strategie evolutive

ciò che non ci uccide ci lascia storpi e sanguinanti


14 commenti

Una storia di scrivere

Riprendiamo i lavori dopo il Pinerole.
It’s a new dawn, come disse a suo tempo Grace Slick.
E potrei dilungarmi su quanto sia stato divertente incontrare i Selvaggi aPinerolo, e la partita a Hope & Glory, e lo yeti, e la minaccia dei misteriosi Unkara, e quanto è spettacolare la versione cartacea del mio gioco.
Ma ci sono cose che, se non più urgenti, sono per me più immediatamente interessanti.
Immagino abbiate sentito tutti di Catriona Lally.

image

Se non avete saputo, facciamo un breve riassunto e ci ragioniamo su. Continua a leggere


19 commenti

Tu non sei un assassino, sei un critico

E così come è andata?
La faccenda di scrivere ed editare in diretta, intendo.
Beh, è stato… interessante.

Siamo partiti alle diciotto, con poche idee ma tanta buona volontà.
Come ho spiegato altrove, negli esperimenti precedenti di scrittura online, e anche in Tastiere Roventi, avevo dei punti fermi: i suggerimenti dei lettori, il tema della storia…
Scrivere in questo modo è più facile.
Ci si può aggrappare a qualcosa, e partire, tenendo quei bersagli in vista, e procedere spediti.
Ma senza punti di riferimento?
L’eccesso di libertà è straordinariamente dispersivo.

Così, tanto per avere qualcosa a cui aggrapparmi, ho preso il mazzo di tarocchi che mi hanno recentemente regalato, e ho pescato tre carte a caso: Il Re di Coppe, la Temperanza, la Morte.
Una pescata profetica, come vedremo. Continua a leggere


8 commenti

Scrittura + Editing, gli orari

Qualche dettaglio sul nuovo esperimento di scrittura in pubblico.
Che poi, esperimento
Spettacolo è forse il termine più adatto?
O magari qualcosa di meno lusinghiero, chissà.
Sia come sia, si comincia domani nel tardo pomeriggio.
Posterò attorno alle 17.30, qui e sui social il link per accedere al documento Google.

ECCO IL LINK

Conto di scrivere dalle 18.00 alle 21/21.30, per poi lasciare la scena a Germano Hell Greco, che a quel punto avrà il resto della notte per editare il mio lavoro.
Con un po’ di fortuna, sarà tutto finito entro l’Ora di Cenerentola.
È la prima volta che con Germano lavoriamo in coppia in questo modo, e non abbiamo un’idea precisa dei tempi – e non mi pare il caso di mettere Germano all’opera dopo la mezzanotte, quando oltretutto non ci sarà nessuno per guardarlo lavorare.
E poiché credoche in questo caso sia l’editing, la parte interessante, mi è parso logico riservare il Prime Time per Hell1.

bear-writing-app

Cosa scriverò?
Non ne ho idea, MA ho appena ricevuto due interessanti open call, per due antologie di lingua inglese, e potrebbe essere interessante sfruttarle come spunti.
Una delle due, in particolare, richiede un pitch con allegate le prime 500/1000 parole2. L’esperimento di domani sera potrebbe essere un buon sistema per scrivere una prima bozza in italiano, della quale tradurre poi il primo migliaio di parole per il pitch. Bisognerà solo vedere se gli editor considererebbero a quel punto la storia come già pubblicata.

Perciò no, non ci sono piani precisi.
Solo tre ore di scrittura, e poi una spietata sessione di editing.
Ci sarà di che divertirsi.


  1. wikipedia mi informa che per l’Italia il Prime Time va dalle 21 alle 23.30.
    Direi che ci siamo. 
  2. e questa potrebbe essereunabuona occasione per ricordare ai lettori occasionali che io tengo anche un laboratorio online sui pitch per il mercato estero. Così, per dire. Si riparte da ottobre, quando spero che Gmail avrà risolto i miei problemi con la mail dei corsi. 


3 commenti

Scrittura & Editing, davanti a tutti

imagesE così è deciso – salvo imprevisti, giovedì prossimo, 27 Settembre io ed il mio amico Hell Greco ci lanceremo nel nostro esperimento di scrittura ed editing in pubblico.
Come ho fatto in passato, scriverò utilizzando Google Docs, e condividerò qui e su facebook e altrove il link in modo che possiate sbirciare da sopra alla mia spalla.
E poi, a prima stesura ultimata, passerò la palla a Hell, che si occuperà dell’editing.
Il racconto finito … beh, vedremo di cosa fare del racconto finito.
Per ora, abbiamo una data e un piano di massima.
Maggiori dettagli ed orari, nei prossimi giorni.


13 commenti

Piccoli e grossi segreti

 

Salve!

Come avrai già indovinato, il tuo account xxxx.xxxxxx@gmail.com è stato hackerato, perché è da lì che ho inviato questo messaggio. 😦

Io rappresento un gruppo internazionale famoso di hacker.
Nel periodo dal 22.07.2018 al 14.09.2018, su uno dei siti per adulti che hai visitato, hai preso un virus che avevamo creato noi.
In questo momento noi abbiamo accesso a tutta la tua corrispondenza, reti sociali, messenger.
Anzi, abbiamo i dump completi di questo tipo di informazioni.

Siamo al corrente di tutti i tuoi “piccoli e grossi segreti”, sì sì… Sembra che tu abbia tutta una vita segreta.
Abbiamo visto e registrato come ti sei divertito visitando siti per adulti… Dio mio, che gusti, che passioni tu hai… 🙂

Ma la cosa ancora più interessante è che periodicamente ti abbiamo registrato con la web cam del tuo dispositivo, sincronizzando la registrazione con quello che stavi guardando!
Non credo che tu voglia che tutti i tuoi segreti vedano i tuoi amici, la tua famiglia e soprattutto la tua persona più vicina.

Trasferischi 300$ sul nostro portafoglio di criptovaluta Bitcoin: 1LXxZyP7CKybaXA6jELu5YJ6UQzbdZz8RP
Garantisco che subito dopo provvederemo a eliminare tutti i tuoi segreti!
Dal momento in cui hai letto questo messaggio partirà un timer.
Avrai 48 ore per trasferire la somma indicata sopra.

Appena l’importo viene versato sul nostro conto tutti i tuoi dati saranno eliminati!
Se invece il pagamento non arriva, tutta la tua corrispondenza e i video che abbiamo registrato automaticamente saranno inviati a tutti i contatti che erano presenti sul tuo dispositivo nel momento di contagio!

Mi dispiace, ma bisogna pensare alla propria sicurezza!
Speriamo che questa storia ti insegni a nascondere i tuoi segreti in una maniera adeguata!
Stammi bene! Continua a leggere


Lascia un commento

60 Minutes Game

Screenshot from 2018-09-20 10-38-03Domani sera – venerdì 21 settembre – sarò coinvolto in un interessante esperimento ospitato da GDR Unplugged.
L’idea è quelal di prendere due creatori di giochi, dar loro una lista di parole votate dal pubblico, e concedere ai due malcapitati 60 minuti per creare un gioco.
Dal vivo.
Online.

Non ovviamente un gioco istantaneamente giocabile, ma diciamo un prototipo funzionante, una outline completa, un set di regole e linee guida e un abbozzo di setting.
Una cosa così.
Una versione 0.1

le-notti-di-nibiruCi si può riuscire?
Noi domani sera ci proveremo – noi nel senso del sottoscritto e di Daniele Fusetto, blogger a Storie di Ruolo e autore di Le Notti di Nibiru.

Tanto per metterci in difficoltà, dopo aver postato delle foto meno che lusinghiere delle vittime, l’organizzazione ha dato in pasto al pubblico una lista di parole-chiave improponibili, e il popolo ha espresso il proprio voto selezionando la seguente lista

  • passione
  • mappe
  • dolore
  • solitudine
  • coraggio
  • pastelli

Sì, ci vogliono male.
La mia idea – che non mancherò di proporre a Daniele – è di creare un gioco nel quale i giocatori partecipino, anziché seduti a un tavolo come di consueto, stando inginocchiati su delle matite, in modo da garantire partite brevi, ed al contempo includere in un sol colpo dolore e pastelli.

Ma al di là della follia e della crudeltà di organizzatori e pubblico, credo sarà un esperimento interesante e divertente.
E poi via, dura solo un’ora, giusto?

Per chi fosse interessato, ecco un po’ di link utili

Si parte domani sera alle 22.00
Come diceva quel tale, non importa cosa accadrà, purché sia interessante.


11 commenti

Scrittori ed Editor

Io ho un amico che si chiama Germano Hell Greco che fa l’editor.
Non il correttore di bozze, non il cacciatore di refusi.
Non quello che va su Facebook a raccontare stizzito quanto sono presuntuosi gli autori che edita e che neanche sanno l’italiano.
Non quello che dice che gli scrittori sono capre, e la qualità è tutta merito suo.
Non fa il pavone.
Germano fa l’editor.

editor

Che per il mercato nazionale è una figura misteriosa, ma che per chi scrive è come il confessore. È la persona alla quale affidiamo ciò che abbiamos critto, e lui lo sistema.
Trova le scemenze.
Elimina le brutture.
Suggerisce modifiche per rendere la storia più robusta, più veloce, più incisiva, migliore.
Come una canzone dei Daft Punk.

Se scriviamo, trovare un buon editor è la cosa migliore che ci possa capitare.
Io sono stato fortunato. Ho avuto degli ottimi editor.
Ne ho anche incontrati di pessimi? Certamente.
Ma quelli si lasciano alle spalle, e ci si tiene stretti quelli buoni.
Il rapporto di fiducia fra autore ed editor è assolutamente sacro.

Ma notoriamente io sono una persona senza vergogna, che scrive in pubblico davanti a tutti, per cui se ne parlava, con Germano, del fatto che la maggior parte delle persone pensa che un editor sia quello che elimina le d eufoniche e converte le miglia in chilometri, e ci si domandava come fare a far capire com’è veramente.
Quanto vale veramente.

La risposta?
Farlo in pubblico.

Per cui eccoci qui – stiamo ancora cercando una data che vada bene per entrambi, ma ciò che abbiamo in mente di fare è questo: io scriverò un racconto in una serata, usando Google Documents, e condividendo il link come ho fatto in passato, in modo che tutti possano guardare.
E poi passerò la palla a Germano, che editerà la storia, e ancora una volta il link sarà pubblico, e tutti potranno vedere cosa succede.

Per data e oram vi farò sapere quanto prima.