strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti

Avventura vittoriana

8 commenti

Natale in anticipo – post fuori programma.
Il pochissimo tempo libero di questi giorni è stato impegnato nello scartabellare estatico il manuale di Leagues of Adventure, il nuovo gioco di ruolo pubblicato da Triple Ace Games e scritto da Paul “Wiggy” Wade-Williams.
Un piccolo gioiello, che merita tutta la fortuna che spero avrà.

Wade-Williams è un nome leggendario nell’ultima generazione di creatori di giochi – con un output colossale ed un livello qualitativo sempre molto alto, Wiggy ha contribuito ad espandere il sistema di Savage Worlds con innumerevoli avventure e supplementi, ed ha recentemente rivolto la propria attenzione all’altro sistema leggero e veloce per l’avventura e l’azione, l’Ubiquity System che fa da motore a Hollow Earth Expeditions.

KingSolomonsMinesFirstEditionLeagues of Adventure è un gioco di avventura vittoriana.
Ma non, ed è questo che è importante, necessariamente un gioco steampunk.
È piuttosto una impalcatura molto solida e molto flessibile per creare avventure affini a quelle pubblicate a suo tempo da H. Rider-Haggard o da Arthur Conan Doyle.
Da Verne e Wells, da Stevenson e da Kipling.
Scientific romance, avventura esotica.
Avventura vittoriana, nel suo senso più ampio.
Il settaggio fine delle manopole – per determinare il grado di avventura, il grado di realismo, il grado di steampunkaggine – resta saldamente nelle mani del master, che può usare il sistema per tutta una serie di possibili scenari.
E questo, senza diventare troppo generico o annacquato.

LOA_Cover1Cosa ci troviamo a maneggiare?
Un bel volume hardback di 250 pagine, stampato su carta buona in toni di grigio e con un breve inserto a colori.
Le pagine sono belle fitte, con un sacco di box-out e sidebar, e con margini molto stretti (non si paga per carta inutile).
Ottima copertina, che dà un’idea del tipo di grafica del supplemento.
All’interno

. il sistema Ubiquity – che è decisamente rapido e flessibile, ed include un paio di tocchi che permettono di simulare l’azione un po’ improbabile della narrativa avventurosa.
. una selezione di archetipi sui quali basare i personaggi – dal grande cacciatore bianco all’investigatore privato, ci sono tutti i classici – con relative abilità, vantaggi e svantaggi e ammennicoli vari.
. un buon capitolo per il master su come condurre un gioco entro questi generi, inclusa una bella bibliografia e filmografia
. e soprattutto un sacco, ma veramente un sacco di materiale per l’ambientazione

Ed è qui che il gioco brilla davvero di luce propria.
C’è una solida timeline, c’è un ricco Who’s Who.
La selezione di club ed organizzazioni disponibili per appoggiare i personaggi non è solo una stampella per l’avventura, o un extra per caratterizzare i personaggi, ma fornisce davero sapore al setting.
Dai Feniani all’Automobile Club, dall’Assassination Bureau al Marylebone Cricket Club, dalla Società degli Eccentrici alla Società Geologica ci sono club, leghe, cabale e associazioni per tutti igusti e le necessità.

EXPLORERS_CLUB_Hart-2_t640
Ed esistono anche leghe criminali, associazioni esoteriche e quant’altro.
Poi le ovvie liste di equipaggiamento d’epoca, e per chiudere 80 pagine solide di atlante.
old-world-mapUna meraviglia:

Le Miniere di Re Salomone? Ci sono.
Ophir? C’è.
Dahomei con le sue amazzoni? Certo che sì.
L’Eldorado? C’è.
Lochness? Presente.
Il Mondo Perduto? Pronto e disponibile.
L’altopiano di Leng?
La Tomba dell’Imperatore Qin?
Diavolo, c’è persino la Laguna Nera!

S2PEGS1004_500 (1)L’autore ci tiene a farci sapere che per quanto questo gioco sia compatibile con Hollow Earth Expeditions, si tratta di un gioco di un genere diverso.
Questo non è pulp anni ’30… questa è avventura vittoriana.
Con tutte le differenze del caso.
Ma nulla esclude di affiancarlo a Mysteries of the Hollow Earth, e portare un gruppo di vittoriani nel mondo interno che fa da palcoscenico all’altro gioco.
Le opzioni sono vastissime.

Per il gioco esistono un paio di avventure ed alcuni brevi supplementi monografici, tutti disponibili in formato elettronico per circa 4 euro al colpo.

Lati negativi?
Il prezzo, che non è esattamente amichevole – soprattutto per il pdf – per quanto sia in sintonia con i prezzi standard dei manuali di gioco di questi tempi.
E poi lo scarso supporto online – perché un bel sito dedicato, con del materiale extra (a cominciare da una copia in pdf della scheda del personaggio e della mappa del mondo) non sarebbe affatto male.
Ma non lagnamoci.
Leagues of Adventure è un bel concentrato di avventura fra due copertine colorate.
È Natale anzitempo.

Autore: Davide Mana

Paleontologist. By day, researcher, teacher and ecological statistics guru. By night, pulp fantasy author-publisher, translator and blogger. In the spare time, Orientalist Anonymous, guerilla cook.

8 thoughts on “Avventura vittoriana

  1. Si, Wiggy si conferma un grande designer/scrittore. Questo manuale in particolare, a quanto dice l’autore, ha richiesto un lungo lavoro di ricerca (cosa che viene fatta raramente dagli scrittori di RPG).
    Non ho ancora visto l’unica avventura uscita, ma e` di Sarah Newton, un’altra garanzia del settore, quindi sara` sicuramente all’altezza.

  2. So che non c’entra(?) nulla ma leggetevi questa storia gustosa che arriva dalla Scozia… “…Rumors say that the Black Castle Lady haunts the Caerlaverock Castle in the south-west of Scotland. History tells us that she was killed by her husband because she desired another man. Lately three men has disappeared inexplicably from the area. The only clue the Police have is that the men are descendants from the man that killed his wife in the 13th century. Could it be that the Black Castle Lady really exists..? Could it be…………”

  3. Suona davvero molto bello e interessante. 😀

    Oddio però il prezzo del pdf fa un po’ rabbrividire…

  4. Che voglia di provarlo! È dai tempi di Vampire Victorian Age che ho voglia di giocare nell’ambientazione vittoriana. Potrebbe essere un’occasione.

  5. Mi basterebbe il vittoriano classico con gentiluomini e dame in merletto e cammeo. Sarei contento davvero.

  6. Pingback: Il meglio dell’anno (?) « strategie evolutive

  7. Pingback: La piccola guida del buon esploratore vittoriano | strategie evolutive

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.