4 commenti

Tutte le cospirazioni in un posto solo: Night Vale

220px-Welcome_to_Night_ValeÈ new weird?
Probabilmente.
Sì, è new weird.
Forse.
Magari anche no.
Il fatto è che dare una esatta collocazione a Welcome to Night Vale non è proprio facile. Potrebbe essere una delle più colossali truffe della storia della narrativa fantastica – ma se non altro è una truffa eseguita con grazia da persone competenti, e quindi il suo stesso essere una truffa potrebbe essere parte dell’opera d’arte.
Per cui forse Welcome to Night Vale non è una truffa proprio per il suo essere una truffa, ma fatta benissimo. Continua a leggere


12 commenti

Rivolta nel 2100

If_This_Goes_On_ASFL’idea di base è: se un accorto affabulatore, appoggiandosi a un medium pervasivo (la televisione, per dire) riuscisse a far leva sulla paura da una parte e sul sentimento religioso dall’altra, potrebbe manipolare il sistema democratico ed arrivare al potere. Ed una volta arrivato al potere potrebbe manovrare in maniera da cortocircuitare definitivamente il sistema democratico stesso – andando ad esempio a colpire l’educazione, la ricerca scientifica e l’informazione, vale a dire quegli strumenti che gli individui possono utilizzare per fare scelte consapevoli.
Niente scelte consapevoli, niente democrazia.

Col rischio poi che qualcuno, un secolo dopo, decida di ribellarsi. Continua a leggere


6 commenti

Fantascienza sottomarina: The Deep (2010)

2010
L’Hermes, un sottomarino sperimentale in missione di studio fra i black smokers nel Lomonosov Ridge, nella zona di esclusione artica, scompare misteriosamente. Sei mesi dopo, l’Orpheus, vascello gemello dell’Hermes, in procinto di riprendere gli studi nella stessa area, viene dirottato per recuperare la scatola nera del vascello scomparso.

Questo, in sintesi, il concept alla base di The Deep, miniserie della BBC del 2010, che è il genere di claustrofobico e soffocante intrattenimento hard SF col quale ci si può distrarre in queste serate di ora legale. Continua a leggere


7 commenti

Solo cattivi o molto cattivi: Blake’s 7

B7-Logo1E così in una settimana, tra pranzo e cena, ho finito la prima stagione di Blake’s 7, ed ho iniziato la seconda – e la seconda l’avevo in effetti già vista, tanti anni fa, ma senza la prima ci si perde un po’ per strada.

Di cosa stiamo parlando?
Di una serie messa in piedi dalla BBC, per un totale di quattro stagioni, fra 1978 e 1981, 52 episodi in tutto.
Serie povera, poverissima, Blake’s 7, che spendeva nel 1978 per una intera stagione il budget che dodici anni prima Star Trek aveva avuto a disposizione per un singolo episodio.
Effetti speciali tristi, vecchi, al limite del ridicolo.
Ma non è sugli effetti speciali che si costruiscono le leggende, e Blake’s 7 è una leggenda, per un sacco di ottimi motivi.

L’idea di partenza, proposta dall’autore Terry Nation: quella sporca dozzina nello spazio.
Ma è molto meglio di così. Continua a leggere


25 commenti

Hope & Glory: Glass Houses

Sono davvero orgoglioso di annunciare che Glass Houses, la prima novella ambientata nell’universo di Hope & Glory, è finalmente disponibile via Amazon, RPGNow e DriveThruRPG, in a unavarietà di formati digitali.

È stata una corsa lunga, ed è bello vedere finalmente il primo titolo sugli scaffali. E devo assolutamente un grosso Grazie! e una colossale pacca sulla spalla collettiva a tutti coloro che hanno collaborato e stanno collaborando a questo prgetto e a questo libro.
Ne seguiranno molti altri.

205485

Glass Houses è una storia steampulp ambientata in un’India che non è mai esistita – è buona vecchia fantascienza, piena di intrighi ed avventure, ed è stata scritta sia peri giocatori che per coloro che non giocano.

Per saperne di più su Hope & GloryContinua a leggere


Lascia un commento

A due universi di distanza

Allora, vediamo se vi suona familiare: c’è stata una guerra galattica fra un impero malvagio e una benevola repubblica, un conflitto in cui sono stati coinvolti individui dotati di poteri quasi magici. Un intero pianeta è stato distrutto. Una giovane donna,membro dell’aristocrazia del pianeta distrutto, si è alleata con un contrabbandiere, proprietario della nave più veloce della galassia (anche se pare un rottame). I due si sono innamorati e, sconfitti i nemici, si sono sposati e hannoa vuto dei figli. Lei ha intrapreso la carriera diploimatica, lui è generale nelle forze repubblicane.

Già.
Ma questo è solo il prologo, e l’anno è il 1992. Continua a leggere


2 commenti

Ingoiare il cielo

23011894Carson è un corriere. In un futuro nel quale l’umanità è stata obbligata dagli eventi ad espandersi nello spazio e colonizzare la galassia, le comunicazioni fra sistemi stellari sono ancora affidate a chi trasporta fisicamente i contenuti.
Carson è anche un trafficante in antichità. Da 8000 anni l’umanità ha perduto ogni contatto con la vecchia Terra, distrutta dalla nanotecnologia sfuggita al controllo, e ogni frammento del passato vale tanto oro quanto pesa. Oro vero, non quello prodotto industrialmente…
Poi, durante una sosta su un pianeta tropicale per una consegna e un po’ di affari, Carson si trova invischiato in un complotto e obbligato col ricatto ad intraprendere una missione che ha del romanzesco: recarsi su Nuova Terra, prendere contatto con uno scienziato screditato, e con lui mettersi alla caccia di una antica biblioteca di testi terrestri, perduta da millenni.
Ma è più complicato di così.

Swallow the Sky è l’unico romanzo di Chris Mead.
L’autore è infatti scomparso nel 2015, mentre stava lavorando a un possibile sequel, e il suo primo e unico romanzo è stato successivamente rieditato e riveduto da sua figlia per la pubblicazione. Continua a leggere